Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Il convegno intende promuovere la necessità di innovazione nell’ambito della tutela per favorire un approccio creativo alla promozione e alla difesa
dei diritti dell’infanzia.

L’obiettivo è quello di riposizionare la figura del bambino e del suo sistema al centro degli interventi per passare da un modello riparativo a uno costruttivo (o trasformativo).

Difendere l’idea che ogni fanciullo possa diventare un adulto avendo a disposizione molteplici opzioni di scelta per costruire il proprio futuro è molto più  che intervenire per interrompere la dimensione di pregiudizio.

Il sistema della tutela necessita della costruzione di uno spazio di crescita finalizzato alla definizione di un ulteriore sviluppo che affronti in maniera radicalmente  nuova, per adeguarlo alla mutata realtà, l’approccio al sistema sociale.

20 novembre

I dettagli organizzativi e il programma

Si può insegnare la partecipazione? Come si impara a vivere insieme? Come crescere da cittadini?

Riparte dall’educazione civile e dalle sue sfide la terza edizione del Cantiereducare, in programma dal 20 al 23 novembre a Parma.

L’evento, a cura della LUdE – Libera Università dell’Educare con il contributo della Fondazione Cariparma, dal 2015 analizza le principali questioni educative, intrecciando esperti ed esperienze per formulare proposte.

Quest'anno la location si sdoppia: tutti gli appuntamenti mattutini [lectio magistralis] e pomeridiani [razmataz, ovvero laboratori formativi e tavoli rielaborativi] si svolgeranno al Workout Pasubio (Via Palermo 6), mentre quelli serali [dintorni] troveranno spazio nel cuore della città, nel Palazzo del Governatore (Piazza Garibaldi 2).

Per celebrare i settant’anni della Costituzione della Repubblica Italiana, il CE proverà a rispondere alle urgenze educative connesse alla costruzione del senso di comunità con il contributo di educatori, famiglie, ricercatori e di tutti coloro che condividono responsabilità educative. Perché se è innegabile che siamo per nascita e al tempo stesso diventiamo con la crescita cittadini, non è altrettanto chiaro a chi spetta il lavoro educativo perché il soggetto possa farsi cittadino e fare cittadinanza: alla famiglia, alla scuola, alla comunità, a ciascuno di noi? Ma soprattutto quando, dove, in quali occasioni? È un compito di tutti ma pare di nessuno: sembra essere sparito dai programmi e dai progetti educativi in un momento storico in cui la partecipazione è generalmente ridotta al semplice gesto del voto o alla solitaria lamentela.

Come sempre, ogni giornata del CE sarà dedicata a un tema portante

20.11 - Il POTERE, un di più d responsabilità, al servizio ella città

21.11 - La GIUSTIZIA, a ciascuno il suo, nel rispetto dell'altro

22.11 - La SOLIDARIETÀ, la comunità di tutti

23.11 - La PATRIA, un luogo comune

IL PROGRAMMA DEL CE18 EDUCAZIONE CIVILE

ISCRIVITI PER PARTECIPARE AI LABORATORI

cantiereducare

La V.I.G. (www.videointeractionguidance.net) è un modello d’intervento finalizzato a fare evolvere in senso positivo “relazioni significative” (genitore-figlio, partner-partner, caregiver-utente, insegnante-allievo) utilizzando sessioni di ripresa e video feedback.

Attraverso la video analisi delle “interazioni di successo” i clienti vengono supportati nel risolvere le loro difficoltà attuali e ad aumentare la loro sensibilità e capacità di entrare in sintonia con l’altro.

Quando è utilizzata da professionisti per riflettere sulla propria comunicazione con gli utenti presi in carico si chiama VERP, “pratica riflessiva facilitata dal video”.

28 novembre

I dettagli organizzativi e il programma

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Seguici anche su Facebook

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca