Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

hands 1167618 480

 

Che internet abbia alterato ed espanso i confini generazionali lo sapevamo già, ma presi dal rimbalzo accusatorio del rispecchiamento di colpe e accuse tra genitori e figli, tra adulti e nuove leve, corriamo il rischio di perdere di mano aspetti dinamici e strutturali che generano e logorano la terra dei perché. 

Partiamo da una considerazione ormai onnipresente nell’ infiltrazione digitale nelle nostre vite che mette in primo piano come oggi, se lo desideriamo, riusciamo a sapere tutto e di tutti. Con un semplice touch, basta immettere l’informazione [sia esso un nome o un cognome o un immagine] nello Sherlock Holmes googliano e riusciamo a scovare qualcosa, a trovare almeno un indizio [vuoi anche che esso sia assenza totale di informazioni che denotano nel gergo adolescenziale scarsa popolarità] per orientare la ricerca su aspetti particolari di quel o quei personaggi, sui luoghi da essi frequentati, sulle immagini che hanno diffuso in rete, nella capillarità di eventi e nessi che il web  lega in modo indissolubile nell’arte che le è più usuale, ovvero quella di connettere.

Lo sanno bene gli adolescenti che nella diffusione e nell’inseguimento di selfie, video e storie su Instagram seguono in fila, come tanti piccoli indiani Sioux, le tante orme tracciate dal gruppo adolescenziale nella poliedrica vastità di un territorio che cambia in modo repentino scenari, ambienti, clima.  

I genitori pre-digitali d’altra parte, sanno bene quanto il gruppo in adolescenza sia compatto e solidale soprattutto per far forza e struttura alla contrapposizione con l’adulto, punto di riferimento e per questo di scontro e critica nel momento in cui si confronta con il desiderio/timore di abbattere, mettere alla prova, sperimentare in modo rocambolesco il polo di appoggio, o il trampolino di lancio, che spinge in alto e permette finalmente di provare a spiccare il volo finalmente da soli. Processo naturale, dinamicamente ricercato per il giro di boa verso i lidi della quotidianità adulta, ricercata, bramata e criticata quando si è dall’altra parte.

C’è un però nel web, lo sappiamo e lo abbiamo ripetuto più volte, la via d’ingresso ci appare sempre chiara ma gli effetti del nostro agire digitale nell’ingranaggio mediatico possiamo captarli soltanto nel ritorno nelle nostre vite reali. In questo caso il gruppo adolescenziale perde la sua compattezza fisica di argine e fortezza chiusa e si espande nel gioco degli specchi e dei riflessi mediatici dove tutto può essere amplificato, caricato e espanso prendendosi beffa degli argini consolidati, del tempo e dello spazio.

Nella cassa di risonanza digitale anche il confronto/scontro tra genitori e figli, assume toni alti e si carica di voci fuori campo che immettono ulteriore confusione, noti stonate, alla già di per sé difficile traversata dell’autonomia e dello svincolo generazionale dei bambini ormai divenuti grandi, e dei grandi che si trovano alle prese con l’arduo bilancio di essere stati bravi e corretti genitori.

Genitori e figli a confronto che trovano nel web uno spazio in cui riconoscersi, aggrapparsi e compattarsi creando gruppi di appartenenza apparentemente distinti ma talmente evanescenti che, nelle connessioni digitali, si legano a vicenda e si aggrovigliano sommando confusione alla confusione, logorando confini generazionali e orientando la critica e il giudizio su parametri nuovi che vengono diffusi, gridati, urlati nelle pagine web.

Facebook prima era territorio adolescenziale ora è principalmente terreno adulto e per tale motivo diventa per i giovani la motivazione principale per direzionarsi su un social diverso, in questo caso Instagram, nel quale si parla principalmente con il loro slang iconico e rappresentativo per trasmettere ciò che si pensa, chi si è, dove si sta andando e cosa si sta facendo.

Adolescenti che partono, adulti che seguono e nelle peregrinazioni mediatiche alcuni di loro, compattandosi in gruppi con caratteristiche di appartenenza similari, ritrovano un loro fare adolescenziale e perdono di vista il loro ruolo educativo e formativo che dovrebbe rimanere tale anche sotto le spinte del vento di ribellione e distacco, nel quale il giudizio e critica è nella messa a verifica del ruolo genitoriale piuttosto che su comportamenti di regressione.

Nei discorsi dei ragazzi, a scuola, nei gruppi, negli stessi social, sta emergendo sempre più con maggiore chiarezza quanto i figli rimangano sbigottiti dai comportamenti poco educativi dei genitori che li imitano nelle pubblicazioni di selfie e immagini ritoccate in cui emerge in modo preponderante l’allontanamento del loro essere rivolti a loro e la centratura nel ritrovare aspetti del loro stesso sé giovanile ormai lontano.

Nel momento in cui mi espongo e l’invito ad esporsi nel web assume toni esponenziali, mi metto nelle condizioni di essere osservato, a volte compreso altre giudicato, in un proliferare di like ma anche di commenti negativi, derisioni, rispetto ad una forma che mostro e che ingloba un contenuto che ha difficoltà ad essere visto e il più delle volte, soprattutto per gli adolescenti viene celato. Occhi puntati questa volta sul gruppo, che segue, giudica fornisce indicazioni e nuovi linguaggi, che forse per la prima volta nella storia, il gruppo degli adulti tende ad emulare e far propri.

Quanti di noi, hanno cambiato l’immagine del profilo WhatsApp per comunicare a qualcuno un proprio stato d’animo o un messaggio criptato come gli adolescenti sono ormai soliti fare? Quanti altri hanno controllato i profili di amici per sbirciare nelle loro vite? Quanti gruppi classe sono stati creati per agevolare le comunicazioni tra genitori e quanti vengono invasi da conversazioni fuori luogo e fuori tempo? Forma di genitori che seguono e che si perdono nel narcisismo social dell’apparire agli occhi degli altri come un buon e, permettetemi di dirlo, moderno e simpatico genitore perdendo di vista l’obiettivo primario della protezione dei propri figli.

download

 

Giudizio che dilaga nel gruppo di adulti che, criticano, giudicano la fortezza adolescenziale per ritrovarsi spesso nel web ad emulare gli adolescenti alla ricerca spasmodica di un proprio spazio proiettivo nel quale ci si dimentica, per un po’, delle problematiche che ci sono in casa, al lavoro, nei rapporti siano essi amicali, coniugali, familiari o con i propri figli adolescenti che sgomitano per proteggere il loro spazio vitale fino a divenire grilli parlanti, generazionalmente invertiti, nel tentativo di riportare mamma e papà nell’abito valoriale che dovrebbero indossare nel loro ruolo educativo, anche nel momento dello scontro/riscontro di quanto seminato nel loro percorso di crescita.

Fermiamoci un attimo:

Il nostro ruolo educativo non finisce con l’adolescenza dei nostri figli, ed anzi questo è un momento clue per mettere alla prova e verificare quanto si è costruito nella traiettoria di sviluppo del bambino, mantenendo consolidati gli argini di un confine genitoriale che contiene, protegge ed è, nonostante gli scontri e le critiche, ancora carico di direttive e autorevolezza.

John Bowlby il padre della teoria dell’attaccamento amava ripetere che il ruolo della base sicura in adolescenza è quello di attesa, ma non è per questo meno vitale. Non riempiamo questa attesa di narcisismi mediatici, che logoreranno la nostra capacità critica, ma manteniamo lo sguardo dritto sui passi di svincolo dei nostri figli pronti ad accoglierli se cadranno e a spingerli avanti se tentenneranno rafforzando il confine educativo di valore e sano senso del giudizio.

 

BUONA ATTESA

E

COSTRUTTIVO SCONTRO!

 

 

© Riproduzione Vietata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

beach 1356094 480

Fermo immagine: ore 9.30 Circo Massimo Roma:

SE….

Matteo, un bambino di 6 anni sale su una colonnina alta quanto lui, ha difficoltà a farlo ma non demorde. L’equilibrio precario con cui si muove e con cui cerca in maniera gloriosa di portare a termine la sua impresa, viene minato dal fatto che nella mano destra stringe con forza il cellulare. Nel momento in cui riesce finalmente a salire, ignaro della bellezza che lo avvolge, si mette davanti alla faccia il telefonino e attua/mima il gesto ormai consueto del selfie. I genitori continuano a camminare davanti a lui e sorridono orgogliosi di un fare simil adulto-tecnologico che è nelle mani dei bambini ed è entrato “naturalmente” nei loro gesti.

team 3373638 480

L’incontro uomo-pc, dispositivi digitali, nuovi media, è stato progettato nella sua straordinaria potenzialità progressista, con l’obiettivo/speranza di fornire all’uomo una strumentalità ideale che gli permettesse di godere della sua genialità di essere protagonista e artefice di un avanzamento tecnologico predisposto per essere governato da lui e al suo servizio.

selfie 3611467 480

Che l’avvento di Internet, e nello specifico dei social, abbia cambiato il nostro modo di comunicare lo sapevamo già, e soprattutto lo viviamo giorno per giorno nel qui ed ora della rincorsa whatsappiana che condensa in modo repentino il nostro fluire di pensieri e parole molto spesso “non dette”, ma trascritte nel mix enciclopedico di immagini, audio minimal, riduzioni sintattiche per stare al passo con i tempi e velocizzare/ampliare i nostri contatti alla ricerca dell’ iperconnessione costante e quantitativamente elevata che ci permette di cacciare con mano l’ombra inquietante della solitudine. 

gomitolo di filo ulluminated dai raggi del tramonto 82742919

 

La rivoluzione digitale, come ogni rivoluzione che voglia essere chiamata tale, ha comportato grandi stravolgimenti nel fare quotidiano, modificando abitudini, comportamenti, azioni, nessi causali, riflessioni, pensieri e questo leit motiv caratterizza ancora di più l’era digitale in un dialogo congiunto tra due realtà inizialmente distinte, di supporto l’una all’altra, che si sono integrate e modificate a vicenda in un groviglio comunicativo nel quale, frequentemente, si perde il punto di partenza e/o di aggancio, di quel filo narrativo che partendo da un La digitale ha creato e sta creando,  sinfonie ed echi diversi che si riversano nel nostro quid presente nella traversata verso un  futuro non molto lontano e per certi versi algoritmicamente prevedibile.

carta e penna

Uno degli effetti “rimbalzo” dello tsunami virtuale, come mi piace rappresentare l’avanzamento digitale sulle nostre vite, è stato quello di trasformare la nostra capacità di scrittura e di conseguenza di lettura, generando un nuovo assioma della comunicazione in cui domina l’interpretazione soggettiva come pilastro di autenticità di un conoscere che svicola e sgomita nell’infinità delle diverse rappresentazioni/aspettative della realtà. 

Rosy

Rosy, la tata pasticciona al servizio della famiglia Jetsons, i pronipoti nella versione italiana della divertente serie Tv di Hanna e Barbera, futuristica allora (1962), arcaica oggi, rappresenta l’emblema dell’era attuale: digitale/reale, fantascienza/vintage melanconici, perfetta e sincrona integrazione tra analogico e digitale in un fare sempre più interconnesso mente-corpo che i latini avevano predittivamente preventivato nella nota locuzione del mens sana in corpore sano.

ansiolitico

Fermo immagine INFANZIA:

Simona rientra a casa esausta ma soddisfatta della sua giornata. È riuscita a fare tutte le cose che si era programmata. La spesa per organizzare la cena di compleanno di Marco, suo marito, ha portato il cane dal veterinario per fare il rinnovo del vaccino, è riuscita a chiamare la sua amica Tiziana e anche a portare Matteo (1 anno e 1/2) al parco. Tutto fila liscio nella programmazione quotidiana e manca solo di allestire la tavola per fare una sorpresa a papà: “Matteo tesoro, vedrai che bella festa che facciamo a papo. Vieni qui vicino a me, così ti faccio vedere cosa ho comprato e mi aiuti a sistemare le cose”. Matteo dal canto suo, dopo una giornata piroettante è stanco ed affamato e inizia a fare i suoi soliti capricci serali. Allunga le braccia verso la mamma con la chiara ed inconfondibile intenzione di essere preso in braccio. Simona sa che nell’assecondarlo la sua scaletta ben cadenzata dovrebbe essere rivista e, come fa spesso la sera, prende il tablet sul tavolo, tata ideale, e apre il video preferito di Matteo che magicamente si calma  e smette di frignare.

specchio

8 del mattino: un ristretto, uno schiumato, uno in tazza piccola, uno lungo con crema di zucchero, uno con latte di soia. Rumori di fondo nel chiacchiericcio giornaliero del bar, sotto casa o vicino al lavoro, dove ognuno sceglie il suo caffè personalizzato, dose start di caffeina per dare avvio al tran tran quotidiano. Nel nostro gioco di rievocazione blocchiamo il sonoro e concentriamoci sui gesti. Mario prende in mano la tazzina fumante del suo caffè, Alessia lo osserva distrattamente e fa un cenno al barista per arrivare anche lei a compiere lo stesso gesto, ma già prima ancora che possa farlo, nel suo cervello sono “illuminati” (attivati) i suoi neuroni specchio facendole provare la sensazione che sta sperimentando, dall’altra parte del bancone, Mario.

Chi mi legge sa che, dal mio personale punto di vista, il web inteso come spazio virtuale simil-reale (in relazione all’impossibilità di cogliere gli eventi senza la partecipazione globale di tutti i sensi), è un amplificatore del disagio e, proprio per questo, un corretto rilevatore dello stesso nel momento in cui nelle pagine www. compaiono distorsioni, caricature, fenomeni nuovi che hanno alla base un comune denominatore: web-chiave onirica per distaccarsi dalla realtà e potenziale nemico deformante un Sé vacillante in fase di maturazione e in casi estremi apparentemente maturo (nel memo-monito di un’educazione digitale, a volte molto poco considerata, nella sua valenza esemplificativa-imitativa).

Iscriviti alla newsletter

Link amici

Area riservata