Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

×

Attenzione

Joomla\CMS\Cache\Storage\FileStorage::_deleteFolder JFolder: :delete: Non è stato possibile eliminare cartella. Percorso: /web/htdocs/www.ubiminor.org/home/cache/com_content

Gli adulti dovrebbero parlare con gli adolescenti del bere, così come dovrebbero aprire con loro un canale di comunicazione riguardo al sesso. In aggiunta, però, oltre ad affrontare separatamente questi temi, dovrebbero tenere presente che i ragazzi sono più propensi degli adulti a unire le due cose.

20181206 alcolsesso 8 

Il senso comune suggerisce e la ricerca conferma, spiega la psicologa Lisa Dalmour, che fare sesso da ubriachi può essere una cattiva idea. Inoltre, bere da minorenni è illegale.

A parte la questione legale, i risultati di una nuova indagine effettuata sui oltre 7000 studenti universitari presso l'Università dell'Indiana dimostrano che il sesso consensuale è meno piacevole e meno fortemente voluto quando uno o entrambi i partecipanti hanno bevuto. Altre ricerche collegano l'uso di alcol a più alti tassi di rapporti non protetti.

L'ubriachezza, non a caso, aumenta anche la probabilità di diventare autori o vittime di violenza sessuale. I ragazzi dopo aver bevuto diventano meno capaci di leggere i segnali sociali, meno propensi a rispettare un “no” e più propensi a usare l'alcol come scusa per impegnarsi in comportamenti scorretti.

Oltre a questo, il sondaggio dell'Indiana University ha rilevato che le vittime di violenza sessuale (sia maschi che femmine) hanno dichiarato con molta maggiore frequenza di essere stati troppo ubriache per opporsi al sesso piuttosto che essere state minacciate, fisicamente forzate o deliberatamente drogate.

Dato che l'attività sessuale sotto effetto di alcol, sia eterosessuale che omosessuale, può comportare rischi maggiori e minori soddisfazioni rispetto a incontri sobri, si potrebbe essere tentati di liquidare i giovani come spericolati o insensati per avere unito le due cose. Il mio lavoro di psicologa, tuttavia, continua la professoressa, mi ha insegnato che gli adolescenti hanno sempre precise ragioni per fare scelte che sembrano essere contro il loro interesse personale.

Prendere sul serio queste ragioni può essere il modo di avviare con loro un dialogo che possa aiutarli a prendersi cura di se stessi e dei loro partner.

Quindi, occorre domandarsi: perché i giovani mescolano sesso e alcol?


Gli adolescenti bevono perché sono ansiosi e insicuri riguardo ai rapporti intimi

Gli adolescenti possono considerare l'ansia come problematica e bere per smussare il nervosismo che è una parte naturale di una vita affettiva "in erba".

Sfortunatamente, l'ansia, come lo stress, può diventare una brutta cosa. I nervi possono sfuggire al controllo, tuttavia sentirsi occasionalmente ansiosi è un normale e sano stato d'animo della vita. E cosa potrebbe essere più normale di sentirsi in imbarazzo riguardo all'intimità fisica, soprattutto quando è una cosa nuova e non familiare?

20181206 alcolsesso 8a

Facciamo bene ai giovani quando li avvertiamo che nei primi tempi di una relazione affettiva, o quando si diventa intimi di una persona, questo provoca apprensione. Come spiega lo psicologo Richard Weissbourd dell'Università di Harvard, le prime esperienze sessuali sono destinate a provocare ansia perché sono spesso "sovraccariche di aspettative e preoccupazioni per le prestazioni".

Occorre aiutare gli adolescenti ricordando loro che il nervosismo che provano non è solo normale ma finalizzato a salvaguardarli.

"Quando si tratta della tua vita amorosa" potremmo dire loro, continua la psicologa, "’avere le farfalle nello stomaco’ può essere parte del divertimento. Ma se ti trovi in ​​una situazione che ti rende davvero nervoso, presta attenzione a quel segnale di avviso. L'ultima cosa che dovresti fare è iniziare a bere per rilassarti".


Pensano che tutti gli altri abbiano rapporti da ubriachi

I media più popolari hanno fatto la loro parte per suggerire che gli incontri sessuali di una notte, da ubriachi, abbiano sostituito il corteggiamento e il romanticismo tra i giovani. È una sorta di sceneggiatura che viene diffusa: si pensa che ci si possa ubriacare e fare sesso con chiunque. Quando gli adolescenti credono che dovrebbero avere rapporti con estranei conosciuti online, l'unico modo per riuscire a farlo pensano sia quello di bere, per ridurre la loro ansia e il loro imbarazzo.

È interessante notare che le percezioni di come facilmente possa avvenire uno scambio sessuale non corrispondano alla realtà. In verità, gli adolescenti di oggi hanno meno probabilità di avere avuto rapporti sessuali rispetto a quelli delle generazioni precedenti. E tra i diciottenni e diciannovenni sessualmente attivi, solo un quarto ha avuto più di un partner sessuale nell'ultimo anno.

Gli adulti possono aiutarli ribaltando questa narrazione superficiale dell’incontro, incoraggiando gli adolescenti a non crederci. Ad esempio, si possono far loro conoscere i risultati di un recente sondaggio che chiedeva ai ragazzi dai 18 ai 25 anni di descrivere il loro ideale venerdì sera. L'84% degli intervistati ha dichiarato che preferirebbe fare sesso nel contesto di una relazione seria oppure di fare qualcos'altro, piuttosto che avere rapporti sessuali casuali.

Come spiega Debby Herbenick, direttore del Center for Sexual Health dell'Indiana University e autore principale della recente indagine lì condotta, si possono rassicurare gli adolescenti sul fatto che gli studi ci dicono che la maggior parte dei giovani "vuole essere innamorata e avere appuntamenti con persone con cui ha una relazione profonda".

A partire da questo, li si può guidare a considerare il tipo di vita affettiva che loro stessi vorrebbero trovare.

20181206 alcolsesso 5


Le giovani donne possono bere per difendere la loro reputazione

La ricerca conferma che il "doppio standard" eterosessuale fatto di luoghi comuni è vivo e vegeto. E finché i ragazzi sessualmente attivi vengono chiamati “stalloni” e le ragazze vengono definite “sgualdrine”, alcune giovani donne che scelgono di fare sesso possono decidere di bere per minimizzare le conseguenze sociali negando il loro libero arbitrio e incolpando l'alcol di quello che hanno deciso di fare.

Dalle sue conversazioni con gli studenti delle scuole superiori, la dottoressa Herbenick ha imparato che le ragazze sono ben consapevoli del fatto che se "si hanno rapporti sessuali con qualcuno quando sono completamente sobrie, ci sono più probabilità di essere 'svergognate' e di essere considerate sessualmente facili“.

Gli adulti possono trovare il modo di correggere questo squilibrio sessista e pericoloso.

Ad esempio, se si sentono adolescenti che parlano di ragazze che fanno sesso da ubriache, o loro pari che usano termini come prostituta o puttana, dovrebbero chiedere: "Perché dovrebbe essere giusto, a tuo parere, che solo i ragazzi abbiano rapporti sessuali promiscui?" E "Perché solo le ragazze devono preoccuparsi di essere pesantemente criticate se fanno sesso da sobrie?"

Quando parliamo con le nostre figlie e i nostri figli delle relazioni fisiche, dovremmo abbandonare il pervasivo quadro di ragazzi “all’attacco” e di ragazze “in difesa “. Invece, occorre riconoscere che le ragazze, come i ragazzi, provano desiderio.

A ciò possiamo aggiungere che fare sesso mentre si è sobri aiuta le giovani donne e i loro partner a sintonizzarsi su quello che quei desideri in realtà sono.

Le conversazioni sul sesso e sul bere – e ancora meno quelle sulle due cose insieme - non sono facili. Né portano a soluzioni semplici o ovvie. Ma la maggior parte dei giovani vuole tracciare un percorso sano attraverso le ansie, le pressioni sociali e i doppi standard che circondano le prime fasi dell'intimità fisica. E noi adulti, conclude la professoressa, dovremmo volere questo tanto quanto loro, aiutandoli a raggiungerlo.