Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

×

Attenzione

Joomla\CMS\Cache\Storage\FileStorage::_deleteFolder JFolder: :delete: Non è stato possibile eliminare cartella. Percorso: /web/htdocs/www.ubiminor.org/home/cache/com_content

Il brusco passaggio allo studio e alle lezioni in remoto avrebbe cancellato mesi di apprendimenti, ampliando le lacune e le differenze tra studenti di diversa etnia e possibilità economiche, secondo una recente ricerca effettuata in America.

20200615 svantaggio 1

Sono risultati preoccupanti che possono essere letti anche per comprendere e rimediare a quanto sta avvenendo nel nostro Paese.

La ricerca sottolinea come, mentre una popolazione di studenti provati dall’isolamento e dalle lezioni a casa si sta avvicinando alla fine dell’anno scolastico, emerge un quadro chiaro dell'entità della perdita di apprendimento tra i ragazzi statunitensi che dovrà essere colmato alla riapertura delle scuole.

Lo studio indica che a settembre la maggior parte degli studenti sarà indietro rispetto a quanto sarebbe accaduto senza l’interruzione, con alcuni studenti che hanno perso l'equivalente di un anno scolastico di apprendimenti. Le differenze tra giovani per etnia e condizione socioeconomica si allargheranno molto probabilmente a causa delle disparità nelle possibilità di accesso ai computer, per il livello delle connessioni Internet domestiche e quindi all'istruzione che potrebbero garantire gli insegnanti.

E la crisi è tutt'altro che finita. Il danno agli studenti potrebbe aumentare se le scuole continuassero a insegnare online in tutto o in parte anche in autunno o se riaprissero con significativi tagli di bilancio a causa della recessione economica. I tassi di abbandono delle scuole superiori potrebbero aumentare, affermano i ricercatori, mentre i ragazzi più piccoli potrebbero perdere i concetti di base di lingua e matematica, che sono il fondamento di ulteriori passaggi in termini di percorso scolastico e poi di lavoro.

Lo studente medio potrebbe iniziare l'anno scolastico successivo avendo perso fino a un terzo dei progressi previsti rispetto all'anno precedente nella lettura e la metà dei progressi previsti in matematica, secondo un documento di lavoro della NWEA, un'organizzazione senza scopo di lucro, e di studiosi presso Brown University e l'Università della Virginia.

Un'analisi separata di 800.000 studenti di ricercatori di Brown e Harvard ha esaminato come Zearn, un programma di matematica online, è stato utilizzato sia prima che dopo la chiusura delle scuole a marzo. Ha scoperto che alla fine di aprile, i progressi degli studenti in matematica erano diminuiti di circa la metà nelle classi di zone a basso reddito, di un terzo in quelle a medio reddito e per nulla in quelle ad alto reddito.

Quando si tiene conto di tutti gli impatti, lo studente medio potrebbe rimanere indietro di sette mesi a livello scolastico, mentre gli studenti neri e ispanici potrebbero sperimentare perdite di apprendimento ancora maggiori, equivalenti a 10 mesi per i giovani neri e nove mesi per i latini.

Ci sono diverse ragioni per cui gli studenti a basso reddito, neri e ispanici sembrano soffrire di più durante la crisi. Il Center on Reinventing Public Education, un gruppo di esperti, rilascerà un'analisi a breve sulle politiche di apprendimento della pandemia di 477 distretti scolastici. È emerso che solo un quinto ha richiesto l'insegnamento dal vivo tramite video e che i ricchi distretti scolastici avevano il doppio delle probabilità di fornire tale insegnamento rispetto ai distretti a basso reddito.

20200615 svantaggio 6

Quasi tutte le scuole hanno fornito compiti da completare in modo indipendente per gli studenti, questo tuttavia non comporta significa necessariamente che gli insegnanti abbiano tenuto lezioni a distanza. Le scuole con molti studenti poveri a volte hanno scelto di allentare le aspettative didattiche sugli insegnanti perché sapevano che le famiglie non avevano un accesso affidabile ai computer di casa o alle connessioni Internet in grado di trasmettere video in streaming.

Le disparità nel progresso dell'istruzione non sembrano tuttavia essere causate da mancanza di impegno da parte delle famiglie. I genitori più poveri hanno trascorso circa la stessa quantità di tempo durante le chiusure scolastiche per assistere i propri figli nell'apprendimento - 13 ore a settimana - di quelli che guadagnano oltre $ 200.000 all'anno, secondo un sondaggio dell'ufficio del censimento di maggio sulle famiglie con figli in età scolastica.

Gli amministratori e gli insegnanti sanno che dovranno cercare di far recuperare gli studenti in autunno, magari rivedendo le competenze e i contenuti che normalmente sarebbero stati coperti quest'anno scolastico. Ma affrontano ostacoli importanti e priorità concorrenti. Preparare gli edifici scolastici per soddisfare le nuove linee guida statali e federali sulla salute - compresi i piccoli gruppi di classe, i controlli della temperatura e un maggiore accesso a lavandini, sapone, dispositivi di protezione individuale e disinfettanti - richiede denaro e un'attenta pianificazione.

È altrettanto importante migliorare la qualità dell'apprendimento in remoto, data la probabilità che le scuole in molte parti del paese debbano affrontare continue chiusure intermittenti per contenere il virus e che alcuni genitori sceglieranno semplicemente di non mandare i propri figli in classe prima di un il vaccino sia disponibile.

Ci si aspetta inoltre che gli studenti abbiano bisogno di un livello notevolmente maggiore di supporto sociale ed emotivo da parte di consulenti e terapeuti, in parte a causa dell'impatto di aver trascorso mesi nell'isolamento sociale, spesso mentre le famiglie hanno subito perdita di lavoro, difficoltà economiche e problemi di salute.

Il timore di molti è di non riuscire a colmare le lacune e le differenze prodottesi.

È uno scenario per molti versi simile a quello del nostro Paese, che mette in luce urgenze e necessità di intervento per ridurre quanto possibile il danno prodotto dall’interruzione del percorso scolastico e dall’irregolarità di quello in remoto, tanto diverso da scuola a scuola e da famiglia a famiglia.