Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

×

Attenzione

Joomla\CMS\Cache\Storage\FileStorage::_deleteFolder JFolder: :delete: Non è stato possibile eliminare cartella. Percorso: /web/htdocs/www.ubiminor.org/home/cache/com_content

In California si sperimentano forme di giustizia riparativa, nel tentativo di tenere al di fuori delle prigioni giovani autori di reato.

Il cammino verso il carcere spesso inizia in giovane età. Infrazioni minori delle regole e comportamenti antisociali possono portare rapidamente a reati punibili.

Community Works è stata una delle prime organizzazioni non-profit a sperimentare un sistema alternativo alla pena detentiva basato sulla giustizia riparativa, con l’obiettivo di tenere i giovani autori di reato al di fuori del sistema di giustizia penale.

20131009 studycircle


Communty Works può contare sul sostegno del procuratore di Alameda County, Matteo Golde, il quale ha visto decine di giovani finire in carcere nel corso degli anni e si è reso conto che rinchiuderli non produce risultati.

"Sappiamo cosa succede quando vengono incarcerati dei giovani per un lungo periodo di tempo", ha detto Golde . "In carcere peggiorano. Per la grande maggioranza non è la cosa migliore da fare, lo provano i fatti. Quindi la questione è: cosa dobbiamo fare?"

La giustizia riparativa

John, 16 anni, è stato catturato mentre ricopriva di graffiti un edificio e ha colpito un agente di polizia mentre faceva resistenza all'arresto.

Poteva essere accusato di tre reati e multato fino a 250.000 dollari. Piuttosto che affrontare un periodo di detenzione, John ha accettato un incontro di giustizia riparativa predisposto da Communty Works, che opera in collaborazione con l'ufficio del procuratore distrettuale della contea di Alameda.

Questa la lettera di scuse che l'adolescente ha letto all’agente.

"Sono dispiaciuto per le mie azioni del 17 marzo 2013, quando lei ha tentato di fermarmi per strada a Berkeley. Non ci sono scuse per quello che ho fatto. Io ancora non capisco perché l'ho fatto, ma comprendo che in quel momento ho compiuto una scelta tremenda”, ha detto John . "Farle del male non era mia intenzione. Stavo pensando solo a cercare di scappare."

La madre e il padre di John hanno partecipato all’incontro con l'ufficiale di polizia che il figlio aveva aggredito. Si sono seduti in cerchio, parlando direttamente tra di loro. Con l'assistenza della facilitatrice di Community Works, hanno concordato un piano di restituzione. John svolgerà 20 ore di servizio per la comunità e farà lavori per conto dei suoi genitori.

L’operatrice di Community Works ha dichiarato che il ragazzo verrà monitorato da vicino da lei e avrà il supporto del padre e della madre. “Seguiremo un piano di lavoro e ci comporteremo correttamente nei confronti della vittima."


Seconda opportunità

A John è stata data una seconda opportunità e può tornare a scuola con la fedina penale pulita.

Le possibilità che in futuro si tenga alla larga dai guai sono molto buone, secondo l’opinione di Sujatha Baliga, direttore del settore della Giustizia Riparativa  del Consiglio Nazionale sulla Criminalità e la Delinquenza, il quale sostiene che gli studi dimostrano i giovani autori di reato vivono esperienze di giustizia riparativa hanno meno probabilità di recidiva .

“Nella Contea di Alameda, i primi dati mostrano un tasso di recidiva attorno al 20% per chi partecipa al nostro programma alternativo di giustizia riparativa, che si rapporta a un tasso del 75% di recidiva riferito agli stessi reati sanzionati in modo tradizionale" ha dichiarato Baliga. "Quello di cui siamo certi è che vengono ridotte le percentuali di recidiva, quando le persone hanno l'opportunità di incontrare faccia a faccia coloro cui hanno fatto del male, di chiedere scusa e di compiere un percorso di riparazione del danno, tanto che si può ritenere che le possibilità ripetizione del reato crollino rispetto a quando questo non avvenga.”

20131009 friendship


La riattualizzazione di una vecchia prassi

Sebbene il concetto di giustizia riparativa possa sembrare un nuovo per la maggior parte degli americani, in realtà è un sistema che risale a centinaia di anni fa. Veniva utilizzato già dagli indiani d’America e dagli aborigeni della Nuova Zelanda .

Ai tempi nostri le esperienze di giustizia riparativa hanno avuto inizio nella metà degli anni 1970 dai Mennoniti, in Ontario, e da allora si sono diffuse in tutto il mondo. Poiché è un approccio relativamente nuovo per gli Stati Uniti, non esistono ancora documenti con i quali studiare in modo scientifico le esperienze fatte.

Lo scorso anno Community Works ha ricevuto una sovvenzione federale per attuare un programma di giustizia riparativa con giovani autori di reato della Contea di Alameda. In collaborazione con l'ufficio del procuratore distrettuale e il dipartimento di libertà vigilata, l'organizzazione gestisce ora 100 casi l'anno. Il programma verrà presto esteso alla vicina San Francisco.

"Penso che vada sottolineato in fatto, in un tempo relativamente breve, siamo arrivati a una dimensione numerica importante " ha detto Morgan . "I procuratori distrettuali di San Francisco e Oakland sono seriamente intenzionati a procedere in questa direzione. Vedremo quali saranno i risultati. Ma se raggiungeremo i risultati attesi, penso che questa pratica si diffonderà e il numero di casi che avremo da gestire aumenterà esponenzialmente."

Pratiche riparative si sono ora diffuse anche nelle scuole pubbliche di San Francisco e nella zona di Oakland. Gli insegnanti e i presidi si stanno avvalendo di incontri di riparazione e restituzione per ridurre il numero delle sospensioni e delle espulsioni dalla scuola. Il procuratore Matteo Golde si auspica che un giorno la giustizia riparativa venga utilizzata in tutti i casi in cui si trovi imputato un minorenne nella Contea di Alameda.

L’articolo integrale è qui