Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

×

Attenzione

Joomla\CMS\Cache\Storage\FileStorage::_deleteFolder JFolder: :delete: Non è stato possibile eliminare cartella. Percorso: /web/htdocs/www.ubiminor.org/home/cache/com_content

Incontri con esperti e video interviste intitolate “La parola agli esperti” per approfondire le tematiche tipiche di questa fascia d’età dal punto di vista dei ragazzi e degli adulti

Da qualche anno il Centro per le Famiglie del Comune di Rimini – gestito dalla coop. sociale Il Millepiedi di Rimini - organizza un ciclo di incontri dedicato a genitori, educatori, insegnanti…di ragazzi pre-adolescenti e adolescenti.

20200226 esperti 1

Appuntamenti sempre molto partecipati, tanto che l’amministrazione comunale nella scorsa edizione ha deciso di raddoppiare ciascun incontro proponendolo in territori diversi, per raggiungere anche le zone più periferiche e dare a più persone possibili l’opportunità di partecipare.

Gli incontri si articolano sempre con la riflessione di due professionisti, intervistati dall’equipe del Centro per le Famiglie.

Il ciclo appena concluso si è intitolato “Adolescenti e genitori: raccontare il presente”: l’idea di fondo del percorso è quello di raccontare non solo le difficoltà e le fatiche che naturalmente appartengono a questa fascia d’età, ma anche la bellezza e le potenzialità dell’adolescenza.

Un’altra importante novità ha caratterizzato dallo scorso anno il percorso: la scelta di aprire ciascun incontro con un contributo video. E chi sono i maggiori esperti di adolescenza se non gli adolescenti stessi?

Nascono così le interviste intitolate “La parola agli esperti”: quattro video realizzati da Alberto Romanotto e Silvia Sanchini che hanno messo a confronto le voci di 18 giovanissimi. La scelta è stata quella di comporre gruppi molto eterogenei: c’è il ragazzo cresciuto in affido e ci sono giovani di seconda generazione, la studentessa del Liceo Classico e chi ha abbandonato gli studi, gli appassionati di sport o chi sogna di diventare un influencer.

Racconta ad esempio Chiara, che ha solo 15 anni ma una grande maturità, come le sostanze la affascinino e la incuriosiscano ma al tempo stesso le facciano paura (https://youtu.be/n83EATOuuXI). O c’è Mariam che manifesta la preoccupazione di non essere accettata e considerata solo perché per la legge non è ancora italiana (https://youtu.be/N79cH64ykXQ).

I ragazzi parlano anche di amore e relazioni, spiega Elena: “Trovare delle risposte su questi temi è difficile, ma cerco di vivere il momento sperando di trovare qualcuno di cui fidarmi e a cui affidarmi” (https://youtu.be/CMSiwMr-Idc). Non ha dubbi Mathias: “I buoni amici sono quelli che quando tu hai bisogno ci sono. Mi è capitato di assistere ad episodi di bullismo, ma ho sempre cercato di aiutare chi veniva escluso” (https://youtu.be/H2lODdFORMI).

20200226 esperti 2

Alla fine di ogni video i ragazzi e le ragazze rivolgono un loro messaggio agli adulti: ascoltateci di più, fidatevi di noi, parlate anche dei temi più difficili con noi ma senza chiederci cose troppo personali che creano imbarazzo, anche i più piccoli hanno delle opinioni che dovete considerare, cercate di capire il perché di ogni comportamento e non dateci solo delle regole, ripensate alle vostre esperienze passate.

Anche quest’anno è in corso un ciclo di appuntamenti intitolato “Adolescenti e genitori: l’età delle opportunità” (il programma completo: https://www.comune.rimini.it/archivio-notizie/adolescenti-e-genitori-leta-delle-opportunita-0).  

Ancora una volta la scelta di aprire ciascun incontro con il contributo video di alcuni intervistati, che aiuti ad introdurre il tema scelto.

Quest’anno la parola passa agli adulti: educatori, insegnanti, genitori, ma anche un allenatore di rugby e un’esperta di libri per ragazzi. Tante figure diverse che hanno in comune però l’incontro quotidiano con ragazzi tra gli 11 e i 18 anni. Tra i temi toccati quest’anno: bisogno di controllo e libertà, sogni e paure nel percorso di crescita, conflitto e dialogo efficace, affettività e sessualità. E se l’anno scorso il percorso si è concluso con lo spettacolo dell’attore romagnolo Roberto Mercadini, quest’anno in programma un’altra bella sorpresa: la proiezione del documentario di Maria Grazia Contini “Non più non ancora” in programma martedì 5 maggio nella Sala del Giudizio del Museo della Città di Rimini.

Spiega Alice Bernardi, psicologa e responsabile del Centro per le Famiglie: “È importantissimo per il Centro per le famiglie poter avere un percorso, che dura quasi come tutto l'anno scolastico, in cui parliamo di adolescenza. Affrontiamo il tema anche con il servizio di consulenze, a cui i genitori possono rivolgersi tutto l'anno, ma riteniamo sia fondamentale raggiungere i genitori sul territorio ed incontrarli in gruppo. L’ingresso di un figlio nell'adolescenza è un evento complesso che mette la famiglia di fronte ad alcune criticità, con la crescita dei ragazzi il rapporto si modifica occorre da parte dei genitori mettere in campo flessibilità e rispetto per le differenze anche se non è sempre facile assecondare le distanze e le oscillazioni poste dai figli senza sentirsi messi da parte”.

E aggiunge: “Affrontare queste difficoltà insieme, nella dimensione del gruppo, ci riporta al tema della comunità che educa, permette al genitore di non sentirsi solo o l'unico a vivere un momento difficile, facilita lo scambio ed il confronto, aumenta il ventaglio delle possibilità”.

Tutti gli incontri del percorso vengono sintetizzati e raccontati sul portale https://www.newsrimini.it/rimini-sociale/. Maggiori informazioni anche su https://www.comune.rimini.it/comune-e-citta/comune/centro-le-famiglie e www.ilmillepiedi.it. Infine tutti i video sono a disposizione sul canale Youtube “Comune di Rimini” https://www.youtube.com/channel/UCP2QuSiYq3hpFi5c5HCI6jQ.