Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

×

Attenzione

Joomla\CMS\Cache\Storage\FileStorage::_deleteFolder JFolder: :delete: Non è stato possibile eliminare cartella. Percorso: /web/htdocs/www.ubiminor.org/home/cache/com_content

La maggior parte degli adolescenti non ha idea di cosa fosse la vita prima di Internet. Sono cresciuti in un mondo connesso e l'essere online è diventata una delle loro principali fonti di apprendimento, intrattenimento e socializzazione.

20210401 problematico 1 

Come molti studi precedenti hanno sottolineato, e come molti genitori temono, questa realtà non è priva di rischi. Sebbene il tempo su Internet possa essere informativo, istruttivo e persino piacevole, esiste già un’ampia e significativa letteratura sui potenziali danni causati dall'uso problematico di Internet da parte dei ragazzi più giovani.

Tuttavia, un nuovo studio condotto dal Dipartimento di Psicologia della Concordia University, è uno dei pochi che esamina gli effetti dell’uso problematico di internet sugli adolescenti più grandi.

Il documento, pubblicato sulla rivista Child Development, esamina i dati raccolti da uno studio longitudinale su 1.750 studenti delle scuole superiori a Helsinki nell'arco di tre anni.

Inizia ponendo tre grandi domande: quali erano alcuni dei predittori o fattori determinanti dell’uso problematico di internet? Come è cambiata l’uso problematico di internet nel corso della tarda adolescenza, in questo caso, dai 16 ai 19 anni? E quali sono le conseguenze dell’uso problematico di internet tra le diverse fasce d'età?

Segnali di rischio

I ricercatori hanno identificato tre fattori determinanti principali dell’uso problematico di internet tra gli adolescenti. Il primo era la solitudine, definita come mancanza di relazioni interpersonali soddisfacenti o come percepita inadeguatezza ai social network. Anche altri studi sull’uso problematico di internet hanno identificato la solitudine come predittore.

Anche le pratiche genitoriali, come vengono percepite dall'adolescente, predicevano l’uso problematico di internet. I ricercatori hanno esaminato sia la cura dei genitori, come le espressioni di calore, empatia, interesse e vicinanza nei confronti del figlio, sia l'abbandono dei genitori, definito come la disponibilità diseguale o la mancanza di risposta ai suoi bisogni.

Non sorprende che una migliore genitorialità sia collegata a un uso problematico di internet più basso, mentre la genitorialità negligente è collegata a un uso problematico di internet più alto. I ricercatori hanno evidenziato le differenze nel modo in cui il comportamento materno e paterno ha influenzato l'uso.

La cura materna in particolare è stata associata a un uso problematico di internet inferiore, suggerendo che relazioni di alta qualità madre-figlio potrebbero aver portato a una diminuzione della necessità di utilizzare Internet in modo eccessivo.

La negligenza paterna, d'altra parte, aveva una relazione più forte con un uso problematico di internet più alto, poiché la mancanza di guida e limiti ostacolavano la capacità di un adolescente di stabilire confini personali.

20210401 problematico 1a

Infine, i ricercatori hanno considerato il genere. Hanno scoperto che i ragazzi hanno maggiori probabilità di impegnarsi in un uso problematico di internet rispetto alle ragazze, poiché tendono ad essere inclini a comportamenti più simili alla dipendenza, sono più impulsivi e, come suggerito da altri studi, possono avere più opzioni online come giocare o guardare video di YouTube o pornografia .

Le ragazze possono avere maggiori probabilità di essere online per scopi di socializzazione.

Effetti circolari e dannosi

I ricercatori hanno quindi esaminato i risultati associati a un uso problematico di internet, identificando ancora tre grandi categorie.

La prima riguarda i sintomi depressivi. Se lasciato incontrollato, l’uso problematico di internet sembra portare a livelli più elevati di depressione. I due elementi sono stati collegati in studi precedenti, ma i ricercatori affermano che i loro risultati suggeriscono una nuova interpretazione.

"Il nostro studio cerca di capire questa relazione in modo bidirezionale o reciproco" dicono. "Riteniamo che sia probabile che uso problematico di internet e sintomi depressivi si verifichino contemporaneamente e non che uno che determini l'altro. Probabilmente si rafforzano a vicenda nel tempo".

Gli altri risultati legati all’ uso problematico di internet sono livelli più elevati di abuso di sostanze e livelli più bassi di rendimento scolastico. C'era da aspettarselo e si credeva che si verificassero in concomitanza.

Secondo i ricercatori alcuni adolescenti attraversano una fase di intenso utilizzo di Internet, di solito intorno alla metà dell'adolescenza.

Il tempo trascorso online tende a diminuire man mano che i maturano, sviluppano i propri obiettivi e limiti e formano le loro prime relazioni affettive. Aggiungono che essere online per ore non è necessariamente dannoso, anche se ai genitori sembra eccessivo.

"Se gli adolescenti trascorrono molto tempo su Internet ma questo non ha un impatto sulla loro salute mentale o sui loro voti o non sembra avere conseguenze negative sostanziali, allora non possiamo davvero dire che questo sia un comportamento problematico" concludono.


I materiali della ricerca sono disponibili sul sito della Concordia University.
Riferimento bibliografico
István Tóth‐Király, Alexandre J.S. Morin, Lauri Hietajärvi, Katariina Salmela‐Aro.
Longitudinal Trajectories, Social and Individual Antecedents,
and Outcomes of Problematic Internet Use Among Late Adolescents
.
Child Development, 2021.