Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

×

Attenzione

Joomla\CMS\Cache\Storage\FileStorage::_deleteFolder JFolder: :delete: Non è stato possibile eliminare cartella. Percorso: /web/htdocs/www.ubiminor.org/home/cache/com_content

“Non sono preparato per essere un adulto, ed è colpa tua”. Un’affermazione che nessun genitore vorrebbe mai sentire da un figlio adolescente.

20191001 ostacoli 2

In una recente ricerca realizzata da studiosi dell’Università del Michigan, con un campione a livello nazionale, quasi tutti i genitori (97%) affermano di aiutare i loro figli a diventare più indipendenti usando strategie quali: il consentire loro di fare più scelte (86%), spingendoli a gestire le cose da soli (74%) e non facendo più le cose al posto loro (65%).

Ciononostante, un quarto dei genitori intervistati ammette di essere il principale ostacolo all'indipendenza dei loro ragazzi, non trovando il tempo o non facendo abbastanza sforzi per dare loro maggiori responsabilità, secondo quanto si rileva nello studio.

"Quando i ragazzi diventano adolescenti, il ruolo dei genitori si sposta nella direzione di aiutarli ad acquisire le conoscenze e l'esperienza di cui avranno bisogno per essere adulti indipendenti" afferma il co-direttore della ricerca, Sarah Clark.

"Questo processo di transizione dall'infanzia all'età adulta comprende tutto quello che va dalla preparazione al lavoro e alla responsabilità finanziaria, alla cura della propria salute e del proprio benessere. La nostra ricerca suggerisce che i genitori non stanno “lasciando andare le redini” tutte le volte che potrebbero farlo, per aiutare i figli a compiere con successo questa transizione ".

Lo studio si basa sulle risposte di un campione rappresentativo, a livello nazionale, di 877 genitori di almeno un ragazzo di età compresa tra i 14 e i 18 anni.

Il sessanta per cento dei genitori intervistati afferma che le caratteristiche personali dei loro ragazzi sono ostacoli per diventare più indipendenti, come il non essere abbastanza maturi (24%), il non avere abbastanza tempo (22%) o non il non conoscere abbastanza (14%) per assumersi maggiori responsabilità.

Al contrario, un quarto dei genitori ammette il proprio ruolo attivo nell'ostacolare l'indipendenza dei figli, sostenendo che è più veloce e meno fastidioso fare le cose da loro stessi (19%) o di non pensare nemmeno a come poter dare agli adolescenti maggiori responsabilità (7%).

I genitori hanno espresso il punteggio più basso di indipendenza degli adolescenti in riferimento alle attività legate all'assistenza sanitaria. "Quando si tratta della salute dei loro ragazzi, i genitori possono sentirsi responsabili del dover garantire che i figli ricevano cure adeguate e che vengano poi seguiti i consigli e le prescrizioni date dai medici" spiega la professoressa Clark.

20191001 ostacoli 2a

"Non abbiamo chiesto informazioni sull'assistenza sanitaria in rapporto a questioni di vita o di morte, di malattie gravi. Ma abbiamo chiesto ai genitori se i loro ragazzi adolescenti potevano svolgere autonomamente compiti molto basilari, come prendersi cura di lievi ferite, capire la dose corretta di un farmaco o chiamare per prendere un appuntamento con il medico ".

"È fondamentale per gli adolescenti iniziare a prendere il controllo della propria salute prima di entrare nell’età adulta, quando dovranno affrontare compiti più complessi, da adulti".

"Il coinvolgimento eccessivo dei genitori impedisce agli adolescenti di acquisire esperienza e sicurezza nell’essere indipendenti in tutti gli aspetti della loro vita" aggiunge la Clark.

La quasi totalità dei genitori è convinta dell’importanza che gli adolescenti commettano errori, per imparare e crescere, ma sentono anche che dovrebbero impedire agli adolescenti di commettere errori troppo gravi.

"È chiaro che i genitori riconoscono la tensione provocata dall'aiutare gli adolescenti a muoversi verso l'indipendenza, e concordano sul fatto che preziose esperienze di apprendimento derivano spesso da una pessima decisione".

La professoressa Clark raccomanda ai genitori di assumere una posizione da risorsa di riserva, da consultare solo se l'adolescente non è in grado di gestire una certa questione in modo indipendente. I genitori dovrebbero anche stabilire traguardi specifici e creare opportunità per affiancare i loro ragazzi nell'acquisizione di esperienza e fiducia nel raggiungimento di tali obiettivi.

"Alcuni genitori giustificano il fatto di mantenere il controllo di determinate responsabilità, perché non credono che il loro adolescente sia abbastanza maturo pert assumersele". Ma questo tipo di logica impedisce ai loro adolescenti di diventare di fatto più maturi " spiega la Clark, che conclude sottolineando come i genitori devono ritagliarsi più tempo possibile per sostenere gli adolescenti nella transizione verso l'età adulta.


I materiali della ricerca sono disponibili sul sito dell'Università del Michigan.