Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

×

Attenzione

Joomla\CMS\Cache\Storage\FileStorage::_deleteFolder JFolder: :delete: Non è stato possibile eliminare cartella. Percorso: /web/htdocs/www.ubiminor.org/home/cache/com_content

Il cervello di una persona affamata desidera ardentemente il cibo. Allo stesso modo il cervello di una persona in una condizione di solitudine desidera fortemente il contatto e la relazione con altre persone.

20201203 solitudine 3

Dopo aver trascorso una giornata di completo isolamento da chiunque altro, il cervello di un essere umano si rianima alla vista di altre persone o nella prospettiva di incontri sociali, come accade al cervello di una persona affamata quando vede il cibo, raccontano gli autori di una ricerca pubblicata da Nature Neuroscience.

La neuroscienziata cognitiva Livia Tomova, del MIT - Massachusetts Institute of Technology, e i suoi colleghi hanno fatto digiunare i 40 partecipanti allo studio per dieci ore. Alla fine della giornata, alcune cellule nervose del mesencefalo si sono “accese” in risposta alle immagini di pizza e torta al cioccolato. Quei neuroni, producono dopamina, un messaggero chimico associato alla ricompensa.

In un’altra seduta di studio, le stesse persone sono state lasciate per dieci ore in isolamento (niente amici, niente Facebook, niente Instagram, niente messaggi o telefonate). Alla fine della giornata, i neuroni nello stesso punto cerebrale si sono attivati ​​in risposta alle immagini di persone che chiacchieravano o praticavano sport di squadra.

Maggiore era la fame o l'isolamento segnalati dal soggetto, più forte è risultato l'effetto.

Nelle persone che hanno riferito di essere generalmente più sole, le risposte sociali sono risultate più attenuate.

20201203 solitudine 2a

"Non sappiamo davvero cosa causi questo effetto", spiega la dottoressa Tomova. "Forse essere isolati non colpisce più di tanto queste persone, perché è qualcosa che in fondo non è così diverso, forse, dalla loro vita di tutti i giorni."

Il mesencefalo, che gioca un ruolo importante nella motivazione delle persone a cercare cibo, amici, gioco d'azzardo o anche droghe, risponde al cibo e ai segnali sociali anche quando le persone non sono affamate o sole. Dopotutto, una persona, in una condizione normale, dovrebbe sempre poter mangiare o uscire.

Ma la fame e la solitudine aumentavano la reazione e rendevano le risposte delle persone specifiche e mirate a ciò che stavano perdendo.

I risultati "parlano al nostro stato attuale" conclude la studiosa, il Covid-19 ha lasciato molte persone più isolate socialmente, mettendo in gioco la loro salute mentale oltre che fisica e lasciando le persone con desiderio di qualcosa di importante forse quanto il cibo.

"È importante guardare alla dimensione sociale di questo tipo di crisi che stiamo attraversando, con un pensiero alle persone più fragili e anche ai giovani, per i quali la dimensione sociale e inter-relazionale è così importante".