Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

×

Attenzione

Joomla\CMS\Cache\Storage\FileStorage::_deleteFolder JFolder: :delete: Non è stato possibile eliminare cartella. Percorso: /web/htdocs/www.ubiminor.org/home/cache/com_content

Rispetto ai loro coetanei eterosessuali, i giovani appartenenti alle minoranze sessuali, come sottolineano recenti ricerche, fanno riscontrare valori più bassi in riferimento agli indicatori chiave che valutano il loro grado di benessere e di positivo sviluppo, e questa disparità potrebbe essere in parte dovuta a una loro maggiore esposizione al bullismo.

20160208 bullismo minoranze sessuali a

Lo sostengono i ricercatori di un recente studio sul tema, finanziato dal National Institutes of Health (NIH), i cui risultati sono stati resi disponibili online e prossimamente verranno pubblicati dal Journal of Public Health.

"Questa ricerca quantifica come il bullismo ostacoli l'accesso dei  ragazzi appartenenti alle minoranze sessuali ai livelli minimi di salute e benessere" ha detto l'autore dello studio Robert WS Coulter, dottorando presso il Public Health's Department of Behavioral and Community Health Sciences di Pitt.

"Le politiche e i programmi anti-bullismo realizzati nelle scuole sono necessari ma non sufficienti. Occorrono interventi poliedrici e variegati in tutte le “arene” in cui si combatte questa battaglia, comprese le scuole, le famiglie e le comunità, e dovrebbero concentrarsi sulla costruzione di un ambiente più accogliente e d’aiuto per i giovani delle minoranze sessuali".

Il dottor Coulter e i suoi colleghi hanno utilizzato i dati di un sondaggio che ha riguardato 1.870 adolescenti nelle scuole di 45 Stati degli Usa, attraverso il quale è stato misurato lo sviluppo positivo dei giovani utilizzando il modello delle "Cinque C", il quale valuta la competenza, la fiducia, le relazioni o “connessioni”, il carattere e la cura / compassione. Livelli più alti nelle “Cinque C“ sono associati a contributi positivi e interazioni costruttive con la società, livelli più bassi, invece, sono legati a una miriade di comportamenti a rischio, tra cui il fumo di sigaretta, l'uso di alcol e una precoce iniziazione sessuale. Il sondaggio ha anche chiesto ai partecipanti se fossero stati vittime di bullismo in più occasioni negli ultimi mesi.

Dei partecipanti 127 - pari al 6,8 per cento - sono stati identificati come i giovani appartenenti a una minoranza sessuale, in quanto hanno riferito di avere solo attrazioni sia di genere o attrazione nei confronti dello stesso loro sesso. Quasi il 24 per cento di loro ha dichiarato di essere stato vittima di bullismo, rispetto al 12 per cento dei giovani eterosessuali.

20160208 bullismo minoranze sessuali

I giovani appartenenti a una minoranza sessuale hanno registrato punteggi significativamente inferiori rispetto alle loro controparti eterosessuali in tre delle Cinque C: competenza, definita come avere una visione positiva delle proprie azioni nell'ambito di contesti sociali, accademici, di esercizio cognitivo e professionali; fiducia, definita come un senso interno positivo di autostima globale; e relazione /connessione, definito come avere legami solidali e positivi con i coetanei, nell’ambito della famiglia, della scuola e della comunità.

"Tuttavia, quando abbiamo adattato i nostri modelli per verificare gli effetti delle vittimizzazione conseguente ad atti di bullismo, le differenze di punteggio tra gli appartenenti a una minoranza sessuale e i giovani eterosessuali si sono ridotte" ha detto Coulter. "Questo suggerisce che il bullismo spiega solo in parte perché i giovani di una minoranza sessuale hanno più bassi livelli di competenza, fiducia e legami affettivi".

Il dottor Coulter sottolinea in modo significativo che il bullismo non è l'unico fattore che causa un più basso livello di sviluppo giovanile positivo nei ragazzi appartenenti a una minoranza sessuale, ma che esistono altri fattori che probabilmente contribuiscono a questa situazione.

"Il bullismo è solo una parte della storia. Si tratta di una manifestazione di problemi più pervasivi, come la stigmatizzazione e la discriminazione" ha detto Coulter. "Abbiamo bisogno di adottare un approccio olistico allo sviluppo positivo dei giovani e creare programmi basati su prove evidenti che determinino un cambiamento culturale, consentendo a tutti i giovani, indipendentemente dal loro orientamento sessuale, di avere la stessa opportunità di crescere positivamente".


I materiali della ricerca sono disponibili sul sito della  University of Pittsburgh Schools of the Health Sciences