Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Anno 1985, Dublino. L’Irlanda sta attraversando una grave crisi economica, che spinge parte della popolazione ad emigrare nel Regno Unito.

20180409 sing street 5

Il protagonista Conor detto Cosmo (Ferdia Walsh-Peelo), è un ragazzo di quindici anni, appassionato di musica e alla ricerca della propria identità.

Nella prima inquadratura Conor suona la chitarra nella sua stanza, mentre fanno da sfondo le voci concitate dei genitori in lite. La crisi economica va a impattare anche sul nucleo familiare di Conor, che si vede costretto a far interrompere il college al fratello maggiore, ben felice di farlo essendo dedito più al culto dello spinello che a quello dello studio, e far cambiare la scuola a Conor, che si ritrova così dal liceo privato ed elitario dei gesuiti al più modesto e violento istituto dell’ordine dei fratelli cristiani in Synge Street, il cui motto è viriliter age.

Per la sua originalità, stravaganza e diversità rispetto ai suoi coetanei, Conor è subito doppiamente preso di mira: da un lato dal preside che lo marca stretto e dall’altro lato dai bulli della scuola.

L’incontro con Raphina, la ragazza scafata e “happysad” della porta accanto (alla scuola), sarà la miccia che spingerà Conor a scrivere brani musicali di cui lei sarà la musa ispiratrice, e a creare un gruppo musicale “Sing Street” con altri fragili e intelligenti ragazzi “bullizzati” della scuola, coi quali sperimentare i neonati nuovi generi musicali, incidendo musicassette e girando rudimentali ma appassionati videoclip.

Tra i tanti temi trattati nella pellicola oltre alla coppia genitoriale in crisi, ne troviamo diversi connessi con l’età dell’adolescenza: il ruolo delle relazioni, la ricerca della propria identità, la scoperta dell’amore, la coltivazione dei sogni, il ruolo formativo della musica e del fratello maggiore del protagonista (non a caso il film è dedicato ai “fratelli di ogni luogo”), infine il passaggio dall’adolescenza all’età adulta e il viaggio iniziatico.

20180409 sing street

Dopo gli esordi con “November Afternoon” (1996), e i successi di “Once” (2006) vincitore di vari premi tra cui l’oscar per la miglior canzone e “Begin again” (“Tutto può cambiare”, 2013), l’ottavo lungometraggio di John Carney, di forte impatto comunicativo, è autobiografico, intriso di ricordi e origini nostalgiche del regista.

Infatti John Carney nasce a Dublino e dal 1991 al 1993 è stato bassista e vocalist del gruppo musicale rock “The Frames”, di cui ha diretto alcuni video musicali. In proposito, il regista afferma: “C’era qualcosa che ho sviluppato quando ero nella band nei miei 20 anni, quando iniziavo ad entrare nei film e ad osservare i film con un occhio più critico e non come mero intrattenimento.

Tutti gli altri uscivano a vedere “Guerre Stellari” (1977) o “E.T. - L'extra-terrestre” (1982), mentre io stavo guardando film di Jean-Luc Godard o di Ingmar Bergman o vecchi film americani degli anni '30 e '40, quindi penso che se non fossi stato un regista probabilmente sarei stato un critico cinematografico. Ho comprato una videocamera ed è iniziato tutto da lì.” E alcuni brani del film, sono scritti proprio da John Carney, insieme a Gary Clark.

“Sing Street” ci ricorda “The committments” (1991) di Alan Parker, ma non è un musical, come afferma il regista stesso che non ha voluto inserire la parola “musical” nel poster della pellicola.

Tuttavia è indiscutibile il ruolo da protagonista principale della musica, quella del periodo in cui è ambientato il film, che si può riconoscere anche da alcune immagini originali di repertorio, ossia la metà degli anni ’80 quando il mondo musicale è in pieno fermento: il post-punk sostituisce il punk rock, e la new wave, in particolare il synthpop o techno pop, sostituiscono il genere pop, nascono molti nuovi gruppi musicali tra cui Mötorhead, Duran Duran, Depeche Mode, Spandau Ballet, Cure, A-Ha, e prende piede il lancio e abbinamento dei 45 giri con videoclip che esaltano più il look dei gruppi che le loro “performance”.

Recensione pubblicata dal sito del Tribunale per i Minorenni di Milano
che ospita le recensioni di Joseph Moyersoen

L'autore.
Giurista, giudice onorario presso Tribunale per i minorenni di Milano.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca