Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Adozione: identità in viaggio. Adolescenti alla ricerca della propria storia futura (Franco Angeli, 2019), presentato da una delle sue curatrici, Cristina Colli:

Il libro raccoglie le riflessioni e l’esperienza clinica di un gruppo di psicologi che da diversi anni lavorano con le famiglie adottive in crisi, soprattutto di adolescenti.

20190321 adozcollitrezban

Gli autori propongono in questo testo pensieri e pratiche di intervento che hanno come obiettivo, al di là del disagio individuale, quello di affrontare la relazione adottiva, fornendo uno strumento di aiuto non solo agli operatori che a vario titolo si occupano di adozione ma anche alle famiglie, per scoprire nuove prospettive possibili e punti di vista differenti.

L’adozione viene descritta come un’esperienza fisiologicamente complessa, un percorso che si situa fra i desideri e bisogni privati, da un lato,  e logica giuridica e sociale dall’altra, e che necessita di negoziazione.

Deve inoltre fare i conti con i grandi cambiamenti che hanno investito la famiglia nei suoi ruoli, e il nuovo modo di relazionarsi.

Viene in particolare approfondita l’adolescenza adottiva, come fase del ciclo di vita di grande movimento psichico, e spesso ricco di criticità, e che vede l’adolescente alla ricerca della definizione di sé e della propria appartenenza, in un “ viaggio”  che passa dal confronto inevitabile con le proprie origini e con l’enigma affettivo costituito dalla propria storia.

Vengono presentate e descritte diverse situazioni cliniche; il tema della ricerca delle origini viene affrontato attraverso la nuova prospettiva, e le nuove sfide  che Internet ha imposto a questo tema; l’ultima parte del testo è dedicata ad “altri sguardi”: spunti letterari, che danno voce all’esperienza adottiva con modalità suggestive e poetiche, offrendo un ingresso  diretto all’esperienza emotiva di chi vive la condizione adottiva.

20190321 adozcollitrezban 2


Le curatrici:
Cristina Colli, psicoterapeuta, è socia dell'Istituto Minotauro e docente della Scuola di psicoterapia dell'adolescenza e del giovane adulto ARPAd-Minotauro. È stata coordinatrice dell'équipe clinica rivolta a bambini e preadolescenti e alle famiglie del Centro clinico Minotauro e consulente per i Servizi della giustizia minorile di Milano. Svolge attualmente attività clinica con adolescenti e adulti e si occupa delle problematiche psicologiche delle famiglie adottive con attività di consultazione e psicoterapia e con interventi di formazione e supervisione clinica.

Micol Trezzi, psicologa, psicoterapeuta di formazione psicoanalitica, è socia dell'Istituto Minotauro di Milano. È supervisore clinico in un Servizio minori comunale e consulente per i Servizi della giustizia minorile di Milano, dove si occupa di valutazione e trattamento di minori sottoposti a procedimento penale. In ambito clinico si occupa di adolescenti, bambini e genitori con particolare riferimento ai problemi di comportamento e all'area dell'adozione.

L'indice:
Matteo Lancini, 
Prefazione
Cristina Colli, Micol Trezzi, 
Introduzione
Identità e appartenenza
Cristina Colli, Il viaggio di Edipo: complessità della condizione adottiva
Micol Trezzi, La costruzione identitaria dell'adolescente adottivo
Alessandra Marcazzan, Essere genitori adottivi: contraddizioni e paradossi
Carmen Giorgio, Luisa Pisciali, La ricerca delle origini nell'era di Internet
La clinica
Virginia Suigo, Riconoscere e riconoscersi
Elena Paracchini, 
Non sei mia mamma! Non sei mio papà!
Alessandra Marcazzan, 
Marco e il blocco del pensiero
Micol Trezzi, 
Alla ricerca di un Sé a cui appartenere
Altri sguardi
Cristina Colli, L'adozione raccontata
Laura Turuani, 
Ricostruire il passato per progettare il futuro. Il caso letterario di Lion
Bibliografia.

Il libro si può acquistare qui