Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

I giovani e le giovani lesbiche, gay, bisessuali e transgender (LGBT)  all’interno delle comunità e dei sistemi di giustizia minorile, rischiano di essere esposti a una situazione di vulnerabilità che può provocare danni e discriminazioni ancora maggiori di quelli che hanno subito quand’erano liberi, e che in genere sono alla base dei reati da loro commessi.

20151015 lgbt 3a

In una nuova guida alle prassi da adottare nei contesti di detenzione minorile, Giovani LGBT nel Sistema di Giustizia Minorile, la Fondazione Casey ha documentato la vulnerabilità dei giovani e delle giovani lesbiche, gay, bisessuali e transgender (LGBT)  all’interno delle comunità e dei sistemi detentivi. Come spiega e approfondisce la guida, lo stigma sociale, il rifiuto della famiglia e la discriminazione espone i giovani LGBT a un aumento del rischio di abuso di sostanze, vagabondaggio, esclusione dalla scuola, depressione e tendenze suicidarie.

Questi rischi, provati e di impatto devastante, concorrono a condurre un elevato numero di giovani LGBT all’interno sistema giudiziario.

Recenti ricerche hanno dimostrato che quasi il 20% dei giovani rinchiusi in strutture di detenzione minorile americane, identificati come LGBT o di dubbio genere o di sessualità non conforme, sono quasi il triplo del loro numero ufficialmente stimato all’interno della popolazione carceraria giovanile in generale.


l'abuso vissuto dai giovani LGBT diventa ancora più grave 
in stato di detenzione e all’interno di contesti correzionali


Troppo spesso, l'abuso vissuto dai giovani LGBT nelle strade e nella vita sociale, diventa ancora più grave in stato di detenzione e all’interno di contesti correzionali. I dati mostrano che lesbiche, gay e bisessuali giovani ristretti all’interno delle strutture minorili hanno almeno sette volte più probabilità di essere aggrediti sessualmente rispetto agli altri giovani loro coetanei eterosessuali.

La vulnerabilità dei giovani LGBT all’interno del sistema della giustizia minorile è stata ben rappresentata e documentata, questo ha portato a recenti cambiamenti nella legislazione e nelle politiche giudiziarie che hanno un significativo impatto nella concretezza delle procedure. Il Prison Rape Elimination Act, così come la recente giurisprudenza e gli standard professionali emergenti, hanno prodotto importanti protezioni per i giovani LGBT e atteggiamenti e punti di visione nuovi del personale della giustizia minorile.

L'attuazione di queste nuove necessità, tuttavia, varia ampiamente in tutto il paese e vi è l'esigenza di una profonda azione di formazione e orientamento professionale. La  guida intende rispondere anche a questa esigenza.

20151015 lgbt 3

"La nostra guida riflette un enorme e lodevole cambiamento negli standard di giustizia sociale e minorile," ha dichiarato Nate Balis, il direttore del  Juvenile Justice Strategy Group della Fondazione. "In un modo che sarebbe stato difficile immaginare anche solo cinque anni fa, come la guida spiega, il sistema della giustizia minorile si trova a guidare il cammino per migliorare il modo in cui trattiamo i giovani LGBT nelle nostre comunità e nella società in generale".

La guida:

  • Fornisce informazioni precise circa l'orientamento sessuale, identità di genere ed espressione di genere.

  • Riassume una ricerca sull'impatto del rifiuto della famiglia e i pregiudizi sociali sulle misure per la salute e il benessere dei giovani LGBT, i fattori chiave che contribuiscono alla pesante incidenza, rispetto agli altri giovani, dei procedimenti giudiziari a loro carico, e delle pratiche dannose e scorrette a cui vengono sottoposti all'interno del sistema.

  • Raccomanda politiche e procedure per vietare la discriminazione, prevenire danni e promuovere la salute e il benessere dei giovani LGBT che si trovano coinvolti in procedimenti giudiziari.

  • Raccomanda politiche e procedure per soddisfare le norme giuridiche e professionali che disciplinano la detenzione di giovani LGBT.

Senza dubbio, la piena attuazione delle raccomandazioni contenute in questa guida pratica richiederà cambiamenti significativi nella maggior parte delle giurisdizioni. Tuttavia, questi impegni non possono aspettare. I giovani LGBT subiscono danni e violenze tutti i giorni all’interno dei sistemi di giustizia minorile.

Vi è un urgente bisogno di iniziare immediatamente il processo di creazione di sistemi in cui tutti i giovani, indipendentemente dal loro sesso e dal loro orientamento sessuale, vengano trattati con rispetto e sostenuti affinché possano essere se stessi.


La guida in formato pdf

Logo arimo 1

Ubiminor è una pubblicazione online ad aggiornamento continuo, indicizzata nell'International Standard Serial Number Register ISSN 2283-348X

Iscriviti alla newsletter

Servizio Arimo news

Libellula 20160208 Casa del riuso logo orizzontale2

Servizio Volpi

immagine-cenni
  header-sportello-neo-maggiorenne-bo-ra
Centro Nisida 
 Riconoscere la violenza o negarla - copertina
 

annunci

Siti amici

nuovo fattore-famiglia Fratelli Colla ok

logosikeMillepiani logo AIA Metodo Terzi

20130919-geco

 

   

 

Seguici anche su Facebook