Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

La televisione inglese ha realizzato pochi giorni fa una trasmissione sulla questione della carcerazione minorile. Il confronto ha messo a fuoco le criticità di un sistema che molti chiedono di riformare, riforma che la Commissione Giustizia e il governo inglese stanno prendendo in esame.

20160928 carceri inglesi 2

I livelli di violenza nelle carceri e nelle istituzioni per i giovani autori di reato sono stati descritti come inaccettabilmente alti. Detenuti e personale di sorveglianza fronteggiano ogni giorno la minaccia di percosse e accoltellamenti. Il governo promette che effettuerà una revisione approfondita del sistema giudiziario.

Ma qual è la vita dei giovani che vengono rinchiusi in queste strutture penitenziarie?

"Combattimenti e scontri avvengono ogni giorno, a qualsiasi ora del giorno" dice Stephen Knight, un ex detenuto. "Da cose piccole e stupide cose come il tabacco rubato o un asciugamani che si è perso, da questioni minime e insignificanti nascono scontri e violenze tra i detenuti per tutto il tempo della loro giornata".

Knight era una delle 1.500 persone che sono state incarcerate per aver preso parte alle rivolte scatenatesi nelle città inglesi durante l'estate del 2011. (La causa delle sommosse, iniziate a Londra e poi estesesi alle altre città, era stata l'uccisione di un sospetto ventinovenne, Mark Duggan, padre di quattro figli, ucciso in una sparatoria con la polizia. Negozi dati alle fiamme, vandalismi e disordini che sono stati considerati i più gravi dopo quelli del 1995 a Brixton).

All’età di 17 anni, Stephen è stato mandato al carcere minorile di Feltham, a ovest di Londra, noto per i suoi alti  livelli di violenza.

"Quando ci sono arrivato, il carcere era all’altezza della sua reputazione, perché letteralmente ogni giorno si assisteva a lotte e scontri, mentre ci si sentiva persi nel nulla, in un luogo dimenticato da tutti", ha raccontato Knight nel corso del programma della BBC.

"Risse e botte erano questione di ogni momento, in quel carcere. Poteva accadere che andavi in biblioteca e anche lì trovavi gente che si pestava. Ricordo che uno di noi aveva costruito un rudimentale coltello con l’impugnatura dello spazzolino da denti, attaccando a un'estremità la lama di un rasoio".

divisori 038

Carceri minorili inglesi

  • introdotte in Inghilterra e nel Galles dal Criminal Justice Act del 1988, hanno sostituito i Centri di custodia giovanili;

  • custodiscono giovani dai 15 ai 21 anni di età condannati a pene detentive;

  • 861 ragazzi di età inferiore ai 18 erano in custodia cautelare in Inghilterra e nel Galles nel mese di luglio 2016, secondo le ultime Ministero della Giustizia.

divisori 038


Le carceri minorili sono state istituite alla fine degli anni ’80 per “riabilitare” ragazzi tra i 15 e i 21 anni, condannati per i reati commessi.

Ma coloro che criticano questo sistema, sostengono che queste strutture non sono migliori delle carceri tradizionali al fine di prevenire la recidiva, mancando di ogni capacità educativa e di recupero dei giovani che vi permangono.

Quasi i tre quarti dei giovani rilasciati dalla custodia, commettono infatti un altro reato entro un anno dall’uscita dal carcere, secondo i dati del governo .

20160928 carceri ingl 4


Un posto per animali

E spesso, sostengono coloro che vorrebbero cambiare questo sistema, le condizioni di vita al loro interno sono barbariche.

"Mandandoli lì, li stai solo rinchiudendo in una gabbia" sostiene Jermaine Lawlor, che apparteneva a una banda giovanile e che ora si batte per la riforma carceraria.

"È un posto da animali, una giungla, dove bisogna avere istinti animali per riuscire a sopravvivere".

Il governo sta portando avanti una revisione del sistema giudiziario, esaminando come gli autori di reato sono trattati in tribunale, analizzando i dettagli delle condanne nelle sentenze disponibili e i conseguenti percorsi carcerari e di reinserimento nella società.

Contestualmente sta inoltre tentando di migliorare le attività di prevenzione della devianza, al fine di evitare che i giovani arrivino a compiere reati, di rendere più efficaci i servizi che dovrebbero aiutare i minori a reinserirsi nella comunità, una volta rilasciati.

La Commissione Giustizia della Camera dei Comuni sta conducendo a sua volta un'indagine separata.

All'età di 23 anni, Jamie Jefferson, di Leeds, ha già accumulato 42 condanne. La sua carriera criminale include anche importazione di armi da fuoco, rapimento e furto con scasso.

A 18 anni è stato condannato a una pena detentiva di sei settimane per vandalismo e mandato nella prigione di Doncaster, nel South Yorkshire, la quale ospita giovani delinquenti insieme a detenuti più anziani.

Jamie Jefferson nella sua testimonianza ha affermato di volere maggiore protezione per i giovani, spesso vulnerabili, che si trovano nella situazione in cui si è trovato lui.

"Gli agenti se ne stanno lì seduti a guardare mentre i detenuti si ammazzano di botte uno con l’altro" ha affermato, aggiungendo che le controversie poi si inaspriscono sempre di più, e gli oggetti di uso quotidiano vengono utilizzati come armi quando cominciano i guai".

20160928 carceri ingl 5


Vetro appuntito

"Ho fatto a botte con un uomo, un rumeno di quarant’anni" continua Jefferson.

"Mi aveva bloccato nella sua cella, così gli sono saltato addosso e mi sono messo su di lui, colpendolo furiosamente. Ci sono voluti sei ragazzi e una guardia per farmi smettere e portarmi via".

Il personale penitenziario, come l’agente Paul Miller, deve spesso scontare il peso e le conseguenze della violenza.

"Le istituzioni per i giovani autori di reato sono solo dei depositi" afferma Miller, che ha lavorato presso il carcere minorile di Castington, nel Northumberland. "Le guardie carcerarie non hanno alcun controllo. Io ad esempio sono stato picchiato con una palla da biliardo infilata in un calzino, ferito con coltelli fatti a mano".

"In un’occasione" aggiunge Miller "mi sono trovato a fronteggiare un detenuto che aveva un vetro rotto in bocca e che me lo ha sputato in faccia".

Il presidente della Commissione Giustizia della Camera dei Comuni, il deputato conservatore Bob Neill, ha espresso "seria preoccupazione" per l’aumento delle aggressioni al personale penitenziario e tra i detenuti.

Il sistema sta fallendo con i giovani autori di reato. Le prigioni sono destinate a due cose: punire e riabilitare, e in questo momento stanno fallendo in entrambe.

L’organizzazione Inquest, che aiuta e supporta i parenti di persone che muoiono in carcere, sostiene che ci sono stati 274 suicidi tra i giovani autori di reato a partire dal 1990.

Un esponente del Ministero della Giustizia ha affermato che “il livello di violenza nelle nostre carceri è inaccettabile - soprattutto la violenza contro il nostro personale di sorveglianza, che svolge un durissimo lavoro".

La sicurezza sarà una parte centrale dei nostri piani di riforma, hanno controbattuto i referenti governativi, e hanno sottolineato: “Abbiamo in luogo tutte le risorse necessarie per fermare i comportamenti violenti o trasgressivi”.

"Qualsiasi prigioniero coinvolto in un episodio di violenza, dovrebbe affrontare un'azione disciplinare".

Ma Jamie Jefferson si chiede se davvero le carceri minorili possano migliorare, se non cambierà l’intera filosofia che regge il sistema - fornendo tutoraggio e azioni di recupero, piuttosto che semplicemente chiudere a chiave un detenuto per lunghi periodi e dimenticarsi della sua esistenza.

"Ti ritrovi d'improvviso in una cella per 21 ore al giorno, senza poter far altro che fissare le pareti. Per la mente e per lo spirito di un uomo, è devastante" conclude Jamie.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca