Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

report

 

 

Pubblicata negli Stati Uniti una ricerca sul fenomeno delle babygangs. Cambiamento di rotta: Prevenire l'adesione alle gang, studio prodotto dal National Institute of Justice unitamente al Centers for Disease Control and Prevention. La rendiamo disponibile su Ubiminor pensando possa fornire spunti a chi cerca, su un fenomeno in crescita anche nel nostro Paese, approfondimenti in merito ai fattori di rischio, chiavi di lettura, suggerimenti per la prevenzione.

  


Un estratto dai punti di sintesi della ricerca:

Perché la prevenzione?
La grande maggioranza dei giovani che si uniscono a una banda lo fanno in età molto precoce: tra gli 11 e i 15 anni. Pertanto, una precoce prevenzione è fondamentale. Le autorità e le risorse collettive locali e statali devono ora affrontare in molti contesti - tra cui quello della salute pubblica, della giustizia penale, dell'istruzione e dei servizi per la comunità – le conseguenze dell'adesione dello svilupparsi del fenomeno e del suo impatto su famiglie, scuole, comunità.

Le attrattive delle gang
È importante che responsabili politici e operatori sociali comprendano che, per alcuni ragazzi, gli aspetti positivi dell'appartenere a una gang superano di gran lunga le conseguenze potenzialmente negative che potrebbero derivarne per la loro vita. In particolare:

Aspetti economici
Le attuali difficoltà economiche spesso lasciano i teenagers al di fuori del mercato del lavoro. La prospettiva la promessa di una ricompensa materiale è un'attrattiva molto importante per i ragazzi che entrano nelle gang. Per molti di loro, che si sentono ormai esclusi dal "sogno americano", le opportunità economiche offerte dall'appartenenza ad una gang sono un'accettabile alternativa ai lavori di basso livello offerti dalle attività economiche legali.

Un sistema che garantisce supporto e senso di appartenenza
Giovani che si sentono marginalizzati rifiutati o ignorati nelle loro famiglie, a scuola o all'interno della comunità possono essere spinti ad entrare in una gang per trovarvi sostegno. Alcuni ragazzi entrano in una gang per senso di appartenenza, vedendo la gang come sostituto o come un surrogato della famiglia.

Dichiara Yusuf Shakur, ora direttore del Detroit’s Urban Youth Leadership Group: "Facevo parte di una gang. Quello che mi attirava era che... ci fossero al suo interno ragazzi che mi facevano sentire qualcosa di speciale. Li sentivo come miei fratelli. Mi proteggevano. Se poi vuoi cambiare, devi combattere con questo fattore".

Relazioni con la famiglia e con gli amici
Per alcuni, l'attrattiva consiste nel fatto che amici o familiari fanno già parte della gang. Giovani che hanno familiari più anziani già appartenenti alla gang possono sentirsi particolarmente motivati ad entrarvi.

Protezione
Esiste una incontrovertibile evidenza che i ragazzi che appartengano ad una gang siano più facilmente esposti alla violenza rispetto ai ragazzi che non ne fanno parte. Tuttavia questa verità non ha alcun valore ai loro occhi. I ragazzi che entrano in una gang credono di trovarvi protezione dalla violenza nella scuola e nella comunità. Altri ragazzi cercano protezione nella gang dalle violenze che vivono a casa. Le ragazze che hanno avuto esperienze di abuso in famiglia, ad esempio, possono credere che una gang offra loro protezione.

Status
Per gli adolescenti a rischio le gang possono rappresentare un incremento del loro status agli occhi dei pari. Per questi ragazzi unirsi ad una gang può inoltre essere visto come un modo per ottenere rispetto, libertà e indipendenza – tutti fattori che aumentano il self-empowerment  e che probabilmente mancano nella loro vita.

Mentalità fuorilegge
Molti ragazzi, non solo quelli a rischio di appartenenza ad una gang, si ribellano ai valori tradizionali della società. Per alcuni di loro agire unitamente ad organizzazioni di teppisti e di delinquenti può essere un modo per prendere posizione contro la società. È importante comprendere quanta attrattiva possa avere, per alcuni ragazzi, l'immagine di una cultura fuorilegge durante lo sviluppo cognitivo dell'adolescenza.

qui la sintesi della ricerca

qui la ricerca completa

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca