Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Sebbene il consumo di alcol generalmente non inizi fino alla prima adolescenza, i bambini interiorizzano i comportamenti di consumo degli adulti fin dalla tenera età.

20220929 fam 1

Un importante studio dei ricercatori della La Trobe University ha dimostrato che l'esposizione dei bambini piccoli al consumo di alcol della madre e del padre influenza in modo significativo le loro percezioni normative sull'alcol.

Lo studio è stato condotto dalla dott.ssa Megan Cook e dal professor Emmanuel Kuntsche, del Center of Alcohol Policy Research presso la School of Psychology and Public Health di La Trobe, e pubblicato sulla rivista Alcoholism – Clinical and Experimental Research. Gli autori hanno intervistato 329 bambini, di età compresa tra 4 e 6 anni, utilizzando un compito elettronico in cui hanno attribuito bevande alcoliche a una varietà di persone raffigurate in uno scenario illustrato. I loro genitori, contestualmente, hanno completato un sondaggio online che includeva informazioni sull'uso e l'esposizione all'alcol.

Lo studio ha rilevato un effetto specifico del genere dell'esposizione al consumo di alcol dei genitori (in particolare delle madri) sulla percezione dei bambini piccoli delle norme sul consumo di alcol personali.

Secondo la dott.ssa Megan Cook e il professor Kuntsche, sebbene la maggior parte delle persone inizi a bere alcolici durante l'adolescenza, la maggior parte dei giovani ha già interiorizzato informazioni normative sulle pratiche di consumo degli adulti quando erano bambini, di prima degli otto anni, attraverso l'apprendimento osservazionale.

"Quando viene avviato il consumo da parte di un ragazzo, questa abitudine si basa su anni di apprendimento osservativo nell’ambito dei contesti familiari e sociali in cui vivono i bambini, in considerazione della disponibilità, del prezzo e anche degli effetti del marketing dell'alcol" hanno affermato la dottoressa Cook e il professor Kuntsche.

"Sebbene ci siano una varietà di potenziali fonti, quando i bambini sono in giovane età i genitori svolgono un ruolo primario nell'apprendimento osservativo e nel prendere esempio".

È importante sottolineare, secondo gli studiosi, che è fondamentale indagare non tanto su quanto bevono i genitori in generale, ma piuttosto quando bevono in presenza di bambini.

“Alcuni genitori possono consumare alcol frequentemente, ma solo quando sono fuori con amici adulti o quando i bambini sono a letto; quindi, i figli non sono esposti al consumo di alcol dei genitori. Al contrario, altri genitori possono consumare alcol meno frequentemente ma, quando consumano, lo fanno in presenza dei loro figli".

L'esposizione al consumo di alcol dei genitori influenza le percezioni normative dei bambini piccoli. "Questa esposizione precoce è importante da studiare perché le norme svolgono un ruolo nella regolazione del consumo di alcol dei giovani, facendo prevedere un consumo eccessivo e problematico di alcol tra i 17 e i 19 anni" hanno spiegato i ricercatori.

20220929 fam 1a

Metodologia

Nel compito elettronico, ai bambini dei Paesi Bassi è stato chiesto di scegliere una delle 12 bevande (quattro alcoliche e otto analcoliche) sotto un'illustrazione di situazioni di vita quotidiana (persone in campeggio, in un ristorante, a una festa, ecc.) e da “attribuire” alla persona a cui punta una freccia.

Per fare ciò, hanno toccato l'immagine della bevanda che pensavano la persona nella situazione illustrata avesse bevuto. Le situazioni illustrate venivano presentate una alla volta e in ordine casuale. Veniva attribuita una bevanda a ciascuna persona nella situazione illustrata prima di passare alla situazione successiva.

I genitori hanno risposto a un questionario sul loro consumo in una serie di situazioni usuali: cena, Natale, feste, guardando la TV, durante i barbecue, in un ristorante, in campeggio, ecc.

Ai partecipanti è stato chiesto con quale frequenza bevessero alcol nelle situazioni che corrispondevano a quelle domestiche correlate al compito elettronico che i bambini avevano completato.

Lo studio ha rilevato che in media:

I padri hanno consumato alcol circa nove volte nelle quattro settimane precedenti, circa tre volte e mezzo in più rispetto alle madri.

Le ragazze sono state esposte ai padri che bevono, in media, in due situazioni e alle madri che bevono in 1,5 situazioni.

I padri erano più propensi a riferire di aver bevuto in situazioni che espongono i bambini all'alcol (ad esempio, quando sono al ristorante), rispetto alle madri.

L'esposizione al consumo di alcol delle madri era moderatamente correlata all'esposizione al consumo di alcol dei padri, ovvero quando un genitore beveva in una situazione familiare, anche l'altro tendeva a farlo, ma questo legame non è risultato particolarmente forte.

I bambini hanno attribuito l'alcol alle femmine nelle illustrazioni il 51% delle volte, tra cui le madri per il 35%, le altre femmine il 16% (comprese amiche e nonne), i maschi l'89%, di cui padri il 62% e gli altri maschi il 26%. (compresi amici maschi e nonni).

Lo studio ha rilevato che ciò che i bambini imparano dai loro genitori, in particolare dalle madri, ha una peculiarità di genere.

"I risultati forniscono prove convincenti della trasmissione intergenerazionale dei comportamenti legati al consumo di alcol in età molto giovane e, poiché l'esposizione è specifica per genere, potrebbe essere un primo importante trampolino di lancio verso le identità di consumo di genere riscontrate nella popolazione adulta", hanno concluso i ricercatori.