Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Questo dossier è una sfida, tra le mille che ci propone il lavoro quotidiano nelle nostre organizzazioni, nella relazione con le persone che incontriamo, nel rapporto con le istituzioni, con le politiche e la burocrazia, nell’incontro con le reti ed alleanze territoriali, quelle formali e quelle informali, nell’impegno a coltivare passioni e motivazioni, a lasciare spazio, a rinnovare le nostre basi sociali.

Un impegno di coerenza, che chiama CNCA Lombardia a mostrare chi siamo, quanti siamo e dove andiamo. I numeri, i luoghi, le azioni, le professionalità e i gruppi sociali. Ma proviamo ad andare oltre le consuete categorie, i numeri e le “torte” esplicative. Attraverso la “qualità” del nostro operato. Sarà il prossimo impegno che ci prendiamo, per raccontare e comunicare sempre meglio la complessità, la fluidità e le connessioni multiple del nostro sistema.

Un sistema dentro cui resta comunque centrale l’incontro con le persone, con le storie individuali e collettive, spesso con le loro diverse sofferenze. Per questo motivo abbiamo voluto dedicare la seconda parte del Dossier alla raccolta di storie di “sofferenza psicologica”, all’impatto del disagio post Covid sugli adolescenti e sui giovani, alla nostra fatica di reggere il peso di un fenomeno che è “pubblico” e conclamato.

Lo abbiamo fatto provando a darci la libertà di esprimerci e raccontare in maniera libera e creativa: testi, voci, immagini, video.

Un groviglio comunicativo i cui fili intendono uscire dai bordi, superare i nostri confini, raggiungere nuovi soggetti.

Questo dossier, il secondo della nostra storia ormai ventennale, mette dunque in scena questi diversi sguardi:

  • I dati delle nostre organizzazioni che sommano una maggioranza qualificata e militante di lavoratori del sociale, ad una importante presenza di volontari, spesso giovani, donne, pensionati.
  • La forma dei nostri servizi, per scoprire quasi con sorpresa, forse con nostalgia, o meglio con soddisfazione che i servizi residenziali non sono più la maggioranza e che quelli speciali, difficili da catalogare, sono numerosissimi: dal protagonismo giovanile, alla cittadinanza attiva, dallo sviluppo delle reti territoriali alla crescita delle competenze specialistiche, dall’agricoltura urbana, alla circolarità e al riuso, dall’accoglienza turistica alla produzione di gelati.
  • I numeri delle persone incontrate che sono sempre più significativi, quasi impressionanti se pensiamo che dietro ad ogni cifra si fa strada una faccia, una storia, un viaggio, una frattura, un’intelligenza, una fuga, un impegno.
  • Le storie del post pandemia che abbiamo scelto tra tante possibili e che raccontano la sofferenza psicologica dovuta alla perdita, alla solitudine, all’incertezza sul futuro.

Buona lettura

Paolo Cattaneo, presidente CNCA Lombardia

Dossier CNCA 2022

(clicca sull'immagine per leggere il dossier)

Negli ultimi anni il CNCA ha inviato lettere dalla frontiera Mediterranea (Lampedusa, Tunisi, Atene, Ceuta), per raccontare esperienze ed emozioni ad essa collegate; nel corso del 2020 la pandemia ha portato la frontiera dentro i nostri confini lombardi, lasciandoci nell’ambigua posizione di protagonisti e oggetti della storia.

A più da un anno di distanza dall’avvio di tutto ciò abbiamo fatto, come sempre, pratica e raccolta di esperienze per riflettere e provare ad interrogare tutti noi. Sono storie, culture e appartenenze che raccontano percorsi differenti, che travolgono i confini personali, professionali e relazionali, che ridefiniscono il tempo, lo spazio e la profondità.

E i linguaggi che usiamo, ugualmente stratificati, ne testimoniano la ricchezza e la densità: il linguaggio al femminile, che declina, meglio di qualsiasi altro, il concetto di “cura”; il linguaggio delle persone che accogliamo che ci conduce di fronte alla fragilità; il linguaggio della poesia e della bellezza, che scava pozzi dentro di noi; il linguaggio contundente del disvelamento, che individua il “paziente Zero” senza alcun appello.

Riccardo De Facci
presidente nazionale CNCA

Paolo Cattaneo
presidente CNCA Lombardia

Luce nelle ferite

Clicca sull'immagine per leggere

il Covid-19: il capitale umano, la resilienza, l’innovazione,gli anticorpi cooperativi.

Il primo bilancio delle organizzazioni del non profit di CNCA durante la pandemia in Lombardia.

Dati e testimonianze: quasi 40 realtà, 5.000 lavoratori , oltre 70.000 utenti, con 17 categorie, dai minori ai migranti.

Scarica qui il dossier completo

Milano, 21 giugno 2021 – Nel corso della crisi epocale causata dalla pandemia di Covid-19, il CNCA Lombardia, che federa 38 organizzazioni e ha oltre 800 servizi in 12 province della Regione Lombardia, ha scelto di raccontarsi per la prima volta nel Dossier “La cura nella pandemia”: non solo offrendo una fotografia di una parte rilevante del settore non profit lombardo, ma mettendo anche in evidenza che cosa sia successo nelle sue realtà durante la pandemia.

“Questo Dossier – spiega Paolo Cattaneo, presidente CNCA Lombardia – va quindi visto come un fermo immagine che racconta il “patrimonio” straordinario di CNCA Lombardia ma anche come un bilancio dinamico della sua capacità di “resilienza e ripresa” che ha le fondamenta nel suo grande capitale umano”.

Il Dossier “La cura nella pandemia” mette prima di tutto in evidenza i dati delle organizzazioni di CNCA Lombardia (scarica qui il dossier e guarda qui sotto la sintesi dei dati principali). Gli “addetti ai lavori” sommano “una maggioranza qualificata e militante di lavoratori del sociale, ad una importante presenza di volontari”. I numeri delle persone (gli utenti dei servizisono imponenti (oltre 70.000), “ancora più importante -spiega Cattaneo- se pensiamo che dietro ad ogni cifra si fa strada una faccia, una storia, un viaggio, una frattura, un’intelligenza, una fuga, un impegno.

servizi offerti, oltre 800 unità, spaziano dal residenziale ai numerosissimi servizi innovativi.

Dossier Pandemia Cnca

La seconda parte del Dossier racconta le storie della pandemiacase history e progetti scelti tra le mille possibili: storie che raccontano la resistenza nel quotidiano, storie che raccontano la forza del gruppo, della comunità, la creatività delle cooperativa, la tecnologia che diventa vicinanza.

Qualche esempio: la ginnastica online per gli anziani delle Case del Tempo gestite dalla cooperativa sociale Comin; la “vicinanza remota” attraverso il disegno e il fumetto della Fondazione Arché; gli incontri online che hanno messo in campo la giocoleria, il canto, la fotografia con la cooperativa sociale il Calabrone; un centro diurno che va in onda sulla radio di quartiere nell’esperienza dell’Associazione Comunità Nuova; l’invenzione di nuovi servizi “casa della quarantena” della Cooperativa La Grande Casa: una soluzione che ha consentito a donne in fuga di restare al sicuro; i centri di accoglienza per persone senza dimora che mettono in evidenza gli “anticorpi cooperativi” nel lavoro di Famiglia Nuova; i laboratori di panificazione e falegnameria della Cooperativa Arimo; le soluzioni che affrontano il problema dell’accessibilità nel caso della Cooperativa Lotta contro l’Emarginazione; il concerto on line del Primo maggio inventato da cooperativa Diapason; la produzione di mascherine e di camici per la terapia intensiva predisposta dal Laboratorio di Confezioni della Cooperativa Bessimo; le proposte di Cooperativa Aeper, dai video autoprodotti per promuovere proposte ludiche e sportive.

Per interviste con Paolo Cattaneo e le singole cooperative, Ufficio stampa 329 1376380

* * *

Il metodo del Dossier

Una prima fase è stata “quantitativa”. I numeri della prima parte del Dossier si riferiscono a quanto è stato cristallizzato nei Bilanci Sociali o nei report delle organizzazioni di CNCA Lombardia e si riferiscono al 31 dicembre 2019 – il periodo appena pre- cedente lo scoppio della pandemia – e che sono stati poi pubblicati nel 2020. Nel novero è computata anche Micaela Onlus, che dal 2020 non è più socia di CNCA Lombardia. La raccolta dei dati è stata confermata dalle organizzazioni stesse at-traverso la compilazione di un questionario ad aprile 2021.

Una seconda fase è stata invece “qualitativa”. I materiali della seconda parte del Dossier, ovvero relazioni, interviste, racconti, sono state invece raccolti nel corso del 2020 e 2021 e si riferiscono in toto a iniziative, progetti ed episodi promossi o accaduti nel periodo della pandemia.

Il dossier è stato curato da Altreconomia
Redazione ed editing:Massimo Acanfora
Grafica: Laura Anicio
Con il contributo di Paolo Cattaneo, Rita Ceraolo.

Grazie a tutte le realtà di CNCA Lombardia