Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Meno calore da parte dei genitori e un ambiente familiare più aspro e attraversato da conflitti, influenzano l’aggressività nei ragazzi e il fatto che difettino di empatia e di un chiaro senso morale: un insieme di caratteristiche conosciute come tratti di personalità “callous-unemotional” (CU).

20181106 callous 

Tali tratti di personalità si riferiscono ad uno stile relazionale caratterizzato da una componente emotiva fredda, indifferente, non empatica e priva di sensi di colpa.

Sono i risultati di uno studio realizzato dall'Università della Pennsylvania, dall'Università del Michigan e dalla Michigan State University. Il lavoro è stato pubblicato sul Journal of American Academy of Child and Adolescent Psychiatry .

In uno studio condotto su 227 coppie gemelle identiche diretto dalla psicologa Rebecca Waller, il team di ricerca ha analizzato piccole differenze nella genitorialità che ciascun gemello aveva vissuto per determinare se tali differenze predicessero la probabilità di comportamenti antisociali che sarebbero insorti più avanti nei ragazzi. Gli studiosi hanno riscontrato che il gemello che aveva subito un trattamento più severo o più duro e un minore calore emotivo dai genitori aveva una maggiore possibilità di mostrare aggressività e tratti di CU.

"Alcuni dei primi lavori sui tratti di personalità “callous-unemotional” si sono concentrati sulle loro basi biologiche, come la genetica e il cervello, creando la tesi che questi tratti si sviluppino indipendentemente da ciò che accade nell'ambiente di un ragazzo, e che la genitorialità non abbia importanza" spiega il professor Waller, associato del Dipartimento di Psicologia della Penn University.

"Sentivamo che ci doveva essere qualcosa che potevamo cambiare nel contesto familiare che avrebbe potuto prevenire il fatto che, un bambino già tendente all’aggressività, seguisse un percorso di sviluppo verso un comportamento antisociale più grave".

Il lavoro è l'ultimo di una serie di studi di Waller e colleghi che utilizzano l'osservazione per valutare una serie di aspetti della genitorialità. La ricerca iniziale, che considerava genitore e ragazzi da un punto di vista biologico, ha confermato che il calore dei genitori giocava un ruolo significativo nel determinare se le caratteristiche della CU si materializzavano poi nei giovani.

Un successivo studio sull'adozione, relativo a genitori e ragazzi che non avevano legami biologici, ha portato a risultati analoghi.

"Non possiamo attribuire l’aggressività e i tratti caratteriali CU alla genetica perché questi ragazzi non condividono i geni con i loro genitori" dice Waller. "Ma questo non escludeva ancora la possibilità che qualcosa nelle caratteristiche genetiche del bambino avesse evocato determinate reazioni da parte del genitore adottivo".

In altre parole, un genitore che è caldo e positivo può avere difficoltà a mantenere questo comportamento se il bambino non lo ricambia mai.

20181106 callous 3

La consapevolezza di questo ha portato Waller e Luke Hyde, psicologo della University of Michigan, a collaborare con Alexandra Burt, condirettore del Twin Registry della Michigan State University. Prendendo in considerazione partecipanti tra i 6 e gli 11 anni da un ampio studio in corso sui gemelli che veniva condotto dalla Burt, il team di ricerca ha rivolto la sua attenzione a gemelli omozigoti.

Per 454 bambini (227 gemelli omozigoti), i genitori hanno compilato un questionario di 50 voci sull'ambiente familiare. Hanno anche stabilito i loro livelli di durezza, freddezza o calore affettivo valutando 24 affermazioni come "Mi capita spesso di perdere la pazienza con mio figlio" e "Mio figlio sa che lo amo". I ricercatori hanno valutato il comportamento del bambino chiedendo alla madre di riferire su 35 tratti relativi all'aggressività e alle caratteristiche di personalità CU.

"Lo studio dimostra in modo convincente che la genitorialità - e non solo i geni - contribuisce allo sviluppo del rischio di tratti callous-unemotional " afferma Hyde, professore associato nel Dipartimento di Psicologia del Michigan. "Poiché i gemelli omozigoti hanno lo stesso DNA, possiamo essere più sicuri che le differenze nella genitorialità ricevuta dai gemelli influenzino lo sviluppo di questi tratti".

Secondo Waller, un possibile passo successivo consiste nel trasformare questi risultati in attività di sostegno per le famiglie che cercano di impedire a un bambino di sviluppare tali tratti o di migliorare i comportamenti problematici che già si manifestano.

"Dal punto di vista del mondo reale, la messa in atto di interventi che funzionano praticamente e che sono effettivamente in grado di cambiare i comportamenti in diversi tipi di famiglie è complicata" afferma Waller.

"Ma questi risultati dimostrano che anche piccole differenze nel modo in cui i genitori si prendono cura dei loro figli contano. Il nostro obiettivo ora è quello di adattare i programmi di genitorialità già efficaci, al fine di includervi interventi specifici incentrati su tratti di insensibilità e non-emotività".

Sebbene un’attività con i genitori possa avere successo, Hyde e colleghi sottolineano che il loro lavoro non incolpa i genitori per la CU del loro bambino o per i comportamenti aggressivi.

"Il nostro precedente lavoro con i bambini adottati ha dimostrato che anche i geni sono importanti, e quindi c'è una causalità combinata. Alcuni bambini possono essere più difficili da crescere. Il messaggio più importante è che i trattamenti che funzionano con i genitori possono essere di aiuto, perfino con i bambini più a rischio".

Lo studio ha preso in considerazione soprattutto famiglie con due genitori, il che significa che i risultati potrebbero non essere generalizzabili alle situazioni monoparentali.

Nonostante le sue limitazioni, i ricercatori sostengono che il loro lavoro amplia la comprensione di come emergano diverse forme di comportamento antisociale, come l'aggressività e i tratti di insensibilità.

"Questo fornisce una forte evidenza del fatto che la genitorialità è importante anche per lo sviluppo di tratti di personalità “callous-unemotional” afferma Hyde.

"La buona notizia è che sappiamo che i trattamenti possono aiutare i genitori che potrebbero aver bisogno di ulteriore sostegno con i ragazzi che predisposti a questi comportamenti pericolosi ".


I materiali dello studio sono disponibili sul sito della University of Pennsylvania.

Riferimento bibliografico:
Rebecca Waller, Luke W. Hyde, Kelly L. Klump, S. Alexandra Burt. 
Parenting is an Environmental Predictor of Callous-Unemotional Traits and Aggression: 
A Monozygotic Twin Differences Study
Journal of the American Academy of Child & Adolescent Psychiatry, 2018.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca