Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Vent'anni di ricerche in Nord America, Europa e Australia sostengono l’importanza delle cene di famiglia. Sedersi insieme per un pasto serale fa bene al cervello, al corpo e allo spirito.

20220323 dine 3

Anzitutto, i ricercatori hanno scoperto che per i bambini piccoli, la conversazione all'ora di cena arricchisce il vocabolario ancora di più che la lettura ad alta voce.

I ricercatori hanno contato il numero di parole rare – quelle non trovate in un elenco di 3.000 parole più comuni – che le famiglie hanno usato durante la conversazione a cena. I bambini piccoli hanno imparato 1.000 parole rare a tavola, rispetto a solo 143 dai genitori che leggevano libri di fiabe ad alta voce. I bambini, poi, che hanno un ampio vocabolario imparano prima a leggere e lo fanno più facilmente.

Anche i bambini più grandi traggono benefici intellettuali dalle cene in famiglia. Per i giovani in età scolare, i pasti regolari sono un predittore ancora più potente di votazioni alte e di un buon percorso a scuola, rispetto alla quantità di tempo trascorso a scuola, al fare i compiti, al praticare sport o al fare arte.

Altri ricercatori, inoltre, hanno riportato un'associazione coerente tra la frequenza delle cene in famiglia e il rendimento scolastico anche degli adolescenti.

Gli adolescenti che consumavano i pasti in famiglia da cinque a sette volte a settimana avevano il doppio delle probabilità di andare meglio a scuola rispetto a quelli che cenavano con le loro famiglie meno di due volte a settimana.

I ragazzi che condividono regolarmente cene in famiglia consumano anche più frutta, verdura, vitamine e micronutrienti, nonché meno cibi fritti e bevande analcoliche. E i benefici nutrizionali continuano a dare i loro frutti anche dopo che sono cresciuti: i giovani adulti che hanno mangiato regolarmente pasti in famiglia da adolescenti hanno meno probabilità di essere obesi e hanno maggiori probabilità di mangiare in modo sano una volta che vivono da soli.

Alcune ricerche hanno persino trovato una connessione tra le normali cene di famiglia e la riduzione dei sintomi di disturbi fisici come l'asma. Il beneficio potrebbe essere dovuto a due possibili conseguenze di un pasto familiare condiviso: una minore ansia e la possibilità di verificare la salubrità del comportamento alimentare di un figlio.

Non è solo la presenza di cibi sani che porta a tutti questi benefici. Anche l'atmosfera della cena è importante. I genitori devono essere cordiali e coinvolti, piuttosto che controllanti e restrittivi, per incoraggiare un'alimentazione sana nei loro figli.

Ma tutti questi fattori positivi del cenare insieme vengono “disattivati” se la TV viene accesa durante la cena. In uno studio, i bambini della scuola materna americani che guardavano la TV durante la cena avevano maggiori probabilità di essere in sovrappeso quando erano in terza elementare. L'associazione tra guardare la TV durante la cena e sovrappeso nei bambini è stata segnalata anche in Svezia, Finlandia e Portogallo.

Inoltre, una serie di studi collega le normali cene di famiglia con l'abbassamento di una serie di comportamenti ad alto rischio adolescenziali che i genitori temono: fumo, alcolismo, uso di marijuana, violenza, problemi scolastici, disturbi alimentari e attività sessuale promiscua.

20220323 dine 3a

In uno studio su oltre 5.000 adolescenti del Minnesota, i ricercatori hanno concluso che le regolari cene in famiglia erano associate a tassi più bassi di depressione e pensieri suicidari. In un altro studio molto recente, i ragazzi vittime del cyberbullismo si sono ripresi più facilmente se avevano cenato regolarmente in famiglia. È stato riscontrato che le cene in famiglia sono un deterrente più potente contro i comportamenti degli adolescenti ad alto rischio rispetto alla frequenza di attività religiose o al profitto scolastico.

Ci sono anche associazioni tra cene di famiglia regolari e comportamenti positivi, non solo l'assenza di quelli cattivi.

In uno studio della Nuova Zelanda, una maggiore frequenza dei pasti in famiglia era fortemente associata a stati d'animo positivi negli adolescenti. Allo stesso modo, altri ricercatori hanno dimostrato che gli adolescenti che cenano regolarmente con le loro famiglie hanno anche una visione più positiva del futuro rispetto ai loro coetanei che non mangiano con i genitori.

Nella maggior parte dei paesi industrializzati, le famiglie non coltivano la terra insieme, non suonano strumenti musicali o non cuciono trapunte sul portico di casa. Quindi la cena è il modo più efficace per i membri di una famiglia di mettersi in relazione e scoprire cosa sta succedendo tra loro.

In un sondaggio, agli adolescenti americani è stato chiesto quando era più probabile che parlassero con i loro genitori: la cena è stata la loro risposta più frequente. I giovani che cenano con i genitori sperimentano meno stress e hanno un rapporto migliore con loro.

Questo contatto quotidiano all'ora dei pasti, dicono gli esperti, è come una cintura di sicurezza per percorrere la strada piena di buche dell'infanzia e dell'adolescenza e tutti i suoi possibili comportamenti rischiosi.

Naturalmente, il vero potere delle cene sta nella loro qualità interpersonale.

Se i membri della famiglia si siedono in un silenzio di pietra, se i genitori si rimproverano a vicenda o rimproverano i figli, la cena in famiglia non conferirà benefici positivi. Condividere un buon piatto non trasformerà magicamente le relazioni genitore-figlio.

Ma la cena può a volte essere l'unico momento della giornata in cui un genitore e un ragazzo possono condividere un'esperienza positiva - un pasto ben cucinato, un momento di leggerezza e raccontarsi delle storie - e questi piccoli momenti possono fornire lo slancio per creare relazioni più forti anche lontano dalla tavola.