Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Quanto più un genitore fuma, tanto più fumeranno anche il figlio o la figlia adolescente. Gli adolescenti hanno molte più probabilità di fumare e di dipendere dalla nicotina se un genitore dipende dalla nicotina, in particolare le figlie se la madre è una accanita fumatrice.

20201105 fumatrici 5a

I risultati dello studio condotto dai ricercatori del Columbia University Medical Center e del New York State Psychiatric Institute sono stati pubblicati sull'American Journal of Public Health.

I ricercatori hanno utilizzato i dati tra il 2004 e il 2012 del National Survey on Drug Use and Health, che ha intervistato ogni anno più di 67.000 persone di età superiore ai 12 anni.

Lo studio stesso si è concentrato su 35.000 coppie genitori-adolescenti e ha analizzato le loro risposte riguardo al loro rapporto con il fumo e l’eventuale dipendenza da nicotina di genitori e adolescenti.

Sono stati inoltre raccolti dati aggiuntivi, compreso il rischio percepito da genitori e adolescenti in relazione al fumo, la presenza di depressione, l’uso da parte degli adolescenti di alcol o altre droghe e la percezione della qualità della genitorialità, come la presenza e il controllo dei genitori, il livello di supporto e le situazioni di conflitto.

Gli autori hanno scoperto che il 13% degli adolescenti il ​​cui genitore non ha mai fumato ha dichiarato di non aver mai fumato nemmeno una sigaretta. In confronto, il 38% degli adolescenti il ​​cui genitore era dipendente dalla nicotina aveva fumato almeno una sigaretta.

Tra gli adolescenti che avevano fumato almeno una sigaretta, solo il 5% era dipendente se il genitore non aveva mai fumato, mentre il 15% era dipendente se il genitore era dipendente.

L'effetto del fumo e della dipendenza dei genitori è persistito anche dopo il controllo di fattori quali l'uso di alcol e altre droghe da parte degli adolescenti. Nel complesso, gli adolescenti avevano tre volte le probabilità di fumare almeno una sigaretta e quasi il doppio delle probabilità di dipendenza dalla nicotina, se i loro genitori erano fumatori con dipendenza.

Le ragazze, inoltre, avevano quasi quattro volte più probabilità di essere dipendenti dalla nicotina quando le loro madri dipendevano dalla nicotina, ma non sono risultate particolarmente influenzate dalla dipendenza da nicotina dei padri. La dipendenza dei maschi non è risultata invece altrettanto influenzata dalla dipendenza dei genitori.

20201105 fumatrici 5

Una serie di altri fattori hanno aumentato il rischio di fumo durante tutta la vita degli adolescenti e di dipendenza da nicotina, tra questi il livello di istruzione dei genitori, lo stato civile, la qualità della genitorialità e le convinzioni degli adolescenti sul rischio del fumo, l’influenza del fumare dei compagni di scuola, l'uso di marijuana e anche il livello di la salute mentale.

Cosa spiega la forte influenza dei genitori in relazione al fumo degli adolescenti? Il fatto che il fumo negli adolescenti fosse più fortemente influenzato dai genitori che erano fumatori attuali rispetto ai genitori che avevano smesso, scrivono gli autori, suggerisce l’effetto del ruolo che funge da modello per i ragazzi.

In altre parole, gli adolescenti imitano i loro genitori. Ma poiché il fatto che i genitori avessero smesso di fumare non eliminava il rischio, altri aspetti dell'ambiente familiare o fattori genetici probabilmente giocano un ruolo nel crearsi di una dipendenza da fumo.

L'effetto specifico della dipendenza dei genitori sulla dipendenza dell'adolescente suggerisce che i fattori genetici possono essere più importanti per la trasmissione intergenerazionale del fumare pesante e della dipendenza che non l'iniziare a seguito del fumare effettivo dei genitori.

"La maggior parte dei fumatori inizia a fumare da adolescenti. Come dimostra questo studio, i genitori hanno una forte influenza in questo comportamento" afferma l'autore principale Denise Kandel, professore di Scienze sociomediche in Psichiatria presso il Columbia University Medical Center e ricercatrice presso l'Istituto psichiatrico dello Stato di New York.

"Per evitare che gli adolescenti inizino a fumare e diventino dipendenti dal tabacco, dobbiamo fare un lavoro migliore nell'aiutare i genitori a smettere di fumare".

Un modo per farlo, aggiunge, è sensibilizzare i genitori durante le visite pediatriche.

Questa potrebbe essere una strategia promettente perché l'intervento avverrebbe all'inizio della vita di un bambino e ridurrebbe l'incidenza dell'inizio precoce del fumo, che è correlato al fumo prolungato e alla dipendenza nel corso della vita.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca