Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Un recente studio mostra che le dure pratiche genitoriali nell'infanzia hanno ripercussioni a lungo termine sullo sviluppo del cervello dei bambini. Arrabbiarsi ripetutamente, picchiare, scuotere o urlare contro i figli sarebbe collegato a strutture cerebrali più piccole nell'adolescenza.

20210406 severità 2

È quanto afferma un nuovo studio pubblicato su Development and Psychology condotto da ricercatori dell’Université de Montréal in collaborazione con ricercatori della Stanford University.

Le dure pratiche genitoriali prese in considerazione dallo studio sono comuni e persino considerate socialmente accettabili dalla maggior parte delle persone in Canada e in molta parte del mondo.

"Le implicazioni vanno oltre i cambiamenti nel cervello. È importante sia che i genitori e la società comprendano che l'uso frequente di pratiche genitoriali dure può danneggiare lo sviluppo di un bambino" affermano gli autori dello studio.

"Stiamo parlando del loro sviluppo sociale ed emotivo, così come del loro sviluppo cerebrale".

Emozioni e anatomia cerebrale

Gravi abusi sui minori (come abusi sessuali, fisici ed emotivi), abbandono e persino la loro istituzionalizzazione sono stati collegati all'ansia e alla depressione più avanti nella vita.

Studi precedenti hanno già dimostrato che i bambini che hanno subito gravi abusi hanno cortecce prefrontali e un’amigdala più piccole, due strutture che svolgono un ruolo chiave nella regolazione emotiva e nell'emergere di ansia e depressione.

In questo studio, i ricercatori hanno osservato che le stesse regioni del cervello erano più piccole negli adolescenti che erano stati ripetutamente sottoposti a pratiche genitoriali dure durante l'infanzia, anche se non avevano subito atti di abuso più gravi.

"Questi risultati sono sia significativi che nuovi. È la prima volta che le dure pratiche genitoriali che non sono al livello degli abusi gravi sono state collegate a una riduzione delle dimensioni della struttura cerebrale, simile a ciò che vediamo nelle vittime di gravi atti di abuso".

20210406 severità 2a

I ricercatori hanno aggiunto che uno studio pubblicato nel 2019 "ha dimostrato che le dure pratiche genitoriali potrebbero causare cambiamenti nella funzione cerebrale tra i bambini, ma ora sappiamo che influenzano anche la struttura stessa del cervello".

Bambini monitorati sin dalla nascita

Uno dei punti di forza di questo studio è che ha utilizzato i dati di bambini che erano stati monitorati sin dalla nascita presso il CHU Saint-Justine Research Centre all'inizio degli anni 2000 dall'Unità di ricerca sul disadattamento psicosociale dei bambini (GRIP) dell'Université de Montréal e dal Quebec Statistical Institute.

Come parte di questo monitoraggio, le pratiche genitoriali e i livelli di ansia infantile sono stati valutati ogni anno mentre i bambini avevano un'età compresa tra 2 e 9 anni. Questi dati sono stati quindi utilizzati per dividere i bambini in gruppi in base alla loro esposizione (bassa o alta) persistenze a pratiche genitoriali dure.

"Bisogna tenere presente che questi bambini sono stati costantemente sottoposti a pratiche genitoriali dure in un’età compresa tra i 2 e i 9 anni. Ciò significa che le differenze nel loro cervello sono collegate all'esposizione ripetitiva a pratiche genitoriali dure durante l'infanzia" affermano gli studiosi, che hanno lavorato con i loro colleghi per valutare i livelli di ansia dei bambini ed eseguire una risonanza magnetica anatomica su di loro tra i 12 e i 16 anni.

Questo studio è il primo a cercare di identificare i legami tra le dure pratiche genitoriali, l'ansia dei bambini e l'anatomia del loro cervello.

I risultati sono un ulteriore monito per qualunque genitore affinché consideri con attenzione il modo in cui si pone nei confronti dei figli. Anche non arrivando all’abuso, la durezza fisica e verbale può provocare danni molto pesanti allo sviluppo dei ragazzi.


I materiali della ricerca sono disponibili sul sito dell’Università di Montreal.
Riferimento bibliografico
Sabrina Suffren et alii. Prefrontal cortex and amygdala anatomy
in youth with persistent levels of harsh parenting practices
and subclinical anxiety symptoms over time during childhood
.
Development and Psychopathology, 2021

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca