Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

I ragazzi che seguono una dieta attenta e qualitativa, ricca di frutta e verdura, hanno un benessere mentale migliore, secondo una nuova ricerca dell'Università dell'East Anglia.

20211007 fruit 1

Lo studio è il primo a indagare l'associazione tra l'assunzione di frutta e verdura, le scelte di colazione e pranzo e il benessere mentale nei ragazzi delle scuole del Regno Unito.

La ricerca mostra come mangiare più frutta e verdura sia legato a un migliore benessere tra gli alunni delle scuole secondarie in particolare. I ragazzi che consumavano cinque o più porzioni di frutta e verdura al giorno avevano i punteggi più alti in riferimento al benessere mentale.

Il gruppo di ricerca afferma che dovrebbero essere sviluppate strategie di salute pubblica e politiche scolastiche per garantire che un'alimentazione di buona qualità sia disponibile a tutti gli studenti prima e durante la scuola per ottimizzare il benessere mentale e consentire ai ragazzi di raggiungere il loro pieno potenziale.

Il ricercatore capo, la prof.ssa Ailsa Welch, della Norwich Medical School dell'UEA, ha dichiarato: "Sappiamo che lo scarso benessere mentale è un problema importante per i giovani ed è probabile che abbia conseguenze negative a lungo termine.

"Le pressioni dei social media e della cultura scolastica moderna sono state propagandate come potenziali ragioni per una crescente prevalenza di scarso benessere mentale nei bambini e nei giovani.

"E c'è un crescente riconoscimento dell'importanza della salute mentale e del benessere nei primi anni di vita, non ultimo perché i problemi di salute mentale degli adolescenti spesso persistono nell'età adulta, portando a esiti e condizioni di vita.

"Sebbene i legami tra alimentazione e salute fisica siano ben compresi e conosciuti, fino ad ora non si sapeva molto sul fatto che la nutrizione abbia un ruolo nel benessere emotivo dei più giovani. Quindi, abbiamo deciso di indagare l'associazione tra scelte dietetiche e benessere mentale tra gli scolari dei primi cicli di studio".

Il gruppo di ricerca ha studiato i dati di quasi 9.000 bambini in 50 scuole in tutto il Norfolk (7.570 bambini della scuola secondaria e 1.253 della scuola primaria) tratti dal Norfolk Children e dall'indagine sulla salute e il benessere dei giovani.

Gli studenti coinvolti nello studio hanno auto-segnalato le loro scelte dietetiche e hanno preso parte a test di benessere mentale adeguati all'età che hanno riguardato l'allegria, l’equilibrio e l'avere buoni rapporti interpersonali.

"In termini di nutrizione, ha spiegato la professoressa Welch, abbiamo scoperto che solo circa un quarto dei ragazzi della scuola secondaria e il 28% dei bambini della scuola primaria hanno riferito di mangiare la frutta e la verdura, come consigliato, cinque volte al giorno. E poco meno di uno su dieci non mangiava frutta o verdura.

"Più di un bambino su cinque delle scuole secondarie e uno su dieci delle elementari non faceva colazione. E più di un bambino su dieci delle scuole secondarie abitualmente non pranzava”.

20211007 fruit 4

Il team ha esaminato l'associazione tra fattori nutrizionali e benessere mentale e ha preso in considerazione altri fattori che potrebbero avere un impatto, come le esperienze infantili avverse e le situazioni domestiche.

Il dottor Richard Hayhoe, anche lui della Norwich Medical School dell'UEA, ha dichiarato: "Abbiamo scoperto che il mangiare bene era associato a un migliore benessere mentale nei bambini. E che tra i ragazzi delle scuole secondarie in particolare, c'era un legame molto forte tra seguire una dieta nutriente, ricca di frutta e verdura, e avere un miglior benessere mentale.

"Abbiamo anche scoperto che anche la tipologia degli alimenti consumati a colazione e pranzo dagli alunni delle scuole primarie e secondarie erano significativamente associati al loro benessere.

"I ragazzi che hanno consumato una colazione tradizionale hanno sperimentato un benessere migliore rispetto a quelli che hanno fatto solo uno spuntino o bevuto una bevanda. Ma gli studenti delle scuole secondarie che hanno bevuto bevande energetiche a colazione hanno avuto punteggi di benessere mentale particolarmente bassi, persino inferiori a quelli dei bambini che non consumano affatto la colazione.

“Secondo i nostri dati, in una classe di 30 alunni delle scuole secondarie, circa 21 in genere consumano una colazione di tipo convenzionale e almeno quattro non hanno ricevuto né da mangiare né da bere prima di iniziare le lezioni al mattino.

"Allo stesso modo, almeno tre di quegli alunni vanno alle lezioni pomeridiane senza pranzare. Questo è preoccupante e probabilmente influenzerà non solo il rendimento scolastico a scuola, ma anche la crescita e lo sviluppo fisico di quei ragazzi.

"Un'altra cosa interessante che abbiamo scoperto è che l'alimentazione ha avuto un impatto sul benessere pari o superiore ad altri fattori come assistere a discussioni regolari o violenze in casa.

"Come fattore potenzialmente modificabile a livello individuale e sociale, concludono i ricercatori, l'alimentazione rappresenta un importante obiettivo di salute pubblica per le strategie per affrontare il benessere mentale dell'infanzia e della prima adolescenza.

"Le strategie di salute pubblica e le politiche scolastiche dovrebbero essere sviluppate per garantire che un'alimentazione di buona qualità sia disponibile per tutti gli studenti sia prima che durante la scuola, al fine di ottimizzare il benessere mentale e consentire ai ragazzi di realizzare il loro pieno potenziale di sviluppo".


I materiali della ricercar sono disponibili sul sito della University of East Anglia
Riferimento bibliografico:
Richard Hayhoe, Boika Rechel, Allan B Clark, Claire Gummerson, S J Louise Smith, Ailsa A Welch.
Cross-sectional associations of schoolchildren’s fruit and vegetable consumption, and meal choices, with their mental well-being: a cross-sectional study.
BMJ Nutrition, Prevention & Health, 2021.