Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

giustizia

  • Filastrocca del giudice minorile

    Benvenuto in tribunale: 
    qui inizia il tuo viaggio 
    che non si può fermare.
    Procedi con coraggio.

    20150930 filastrocca giudice 1

  • Distruggere la Fortezza da(l) Basso (dei semplicismi): note a margine del caso fiorentino di assoluzione dal reato di violenza sessuale di gruppo.

    Il pericolo più grande è non farsi alcuna domanda, non essere critici e ragionare solo e soltanto per semplificazioni e luoghi comuni. Questi temi non possono e non devono essere racchiusi dentro sterili semplicismi che non rendono giustizia al valore ed allo spessore umano di chiunque, vittima o autore di reato. I pensieri difficili, quelli complessi e anche un po’ nascosti, sono ciò che andrebbe sempre ricercato. La semplicità non racchiude la verità, ammesso che questa esista.

    20150730 cardilli firenze

  • Filastrocca dei 13 anni

    Io, sono stata
    quella che ha fatto 
    la telefonata.

    20151006 filastrocca 13 anni 2

  • Filastrocca del matrimonio ribaltato

    Il solito intreccio: la cultura, la legge. Qualche volta la giustizia interviene a fermare violenze e mancanze e chi fino a quel momento è stato la parte debole e remissiva acquisisce potere, trova finalmente la propria realizzazione. Quasi che i momenti peggiori siano ora benedetti.

    20160329 filastrocca ribaltato

  • Filastrocca sulla forza dell’amore di una ragazzina albanese

    (con l’amichevole partecipazione di Enzo Jannacci)

    Arrivo sul più bello
    Lui punta il suo coltello
    Alla gola della mamma
    Questa volta l’ammazza

    e ho tanta paura
    e ho tanto paura
    e ho tanto paura
    e ho tanto paura

     20151020 filastrocca albanese a

  • Se i ragazzi hanno la forza di cambiare in meglio la società

    Un buon amico, professore di lettere adorato dagli studenti, l’altra mattina, per convincermi a dedicarmi di più alle gioie dell’esistenza, mi ha «regalato» una frase del discorso di Camus pronunciato alla consegna del premio Nobel: «l’artista si forma in questo rapporto perpetuo fra lui e gli altri, a mezza strada fra la bellezza di cui non può fare a meno e la comunità dalla quale non si può staccare. È per questa ragione che i veri artisti non disprezzano nulla e si sforzano di comprendere invece di giudicare».

    20144034 file

  • Sempre al primo posto verità e giustizia

    Le persone che varcano la soglia del nostro studio, sto realizzando negli ultimi giorni, chiedono da noi principalmente due cose: verità e giustizia. Non necessariamente entrambe e non per forza alternativamente, ma certamente in questo ordine.

    20201123 capire 4

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Link amici

Area riservata