Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Durante la fine degli anni dell'adolescenza e i primi vent’anni i giovani bevono a volte in modo anche pesante ma alla fine, diventando più grandi, riducono in modo significativo questa abitudine. Questo sembra in generale confermato dall'esperienza di molti. Ma è davvero così?

20200226 abitudini 2

Un nuovo studio conferma che i tassi di consumo alcolico tendono a diminuire verso i ventiquattro, venticinque anni. Tuttavia, a livello individuale, tutto dipende da vari fattori, in particolare dalle reti di relazioni sociali e dalla personalità del bevitore.

"È quasi diventato un mito, nella cultura dei paesi occidentali, che le persone maturino anche nel modo in cui consumano alcol nella tarda adolescenza e nella giovane età adulta" ha dichiarato l'autore dello studio Michael Windle, presidente della Rollins School of Public Health presso la Emory University di Atlanta.

Lo studio di Windle, effettuato su oltre mille uomini e donne, ha scoperto che i giovani adulti tendono a continuare nelle abitudini di consumo di alcol sviluppate nel corso dell'adolescenza – sia che si tratti di un bere leggero, moderato o pesante, anche se i bevitori moderati e pesanti, almeno all’inizio dell’età adulta, aumentano l'assunzione di alcol prima di iniziare a ridurla.

"Quasi tutti provano qualcosa per un limitato periodo di tempo, all’interno di una fase che si può dire sperimentale, ma poi si fermano".

Windle ha osservato che ricerche precedenti hanno indicato picchi di abuso di alcolici tra i diciannove e i venticinque anni. Ma il calo osservato verso i trent’anni potrebbe essere dovuto non tanto a una "maturazione", quanto al fatto che non vengano rilevati nuovi casi diagnosticati.

"In queste ricerche non viene rilevato, non si vede, ad esempio, che all’improvviso, magari a trentasette anni, alcuni iniziano a bere" ha detto Windle.

Per lo studio, ha il professore ha monitorato un migliaio di volontari, effettuando sette verifiche tra i diciassette e i trentatré anni.

I partecipanti sono stati raggruppati in base al loro consumo di alcol: 646 hanno bevuto basse quantità durante gli anni di monitoraggio; 300 hanno bevuto moderatamente nella loro adolescenza, aumentando gradualmente la loro assunzione fino ai ventitré anni, poi diminuendo leggermente mentre raggiungevano i trent'anni; e cinquantotto hanno bevuto pesantemente sia come adolescenti sia come giovani adulti, in seguito hanno leggermente ridotto il consumo.

20200226 abitudini 3

Sia i bevitori moderati che i bevitori pesanti hanno ridotto il consumo di alcol all'età di trentatré anni, ha riscontrato Windle, ma non di molto. Ed entrambi i gruppi hanno mostrato di avere maggiori probabilità di avere problemi di salute, nonché difficoltà nelle relazioni e nel lavoro.

Lo studio ha messo in luce anche che i bevitori pesanti avevano più probabilità di avere amici che a loro volta bevevano eccessivamente o usavano droghe.

Dai ventiquattro ai ventinove anni circa, i bevitori forti riducono a una media di 4,5 drink al giorno – una riduzione di circa un drink al giorno. I bevitori moderati, nel frattempo, avevano ridotto solo di circa lo 0,27 il consumo di alcol al giorno, con un'assunzione giornaliera media di 1,28 drink.

"Un drink al giorno probabilmente non causerà problemi" ha considerato Windle, ma per alcuni bevitori moderati, il totale mensile significava che in cinque giorni al mese arrivavano a sbronzarsi consumandone anche sei uno dietro l’altro.

"Questo chiaramente non è vincolante o indicativo per gli adulti".

L'Istituto nazionale americano sull'abuso di alcol e sull'alcolismo definisce il limite dell'abuso di alcolici nel bere cinque drink in un breve periodo di tempo per gli uomini e quattro per le donne. Tale comportamento è associato con la guida da ubriachi, lesioni accidentali e aggressioni sessuali. Sul fronte della salute, il consumo eccessivo di alcol, ovviamente, può danneggiare il fegato e altri organi.

Il dottor Scott Krakower, vice capo dell'unità di degenza adolescenziale presso il Zucker Hillside Hospital di Glen Oaks. NY, ha verificato i risultati.

"Questo studio evidenzia che la propensione a bere negli adolescenti, sia essa relativa a un consumo moderato o pesante, è stato associato a molteplici fattori di stress più avanti nella vita. Ciò può provocare conflitti nelle relazioni, all'interno della famiglia e sul posto di lavoro."

Krakower ha affermato che il concetto di "maturazione" del consumo di alcol può coinvolgere molti fattori e che sono necessari ulteriori studi per chiarirli.

Gli adolescenti dovrebbero essere sottoposti a screening per l'uso di alcol nelle prime fasi dell’adolescenza. "Questo contribuirà a identificare i modelli di consumo di alcol, i fattori scatenanti e il potenziale bisogno di ulteriori interventi" ha aggiunto Krakower.

La maggior parte degli studi sul consumo giovanile di alcolici non si è estesa alla fine dei vent’anni e all'inizio dei trenta, ha affermato Windle. Lo studioso ritiene che i livelli e le abitudini di consumo si estendano fino alla mezza età e si auspica che vengano realizzati studi a lungo termine per verificare questa supposizione.

 

Riferimento bibliografico:
Michael Windle, Scott Krakower,
Jan. 10, 2020, Alcoholism: Clinical and Experimental Research

Potrebbero interessarti anche questi articoli: