Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Quando i giovani adulti sono più spinti a forme di socializzazione occasionale e agli appuntamenti casuali, tendono a bere più alcol, spinti forse dal desiderio di far colpo e di essere più aperti, rispetto a quanto non facciano in altre situazioni relazionali.

20210629 Formula 1

È quanto afferma un nuovo studio da una professoressa della Washington State University.

D'altra parte, i ricercatori hanno scoperto che quando i giovani adulti hanno relazioni serie, non sono interessati a frequentazioni casuali e danno meno importanza all'amicizia, il loro consumo di alcol risulta significativamente inferiore.

Pubblicato da poco sulla rivista Substance Use & Misuse, lo studio ha incluso più di 700 persone nell'area di Seattle di età compresa tra 18 e 25 anni che hanno compilato questionari ogni mese per due anni. Lo studio ha utilizzato un campione di comunità che non era limitato agli studenti universitari.

"I giovani adulti cambiano così tanto in termini di relazioni sociali che avere questi dati mensili ci ha davvero permesso di affinare le sfumature e vedere questi cambiamenti nell'uso di alcol a seconda delle situazioni sociali in cui si trovavano" ha spiegato Jennifer Duckworth, l'autrice principale dell'articolo.

"L'obiettivo è capire se i giovani adulti possano considerare l'alcol come un modo per facilitare le relazioni. Potrebbero pensare all'alcol come a un modo per rendere gli incontri più facili o più divertenti".

Essere in grado di osservare il comportamento dei giovani adulti per un periodo più lungo ha permesso al team di ricerca di vedere come l'uso di alcol fosse correlato alla socializzazione e alle relazioni.

"Se uno studente universitario ha un esame intermedio, potrebbe avere meno interesse a passare del tempo con gli amici. Ma se si trova in un periodo di vacanza, può dare molta più importanza a quelle amicizie. E quando le amicizie diventano più importanti, abbiamo scoperto che il consumo di alcol tende ad essere maggiore".

20210629 Formula 1a

Per lo studio i ricercatori hanno separato i giovani adulti single in due gruppi: quelli portati agli appuntamenti casuali e quelli non interessati a questi appuntamenti. Questa distinzione ha mostrato una differenza significativa nel consumo di alcol. Poiché l’indagine ha monitorato le persone ogni mese, è stato possibile studiare i cambiamenti man mano che i partecipanti entravano e uscivano da diversi stati di relazione.

"Ad esempio, un mese, qualcuno potrebbe non essere interessato agli appuntamenti e il suo consumo di alcol tendeva ad essere inferiore. Poi, se iniziava a riprendere le frequentazioni occasionali, il consumo di alcol tendeva ad essere più alto".

Ricerche precedenti hanno dimostrato che i giovani adulti in relazioni stabile tendono a bere meno dei single, ma quegli studi non hanno separato i single in due gruppi separati in base al fatto che i giovani adulti fossero interessati o meno agli appuntamenti casuali.

I giovani adulti fanno più uso di alcol ad alto rischio rispetto a qualsiasi altro gruppo di età, secondo gli studiosi. L'obiettivo generale di questa ricerca è comprendere il contesto che porta a un maggiore consumo di alcol da parte dei giovani adulti.

"Capire cosa sta succedendo nelle loro vite nel tempo è molto utile se vogliamo mitigare l'uso ad alto rischio di alcol. Possiamo concentrarci su interventi che aiutino a educare i giovani adulti su ciò che sta motivando i loro comportamenti. Stiamo collegando l'uso di alcol con la ricerca sullo sviluppo in un modo significativo che può davvero aiutare le persone".

I giovani adulti nello studio hanno compilato questionari online mensili riservati e hanno ricevuto una ricompensa alla fine dello studio di due anni. Questa combinazione di riservatezza, incentivi finanziari e facilità d'uso ha portato a un tasso di mantenimento del campione molto alto, conclude la professoressa Duckworth.