Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Nonostante esistano aree della nostra società in cui si stanno evolvendo gli atteggiamenti nei confronti delle problematiche dell'identità sessuale e di genere, la stragrande maggioranza della nostra società e buona parte della nostra "cultura" tende a rimanere e dimostrarsi refrattaria all'affrontare le questioni della salute e del piacere sessuale.

20191008 educazione sessuale 1

La maggior parte dell'educazione sessuale nelle scuole, se viene insegnata, si concentra sugli aspetti biologici e “meccanici” del sesso - la funzione degli organi, le mestruazioni, ecc. E sul negativo - le malattie sessualmente trasmissibili, il pericolo degli estranei, l'uso di preservativi e pillole per prevenire una gravidanza indesiderata, e così via.

Lo sostiene in suo recente intervento il sessuologo Joe Kort. Lavorando ogni giorno con adolescenti e adulti alle prese con problemi sessuali, l'esperto verifica personalmente quanto nel nostro mondo esista troppo poca vera educazione sessuale.

La mancanza di informazioni "positive al sesso" - vale a dire, riconoscere che il sesso è una parte enorme della vita di tutti e dovrebbe essere accettata, goduta e consapevole - è evidente, afferma lo specialista, nella vita concreta dei suoi pazienti. Molti portano un fardello di vergogna perché le loro fantasie o pratiche sessuali private non sono conformi agli stereotipi che la società propone.

Alcuni non hanno mai riconosciuto i propri desideri, né compreso come questi possano evolversi nel tempo. Altri hanno il terrore di ammettere un'attrazione per qualcuno dello stesso sesso, o di voler sperimentare pratiche sessuali che la società considera "devianti" dalla norma. Non sanno, sottolinea Kort, che quando si tratta di sessualità, c'è poco che si possa chiamare "normale". L'espressione della sessualità è ampia e varia quanto si può immaginare.


Parlare ai propri figli del sesso

Tutta questa negatività sulla nostra sessualità, spiega l’esperto, ha le sue radici nel modo in cui una persona sperimenta i suoi primi risvegli sessuali durante l'infanzia e la pubertà. Senza qualcuno con cui parlare - un genitore o un parente di mentalità aperta, o un medico istruito riguardo alla sessualità sana - adolescenti e preadolescenti raccoglieranno informazioni dai coetanei (molto spesso erronee) e su Internet (che è inondato dalla pornografia di tutti i generi e trasmette spesso disinformazione sulla realtà emotiva e fisica del sesso).

E se i genitori fossero ben informati e disposti a parlare con i propri figli in modo onesto e aperto? si chiede Kort. I ragazzi che crescono in famiglie in cui si discute apertamente di sessualità non sono solo più sani e più felici, ma hanno anche meno probabilità di correre rischi per la loro salute sessuale. È anche evidente che il movimento #MeToo ha spezzato gran parte dell’omertà e del segreto che circonda le molestie sessuali e le aggressioni di donne e ragazze. Questa è una buona cosa che può portare a opportunità di dialogo tra genitori e figli sul  consenso, sul piacere reciproco e altro ancora riguardo alla sessualità.

L'educazione sessuale non riguarda solo i figli ma gli adulti stessi. Alcune idee negative sul sesso sono radicate nell’educazione sociale di molte persone, quindi una genitorialità responsabile richiede innanzitutto che un genitore guardi in faccia la realtà e educhi se stesso.

Ai genitori è necessaria una certa sensibilità riguardo a quante informazioni condividere e devono prendere in considerazione la fase di sviluppo in cui si trova il loro ragazzo, oltre a essere consapevoli dei loro propri pregiudizi e atteggiamenti negativi sul sesso o quelle forme di sessualità che cadono al di fuori della loro visione di ciò che è “normale”.

Ad esempio, spiega il sessuologo, un paziente ha confidato che quando era un ragazzo alle prese con la sua identità sessuale, lui e suo padre erano passati davanti a un bar frequentato da gay. Suo padre lo aveva indicato e aveva detto: “Ecco dove tutti i froci vanno a ballare”. Una donna, invece, gli ha raccontato che sua madre l’aveva sorpresa a guardare materiale porno e, intono accusatorio, le aveva detto “Non ti piacerà mica quella roba, vero?”.

Queste brusche osservazioni hanno portato i loro figli sempre più profondamente nel silenzio e nella disperazione; gli ci sono voluti anni, poi, per riconoscere e "venire a patti" con la loro sessualità.

È fondamentale che i genitori comunichino al proprio figlio di essere disposti a parlare con lui di qualsiasi cosa, in particolare del piacere sessuale e dell'amore.

Quindi, la cosa più importante è che il genitore ascolti apertamente e senza giudicare, afferma Kort. Questi sono momenti delicati sia per i ragazzi che per i genitori, e non devono essere rovinati da reazioni negative come la vergogna e la paura. È bene parlare dei valori esistenti nella propria famiglia, del consenso sessuale, della contraccezione e così via. E, se viene chiesto agli adulti delle loro esperienze, occorre essere aperti e onesti su di esse. Conversazioni come queste possono aiutare il ragazzo a distinguere tra pratiche ed esperienze sessuali sane e malsane.

20191008 educazione sessuale 1a

Supponiamo che il ragazzo o la ragazza ammetta di aver guardato della pornografia. Questa è una grande opportunità, sottolinea l’esperto, non per giudicarli, ma per parlare di cose importanti riguardo al porno, come, ad esempio, il fatto che le persone non stanno facendo l'amore, stanno facendo un film. Le coppie nei film non stanno esibendo la vera intimità e la vera intimità non riguarda solo il sesso. Nella maggior parte dei porno, gli attori recitano, fingendo vera intimità e le donne fingono orgasmi. Il porno è finzione. Non tutte le donne o gli uomini vogliono essere trattati nei modi in cui possono essere trattati nel porno. Raramente lo si vede in un film, deve sapere un ragazzo, ma gli attori probabilmente hanno stabilito cosa fare e cosa no, prima di girare, mentre sono impegnati nel sesso. Il consenso di entrambe le parti è davvero importante, perché senza di esso si può essere coinvolti, successivamente, in imbarazzanti e difficili situazioni di rilievo morale e anche legale.

E se un ragazzo chiede a un genitore:  "Hai mai guardato della pornografia?", se il genitore lo ha fatto, non dovrebbe mentire, a meno che non voglia mettere distanza tra lui e il figlio. Meglio essere onesti e far sapere ai ragazzi che possono porre qualsiasi domanda, ma che ci sono alcune domande alle quali si potrebbe preferire di non rispondere, poiché ritenute troppo private.

Può sembrare piuttosto ironico, afferma Kort, che negli stati e nelle zone degli Usa in cui esistono le più forti culture religiose e gli atteggiamenti più negativi nei confronti dell'educazione sessuale, delle questioni riferite agli LGBTQ e simili, gli studi dimostrano che sono i luoghi in cui viene consumata la stragrande maggioranza del porno su Internet.

È un perfetto esempio, sottolinea il sessuologo, di come fare la guerra con la propria sessualità non funzioni. La sessualità sana è un regalo che troppo poche persone hanno aperto, se si cerca di evitarlo o reprimerlo, uscirà spesso in forme oscure e dannose.


Questioni di consenso

Pertanto, c'è un'altra cosa che i genitori dovrebbero inculcare ai loro ragazzi: che devono sapere assolutamente che non devono mai soccombere alla pressione, emotiva o fisica, per fare sesso se non vogliono.

Se il sesso che viene offerto loro è qualcosa che non vogliono, o se è con un partner che non vogliono, è loro diritto e responsabilità rifiutare. Se vengono violati sessualmente, in qualche modo, devono sapere e sentire che possono dire ai loro genitori cosa è successo e che questi non li giudicheranno per questo, ma sono disposti a consolarli e ad intraprendere qualsiasi ulteriore azione necessaria.

Esistono poche cose nella vita, conclude Kort, che influenzano il nostro senso di benessere e felicità tanto quanto il sesso. Occorre avviare i propri figli in modo positivo su questa strada, a partire dal fatto di essere ben informati e disposti a parlare con loro del sesso sano e della gioia che questo può portare.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca