Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

L’esposizione alla pornografia durante l’adolescenza sta diventando la norma piuttosto che l’eccezione. I ragazzi, lontano anni luce da quando i loro coetanei guardavano immagini pornografiche sulle riviste, oggi hanno a disposizione i video più espliciti, raggiungibili con pochi movimenti sul cellulare.

20220317 porno 3

Internet ha cambiato radicalmente l’industria della pornografia, eppure i suoi effetti sullo sviluppo degli adolescenti sono ancora in corso e non pienamente studiati.

Il fenomeno ha diffusione capillare. Su un campione di studenti delle scuole superiori americane, il 56% ha visto materiale pornografico l'anno precedente. In un altro studio sui giovani statunitensi nella tarda adolescenza, l'80,3% ha riferito di aver abitualmente accesso alla pornografia.

Gli studiosi che studiano la pornografia tra gli adolescenti olandesi (dai 13 ai 17 anni) hanno osservato: "Più del 70% degli adolescenti nel nostro campione aveva già consumato materiale Internet sessualmente esplicito, il che suggerisce che la pornografia è ormai una parte costitutiva dello sviluppo adolescenziale”.

Come si accede alla pornografia? I dati delle ricerche in merito effettuate sui siti più utilizzati, hanno rivelato che l'86% del traffico del proviene da dispositivi mobili. L'utilizzo degli smartphone per accedere alla pornografia gratuita online è il mezzo più comune per visualizzare materiale pornografico: il materiale pornografico è accessibile sempre, ovunque, tramite lo smartphone.

Il fatto che il 68,4% degli adolescenti, in generale, abbia riferito di aver visto materiale pornografico ad un certo punto della propria vita è motivo di preoccupazione. È in corso da decenni un dibattito sui potenziali pro e contro della pornografia, eppure la maggior parte della letteratura rivela che per gli adolescenti tale esposizione può essere molto dannosa.

Ad esempio, in diverse ricerche, l'esposizione alla pornografia adolescenziale è stata collegata ad atteggiamenti sessuali permissivi, comportamenti sessuali dominanti o aggressivi, auto-oggettivazione e confronto del corpo, lo sviluppo di atteggiamenti sessuali influenzati dalla pornografia.

Inoltre, l'età media della prima esposizione alla pornografia è compresa tra 11 e 12 anni. Gli adolescenti all'età di 11 anni possono avere o meno una comprensione cognitiva del sesso e della sessualità sana. Per coloro che non ce l’hanno, l'esposizione a video pornografici (soprattutto video di atti sessuali violenti, forzati, di gruppo o brutali) può essere traumatica.

Questi giovani potrebbero non avere una visione precisa del sesso con cui contrastare ciò che vedono recitare nei video pornografici. Potrebbero non avere un modello (o una rappresentazione mentale o una categoria) che li informi che ciò che stanno vedendo è irrealistico, immorale, illegale o anormale. La mancanza di una sana sessualità può rendere l'esposizione alla pornografia angosciante o inquietante poiché i ragazzi più giovani cercano di assimilare e riprodurre ciò che hanno visto.

20220317 porno 3a

Inoltre, i cervelli degli adolescenti si trovano in periodi critici di sviluppo e ristrutturazione del cervello e potrebbero essere più suscettibili e sensibili all'impatto della pornografia rispetto agli adulti.

In effetti, la natura altamente gratificante della pornografia (eccitante, imprevedibile, piacevole) può, per alcuni adolescenti, portare alla perdita di controllo sul suo consumo, sull'uso compulsivo e sull'uso che porta a conseguenze negative.

In effetti, da alcune ricerche, i maschi giovani adulti, il 21,61% ha riferito di aver bisogno di aumentare la quantità o intensificare la natura del consumo pornografico per raggiungere lo stesso livello di eccitazione.

Infine, il condizionamento della propria risposta di eccitazione con la pornografia online può alterare la propria esperienza di eccitazione con partner sessuali nel mondo reale e non virtuale. Alcune ricerche suggeriscono che l'uso problematico della pornografia è associato a disfunzioni sessuali. Pertanto, sebbene non tutti i giovani che guardano la pornografia subiscano queste conseguenze negative, esiste la possibilità di danni per alcuni giovani.

Il cervello degli adolescenti si trova in un periodo di sviluppo in cui la parte frontale razionale e risolutiva dei problemi del cervello (corteccia prefrontale) non è connessa quanto la parte emotiva e gratificante del mesencefalo (regione limbica) a causa di un processo chiamato mielinizzazione.

Pertanto, gli adolescenti hanno una maggiore sensibilità ai comportamenti gratificanti (come l'abuso di droghe, pornografia, giochi, ecc.) e spesso hanno bisogno di assistenza per la risoluzione dei problemi orientata agli obiettivi, razionale, che non si verifica così rapidamente quanto l'elaborazione delle ricompense.

Da questo deriva che i genitori, gli educatori e gli operatori sanitari possono fornire assistenza aiutando gli adolescenti a saper gestire il mondo online altamente gratificante.

Alla luce dell'età media della prima esposizione alla pornografia, un genitore dovrebbe confrontarsi presto con suo figlio di ciò che potrebbe incontrare online e di cosa dovrebbe fare quando lo vede, consigliando di parlarne quando accade.

Bisogna poi fornire educazione sulla pornografia e sulle differenze tra pornografia e attività sessuale sana e consensuale (realismo della pornografia, attori, oggettivazione di uomini e donne, miglioramento del corpo, danni della violenza, importanza del consenso).

Meglio utilizzare sistemi tecnologici di blocco e filtraggio per ridurre il rischio di esposizione indesiderata di materiale pornografico in casa o sul dispositivo di un figlio, soprattutto se ancora molto piccolo. Facendo attenzione a ridurre la quantità di tempo in cui un ragazzo utilizza un dispositivo da solo, rendendo invece l'utilizzo di Internet un'attività familiare.

È bene parlare con un ragazzo della sessualità, dei comportamenti sessuali sani, della curiosità sessuale e dei valori che si vorrebbe instillare in lui legati al sesso. Senza questi dialoghi aperti, non valutativi, sicuri e non giudicanti, i giovani si rivolgeranno ad altre fonti per conoscere, facendone i loro "insegnanti".

Il panorama dello sviluppo di preadolescenti e adolescenti continua a cambiare con l'evoluzione della tecnologia. È importante che gli adulti, genitori o educatori, siano informati, coinvolti e proattivi per incoraggiare uno sviluppo sano dei più giovani di cui si occupano.