Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

L'immagine di giovani adulti che vivono all’interno di una cultura di rapporti casuali, con relazioni emotivamente prive di significato, potrebbe essere l’argomento di un film o di un dibattito televisivo, ma non sembra la norma nella vita reale, come suggerisce un nuovo studio.

20220609 cotta 3

La ricerca è stata realizzata dai ricercatori dell'Università della California, Davis. Sarebbe la prima del suo genere a esaminare lo sviluppo precoce della relazione - il periodo di tempo in cui i giovani sperimentano un interesse affettivo crescente e decrescente per i loro partner che potrebbero, ma spesso non accade, diventare partner impegnati e continuativi. In altre parole, a un certo punto il rapporto va in pezzi. Studi precedenti hanno esaminato le relazioni impegnate su un estremo e, sull'estremo opposto, le prime impressioni da incontri brevi e non continuativi.

Per ottenere i loro dati, i ricercatori hanno intervistato oltre duecento studenti universitari eterosessuali in merito alle loro abitudini di relazioni affettive, alle loro varie simpatie e antipatie e all'attrazione per potenziali partner per un periodo di sette mesi.

I partecipanti hanno descritto una media di cinque infatuazioni durante questo lasso di tempo e hanno riferito che, a un certo punto, circa il 15% di loro si è trasformato in relazioni affettive continuative. Hanno raccolto un totale di oltre 7.000 resoconti su questi potenziali partner.

Cosa faceva prevedere se l’attrazione alla fine sarebbero svanita o meno?

"Quello che ci ha colto di sorpresa è che molti dei fattori importanti erano le stesse cose che si sarebbero individuate in una relazione impegnata" ha osservato Paul Eastwick, professore della UC Davis presso il Dipartimento di Psicologia e autore principale dello studio.

"Questa presunta promiscuità e volatilità delle relazioni in realtà assomiglia molto a una sorta di messa alla prova delle relazioni da parte di chi le avvia".

Gli autori hanno utilizzato approcci da “machine-learning” per identificare i più forti predittori di interesse affettivo profondo all’interno di ogni infatuazione.

Il machine-learning, o l'uso di algoritmi e modelli statistici per analizzare e trarre inferenze dagli elementi condivisi e dagli schemi presenti nei dati, è particolarmente utile per identificare i predittori che potrebbero essere forti e replicabili, hanno affermato gli autori.

Nel corso dello studio, alcuni dei migliori predittori di un interesse duraturo per un partner si sono rivelati indicatori di attaccamento, come cercare il più possibile la presenza di qualcuno, sentirsi angosciati quando si è separati da lui e aver voglia di parlare al partner delle proprie cose positive e dei propri successi.

Queste caratteristiche sono tradizionalmente considerate indicatori di relazioni di coppia stabili.

"Quando i sentimenti di attaccamento e connessione emotiva iniziano a manifestarsi, i giovani adulti sembrano prenderlo come un segno che questa è una “cotta” che vale la pena di approfondire" ha detto la coautrice dello studio Samantha Joel, assistente professoressa di psicologia alla Western University.

"L'attrazione sessuale ed emotiva sembrano andare di pari passo, anche prima che si materializzi una relazione impegnata".

Altri fattori che erano noti per essere critici nei contesti dell'impressione iniziale non hanno avuto alcun effetto nel presente studio. In particolare, l'attrattiva fisica - la variabile più comunemente studiata nell'intera letteratura sull'attrazione iniziale - era sorprendentemente debole.

I partecipanti hanno anche caricato fotografie delle persone di cui si erano infatuati e i ricercatori hanno utilizzato un gruppo di programmatori, che non conoscevano i soggetti delle fotografie o nulla su di loro, per valutare quanto fossero fisicamente attraenti su una scala da 1 a 10. Questa variabile si è rivelata del tutto irrilevante per stabilire se i partecipanti fossero affettivamente e profondamente interessati alle persone di cui si erano infatuati.

"Se avessimo fatto una ricerca su rapporti casuali, nei locali che li favoriscono - un ambiente in cui devi competere per essere notato - queste valutazioni dell'attrattiva fisica sarebbero risultate eccezionalmente efficaci per far prevedere quali partner erano altamente desiderati e quali no” ha spiegato il professor Eastwick. "Ma non è affatto quello che i dati hanno rivelato."

Secondo Eastwick, questi risultati implicano che lo sviluppo precoce della relazione è un contesto in cui le persone fanno coppia cercando prove di compatibilità.

"Non si tratta di combattere per avere il partner 'più prezioso' che si possa. Si tratta di cercare di trovare qualcuno che ispiri il desiderio di un legame sia sessuale che emotivo. È così che i giovani iniziano le relazioni che poi diventeranno importanti”.


Riferimento bibliografico:
Paul Eastwick et alii. "Predicting Romantic Interest during Early Relationship Development:
A Preregistered Investigation Using Machine Learning".
The European Journal of Personality.