Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Molto prima di entrare in una classe scolastica, le persone imparano a identificare oggetti comuni come un "cane" e una "sedia" semplicemente incontrandoli nella vita di tutti i giorni, senza alcuna intenzione di apprendimento – di conoscere cosa sono.

20220607 nuove 2

Un nuovo studio è uno dei primi a fornire prove sperimentali che le persone imparano dall'esposizione accidentale a cose di cui non sanno nulla e che non stanno nemmeno cercando di comprendere.

L'esposizione a nuovi oggetti rende gli esseri umani "pronti per l'apprendimento", ha affermato Vladimir Sloutsky, coautore dello studio e professore di psicologia presso la Ohio State University.

"Spesso osserviamo cose nuove nel mondo reale senza l'obiettivo di impararle".

"Abbiamo scoperto che il semplice fatto di essere esposti a loro fa un'impressione nella nostra mente e ci porta a essere pronti a conoscerle in seguito".

Sloutsky ha condotto la ricerca con Layla Unger, ricercatrice post-dottorato in psicologia presso l'Ohio State e autrice principale dello studio. Il documento è stato pubblicato sulla rivista Psychological Science.

Lo studio ha incluso cinque diversi esperimenti con 438 persone, tutti gli esperimenti che hanno mostrato risultati simili.

Nelle attività dello studio, i partecipanti hanno prima preso parte a una "fase di esposizione" in cui hanno giocato a un semplice gioco per computer vedendo immagini colorate di creature sconosciute. Il gioco non forniva alcuna informazione su queste creature; per alcuni partecipanti, a loro insaputa, le creature appartenevano in realtà a due categorie: Categoria A e Categoria B.

In modo simile alle creature del mondo reale come cani e gatti, le “creature” di categoria A e B avevano parti del corpo che sembravano in qualche modo diverse, come code e mani di colore diverso. Ai partecipanti del gruppo di controllo sono state mostrate immagini di altre creature sconosciute.

Più avanti nell'esperimento, i partecipanti sono passati attraverso "l'apprendimento esplicito", un processo in cui è stato loro insegnato che le creature appartenevano a due categorie (chiamate "flurps" e "jalets") e come identificare l'appartenenza alla categoria di ciascuna creatura.

I ricercatori hanno misurato il tempo impiegato dai partecipanti per apprendere la differenza tra la categoria A e la categoria B in questa fase di apprendimento esplicito.

"Abbiamo scoperto che l'apprendimento era sostanzialmente più veloce per coloro che erano stati esposti alle due categorie di creature in precedenza rispetto ai partecipanti al gruppo di controllo".

"I partecipanti che hanno ricevuto un'esposizione precoce alle creature di categoria A e B hanno potuto familiarizzare con le loro diverse distribuzioni delle caratteristiche, ad esempio che le creature con la coda blu tendevano ad avere le mani marroni e le creature con la coda arancione tendevano ad avere le mani verdi. Poi quando è arrivato l'apprendimento esplicito, è stato più facile attribuire un'etichetta a quelle distribuzioni e formare le categorie".

In un altro esperimento dello studio, il semplice gioco per computer che i partecipanti hanno fatto nella fase di esposizione prevedeva ascoltare dei suoni mentre vedevano le immagini delle creature. I partecipanti hanno semplicemente premuto un tasto ogni volta che lo stesso suono veniva riprodotto due volte di seguito.

20220607 nuove 3

"Le immagini sono state collegate casualmente ai suoni, quindi non hanno potuto aiutare i partecipanti a imparare i suoni" ha spiegato Sloutsky. "In effetti, i partecipanti potrebbero ignorare completamente le immagini e ciò non influirà sul modo in cui portano a termine il compito".

Tuttavia, i partecipanti a cui sono state mostrate le immagini di creature di categoria A e B, in seguito, hanno appreso le differenze tra loro più rapidamente durante la fase di apprendimento esplicito rispetto ai partecipanti a cui sono state mostrate altre immagini non correlate.

"È stata la pura esposizione alle creature che li ha aiutate a imparare più velocemente in seguito".

Ma era possibile che avessero già effettivamente appreso la differenza tra le creature di categoria A e B durante la prima esposizione, senza bisogno dell'apprendimento esplicito?

La risposta è no, ribadiscono i ricercatori.

In alcuni studi, il semplice gioco per computer nella fase di esposizione prevedeva di vedere prima una creatura al centro dello schermo. Ai partecipanti è stato quindi chiesto di premere un tasto se la creatura era saltata sul lato sinistro dello schermo e un tasto diverso se era saltata a destra, il più rapidamente possibile.

Ai partecipanti non è stato detto, ma un tipo di creatura saltava sempre a sinistra e l'altro saltava sempre a destra. Quindi, se avessero imparato la differenza tra le due categorie di creature, avrebbero potuto rispondere più velocemente.

I risultati hanno però mostrato che i partecipanti non hanno risposto più velocemente, il che suggeriva che non avevano appreso la differenza tra le creature di categoria A e di categoria B nella parte dell'esposizione dell'esperimento.

Ma hanno comunque appreso la differenza tra loro più rapidamente nella parte di apprendimento esplicito dell'esperimento rispetto ai partecipanti che sono stati esposti alle immagini di altre creature durante la fase di esposizione precedente.

"L'esposizione alle creature ha lasciato ai partecipanti una conoscenza latente, ma non erano pronti a distinguere tra le due categorie. Non avevano ancora imparato, ma erano pronti per imparare".

Il professor Sloutsky ha affermato che questo è uno dei pochi studi che ha prodotto prove di apprendimento latente.

"È stato molto difficile diagnosticare quando si verifica un apprendimento latente" ha detto. "Ma questa ricerca è stata in grado di distinguere tra l'apprendimento latente e ciò che le persone imparano durante l'insegnamento esplicito".

Uno studio, in definitiva, che sostiene l’importanza del portato esperienziale dei ragazzi, il quale deve essere promosso con intenzionalità educativa da educatori, insegnanti e genitori. Ogni esperienza, infatti, anche la più apparentemente superficiale, produce da subito apprendimenti in modo latente, che posso in seguito essere esplicitati da un percorso di insegnamento specifico.

Riferimento bibliografico
Layla Unger, Vladimir M. Sloutsky.
Ready to Learn: Incidental Exposure Fosters Category Learning.
Psychological Science, 2022

Potrebbero interessarti anche questi articoli: