Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Spesso si pensa al teatro solo in termini di intrattenimento ma il lavoro sull'espressività può avere un grande impatto positivo per il recupero di ragazzi che manifestano comportamenti antisociali.

20180517 teatro

Grazie ad una speciale partnership tra Metro Nashville Arts Commission, the Juvenile Justice Center (JJC) and the Oasis Center, un gruppo di artisti locali sta producendo cambiamenti positivi nella vita dei giovani della zona, in particolare di quelli che hanno avuto problemi con la giustizia.

"Le ricerche hanno provato che le arti drammaturgiche hanno migliorato i comportamenti dei giovani con procedimenti penali" dice Rebecca Kinslow, direttrice della Metro Nashville Arts Commission. Una partecipazione intensiva all'attività migliora l'educazione, il comportamento, la partecipazione e l'integrazione sociale, contribuendo agli apprendimenti di tipo sociale ed emotivo.

Il Programma di giustizia riparativa e arte è iniziato nel 2017, quando Metro Nashville si è impegnata in un'attività finalizzata alla produzione di iniziative che potessero servire al miglioramento delle relazioni sociali degli abitanti di Nashville.

Il giudice Sheila Calloway sta aprendo la strada per riformare i procedimenti della Corte di giustizia per i minorenni attraverso pratiche riparative e la Metro Arts sapeva bene che le arti sono uno strumento collaudato per supportare il recupero personale e la resilienza", afferma la Kinslow.

"Insieme all'Oasis Center, alle organizzazioni artistiche e ai singoli artisti, abbiamo formato un gruppo di lavoro dedicato a sostenere il benessere fisico, sociale, emotivo e cognitivo dei giovani coinvolti in procedimenti penali, attraverso le arti".

La Kinslow spiega che il programma impegna il giovane in un'ampia gamma di performance artistiche, che includono la lettura creativa e lo storytelling, la produzione di una scrittura di canzoni, la scrittura creativa, la danza, il disegno, la pittura ed altre attività artistiche.

"Attraverso una programmazione pensata a partire dal trauma e ancorata e informata alle pratiche per lo sviluppo positivo dei giovani, le arti sono pensate e proposte come uno strumento riparativo, per consentire ai giovani di migliorare, crescere e prosperare. Forniamo agli artisti strumenti educativi e formazione che migliorano la loro pratica artistica, per servire al meglio i giovani coinvolti in processi penali".

Come direttore del programma di Reaching Excellence as Leaders (o REAL), Ron Johnson ha visto questi strumenti in azione. Solo uno dei tanti programmi disponibili attraverso Oasis, REAL aiuta i ragazzi coinvolti nel sistema di giustizia minorile a "costruire relazioni più forti e sane con la comunità, puntando a un futuro positivo".

"Circa il 90 percento dei nostri giovani vengono indirizzati a noi dal sistema di giustizia minorile", afferma Johnson, osservando che la maggior parte dei partecipanti sono ragazzi di colore tra i 14 e i 18 anni, la maggior parte dei quali affronta gravi traumi, stress e rabbia.

20180517 teatro 3

"Il nostro curriculum offre loro una seconda possibilità, lavorando sulle capacità emotive necessarie per affrontare e governare meglio i problemi che affrontano ogni giorno."

Johnson racconta di aver implementato le arti come strumento di crescita e di miglioramento personale per molti anni. Poi, nel 2017, l'attore / regista di Nashville, Jon Royal, ha proposto a Johnson un'idea che ha chiamato "August Wilson Gets REAL" - progetto che avrebbe integrato alcune opere selezionate del drammaturgo vincitore del premio Pulitzer con il curriculum di attività di REAL.

"Sapevo che Jon era un artista incredibile. Ma quello che mi ha davvero colpito con l'idea di August Wilson è che ha voluto personalizzare la sua arte per adattarsi al nostro curriculum - ho pensato che fosse una sfida entusiasmante".

Per Royal bisognava anzitutto utilizzare il lavoro di Wilson, in particolare il suo famoso "Ciclo di Pittsburgh", che esplora l'esperienza afro-americana nel corso del 20 ° secolo.

"August Wilson è il mio commediografo preferito", afferma Royal, il quale ha diretto e recitato in molti spettacolia livello locale, nell’ambito del Nashville Shakespeare Festival, Nashville Rep e Nashville Children's Theatre, tra gli altri.

"Anche se sapevo che questi ragazzi non avrebbero potuto avere familiarità con lui, sentivo che le sue storie erano fatte apposta per loro. Il lavoro di Wilson descrive i giovani che affrontano situazioni difficili. Stanno cercando di capire a cosa aspirare, come espiare i propri errori e costruire un futuro migliore".

"Così abbiamo scelto alcune scene e ho reclutato alcuni dei miei amici attori. Ogni settimana presentiamo una scena e poi permettiamo ai ragazzi di fare domande e discutere. È stato davvero notevole. Sono assolutamente impegnati e promuovono discussioni profonde sul modo in cui queste storie riflettono quello che stanno vivendo a casa".

Johnson è d'accordo nel definire le conversazioni "sorprendenti".

"I ragazzi mettono in relazione direttamente le scene e le proprie esperienze. Quando è il momento delle domande, li facciamo indirizzare ai personaggi piuttosto che agli attori, quindi si crea un focus immediato sulla responsabilità. Sono in grado di osservare le decisioni prese da questi personaggi, come si confrontano con le loro situazioni. I ragazzi in questo modo pensano davvero a come possono fare in modo di cambiare, di impegnarsi in futuro in progetti migliori. È enorme."

Ma Royal insiste nel dire che il programma giova anche agli artisti.

"Lavorare con un materiale così ricco e con questi meravigliosi attori è stato fantastico. Ma è anche un vero privilegio impegnarsi con questi giovani - usare le arti per mettersi veramente in relazione con loro. È un'esperienza di vita profonda, dà senso al mio lavoro di attore".

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Seguici anche su Facebook

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca