Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Ho letto con stupore il rapporto realizzato da Save the children, secondo il quale una larga parte dei minori che al momento sta scontando una condanna penale, avrebbe alle spalle mesi o anni di lavoro svolto sotto i 16 anni. La mia esperienza dice tutt'altro e voglio qui riferirla con una breve nota personale.

20062014 replica1

Non ho mai riscontrato una correlazione tra l'abbandono della scuola e il fatto di dover lavorare. Quando i ragazzi dicono di aver lavorato, lo fanno proprio per dare una versione auto-assolutoria della propria condizione

 


Dal 2003 ad oggi i servizi che ho diretto hanno seguito più di 400 giovani autori di reato afferenti alla Giustizia Minorile della Lombardia. Ricordo questi giovani uno per uno: se devo dire quanti avevano avuto esperienze di lavoro prima di entrare nel circuito penale, forse non arrivo a usare tutte le dita di una mano... Se invece devo dire quanti dichiaravano di aver lavorato, prima di metterci a compilare un c.v., forse tutti e 400!

 
È certamente vero che i giovani che commettono reato si trovano spesso in condizione di dispersione scolastica, ma assolutamente non ho mai riscontrato una correlazione tra l'abbandono della scuola e il fatto di dover lavorare. Quando i ragazzi dicono di aver lavorato, lo fanno proprio per dare una versione auto-assolutoria della propria condizione: "a scuola non avevo voglia di studiare... però lavoravo...". Quando si indaga un po' per capire cosa intendano per "lavoravo", vien fuori che - nella migliore delle ipotesi - hanno aiutato lo zio alla pompa di benzina per una settimana...

Insomma, vista l'autorevolezza della Fonte (Save the children e Dipartimento Giustizia Minorile), non so se devo rivedere tutte le cartelle degli ultimi 11 anni...o pensare che a Milano i giovani autori di reato non abbiano lavorato e nel resto d'Italia sì...o magari che il Rapporto si sia limitato a raccogliere le dichiarazioni (auto percezione) dei ragazzi. In quest'ultimo caso potrei trovarmi pienamente d'accordo: il 66% dei giovani autori di reato DICHIARA di aver lavorato prima dei 16 anni...

 

L'autore.
Pedagogista, esperto di tematiche educative nell’area penale minorile. Responsabile Servizi Territoriali, Formazione e Interventi con le Famiglie di Arimo.