Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

L'adolescenza è un periodo difficile dell'esistenza, presenta sfide evolutive che attraversano le dimensioni sociali, fisiche ed emotive della vita dei giovani. Riflettendo sulle cose che saremmo sorpresi di sentir dire da un ragazzo di quell'età, si possono derivare consigli utili per guidare insegnanti e genitori nel sostenere una transizione più solida e positiva attraverso i complessi anni dell'adolescenza.

20180606 frasi

'Sono così in gamba che uscirei con me stesso se potessi'

La maggior parte degli adolescenti ha un atteggiamento molto autocritico, possono essere totamente concentrati sulla loro fisicità.

Hanno un’ipersensibilità e un supremo interesse per il modo in cui vengono percepiti e "giudicati" dagli altri. Questa è una fase molto importante della costruzione dell'identità. Tutto questo viene complicato dal fatto che stanno subendo cambiamenti fisici significativi e spesso si sentono fuori controllo.

Questo può comportare che si trovino a disagio con se stessi per come si percepiscono, dal che possono derivare comportamenti sbilanciati di ogni tipo, compresi alcuni problemi e disturbi alimentari estremi, fino all'abuso di sostanze per “migliorare” fisicamente, come gli steroidi.

La mancanza di controllo su cambiamenti fisici indesiderati o imbarazzanti può causare ai ragazzi una grande quantità di stress. Genitori e insegnanti possono aiutarli evidenziando e valorizzando le loro caratteristiche positive.


'Non vedo l'ora che inizi il periodo degli esami'

La valutazione può essere un momento estremamente stressante per un adolescente. Un momento di grande rischio.

I risultati degli esami possono essere percepiti come indelebili, ma non è davvero la fine del mondo se i voti peggiorano. Non c'è bisogno di sottolinearlo, la strada verso il lavoro che sognano di poter fare può essere piuttosto complicata e sorprendente, a volte indipendente dal pieno successo scolastico.

Scuole, insegnanti e genitori che enfatizzano la questione dei risultati degli esami, o anche il valore dei voti scolastici nel lungo periodo, possono seminare una sfiducia a lungo termine nella proprie capacità e nella loro auto-efficacia.

Anche per quegli studenti che se la cavano bene con le valutazioni, nel lungo periodo tali risultati possono produrre conseguenze anche problematiche, poiché la vita adulta tende a non fornire prove simili e regolari di successo ed efficacia, e gli studenti che hanno dato il meglio di sé nella sfida scolastica e nei successi riferiti al rendimento negli esami possono sentirsi presto fuori posto e insoddisfatti quando si impegnano nella loro carriera professionale.

A breve termine, tuttavia, lo stress degli esami è reale, è una caratteristica dell'istruzione superiore.

20180606 frasi 4


“Grazie per avermi chiesto dei miei piani per il mio futuro e per la mia carriera”

Può essere molto pesante sentirsi costantemente interrogati su quale futuro, quale carriera si pensa di avere e perché. I giovani trovano difficile immaginare la vita oltre la scuola, e l'idea che la scelta dei percorsi di carriera possa essere prestabilita o anche rovinata facilmente può suscitare ansia e insicurezza.

Si può attenuare questo stress mostrando agli adolescenti i molti percorsi che sono a loro disposizione e ricordando loro che il tempo è dalla loro parte per farsi strada un po’ alla volta nella loro carriera.

Durante l'adolescenza, il pensiero associato alla pianificazione è particolarmente sfidante poiché questo stadio della vita è caratterizzato da una significativa ricostruzione fisica delle risorse neuronali associate al processo decisionale.


“Penso che domani mi alzerò presto”

L'adolescenza coincide con i grandi cambiamenti fisici, fluttuazioni ormonali e improvvise accelerazioni della crescita.

È un duro lavorio fisico e può risultare estenuante. Il sonno è “magico” e gli adolescenti traggono beneficio dal soddisfare il richiamo del sonno ogni volta che possono. Il sonno fornisce loro un periodo di inattività mentale che li assiste nel lavoro di costruzione neurale che avviene nel loro cervello.


“In realtà non voglio davvero avere molti amici. Mi basta avere mamma e papà da frequentare”

Gli amici fanno da cornice all'identità per gli adolescenti. Gli individui cercano di affermare se stessi come vincenti e indipendenti. È ormai tempo per i ragazzi di liberarsi dai genitori.

Tuttavia, hanno ancora bisogno di guida e supporto, e senza di esso possono sentirsi molto ansiosi e indifesi. Possono essere aiutati a trovare il modo per stabilire relazioni positive, in grado di dare energia e fornire un “interattivo” modello di comportamento con adulti che non siano i genitori.

Insegnanti e genitori sono spesso sfidati dai comportamenti e dagli atteggiamenti degli adolescenti che fanno parte della loro vita. Tuttavia, possono ricoprire un ruolo molto importante nell’aiutare i ragazzi a navigare attraverso le difficili transizioni che si presentano davanti a loro da un punto di vista fisico, sociale ed emotivo.

Si può fare loro da guida anche solo ascoltandoli. Ascoltando e osservando il loro comportamento. Bisogna concedere loro spazio, privacy e il permesso di costruire se stessi, stando abbastanza vicini a loro per sostenerli, ma a distanza sufficiente per promuovere la loro autonomia.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Seguici anche su Facebook

Link amici

Area riservata