Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Sappiamo da qualche anno che nel nostro Paese i bambini patiscono più di altri il diffondersi della povertà. Se non do tutto per scontato mi ritrovo a chiedermi: come fanno i bambini ad essere poveri?

20190128 bambinipoveri 1

Dalla sintesi del rapporto Caritas 2018: «In Italia il numero dei poveri assoluti (cioè le persone che non riescono a raggiungere uno standard di vita dignitoso) continua ad aumentare, passando da 4 milioni 700mila del 2016 a 5 milioni 58mila del 2017, nonostante i timidi segnali di ripresa sul fronte economico e occupazionale. Dagli anni pre-crisi ad oggi il numero di poveri è aumentato del 182% (…) La povertà tende ad aumentare al diminuire dell’età, decretando i minori e i giovani come le categorie più svantaggiate (nel 2007 il trend era esattamente l’opposto). Tra gli individui in povertà assoluta i minorenni sono 1 milione 208mila (il 12,1% del totale) e i giovani nella fascia 18-34 anni 1 milione 112mila (il 10,4%): oggi quasi un povero su due è minore o giovane».

Un bambino di per sé non è povero e nemmeno ricco, vive nelle condizioni economiche provviste dai genitori. Forse gli adulti poveri continuano ad avere più figli dei ricchi – è sempre stato così – e per questo i bambini sono poveri. Molti di loro sono i figli dei giovani adulti, quella fascia di 18-34enni ben presente nelle classifiche della povertà. Gli anziani, più benestanti, non possono avere bambini, semmai possono – succede spesso – sostenere figli e nipoti, ma questa è un’altra storia e non rientra nei rapporti statistici perché è un aiuto informale.

Tanti bambini poveri sono figli dei migranti di prima generazione che – appunto – mediamente hanno più figli e sono anche, mediamente, più poveri: è in grave difficoltà economica quasi 1 straniero su 3 e 1 italiano su 20.

Il rapporto Caritas ragiona sui dati in modo intelligente. Delle oltre 197mila persone incontrate nel corso del 2018 il 63% (circa 89mila persone) aveva figli e più di 26mila vivevano con i bambini. «Risulta preoccupante la situazione dei minori coinvolti (…) tali deprivazioni materiali penalizzeranno irrimediabilmente il loro futuro, sul piano economico e socio-educativo. Si attivano spesso dei circoli viziosi che tramandano di generazione in generazione le situazioni di svantaggio».

Il riverbero è immediato sui giovani adulti, e pensiamo ancora alla fascia dei 18-34enni: i 60,9% dei ragazzi italiani incontrati in Caritas ha la licenza media, il 7,5% appena quella elementare. I dati analoghi tra i giovani stranieri dicono che il 38,4% ha la licenza media e il 29% quella elementare o nessun titolo di studio.

Le somme in definitiva si equivalgono: il 68%, oltre due terzi degli accolti, si è fermato entro l’obbligo scolastico, anche se gli italiani lo raggiungono con molta maggiore frequenza. Un motivo ulteriore per continuare a pensare alla scuola come opportunità per rompere quel circolo vizioso – luogo di inclusione quindi, e di attenzione, e non il contrario – e per far sì che i bambini nati in contesti di povertà non debbano obbligatoriamente rimanerci.

20190128 bambinipoveri 1a

Il rapporto Caritas ci dice, ancora, che la gran parte delle persone incontrate non portava soltanto questioni economiche. Forti sono i problemi di solitudine e di depressione, e frequenti le difficoltà lavorative, abitative, relazionali. Penso a loro e, insieme, ai loro bambini. Alla loro quota di bisogni inespressi – a chiedere aiuto sono gli adulti, quando riescono e vogliono farlo – che non siamo ancora in grado di quantificare ma non per questo assenti. Al fatto che, pur esistendo i conflitti, i maltrattamenti, gli abusi, la trascuratezza anche nelle famiglie benestanti, è più probabile che avvengano dove manca il lavoro, dove vengono staccate le utenze, dove non si arriva alla fine del mese, e questo sia per le tensioni inevitabilmente vissute dagli adulti, sia perché lo svantaggio sociale e culturale spesso si accompagna a problemi molto seri quali l’alcol, le droghe, il disagio personale fino alla malattia mentale, una pessima esperienza a propria volta come figli di genitori inadeguati… e tutto questo porta con sé una minore attenzione ai bisogni dell’infanzia.

È frequente, nelle udienze del tribunale per i minorenni, incontrare genitori che non ce la fanno. Ricevo la loro accusa, più o meno esplicita: “Perché i servizi sociali non mi danno una casa o un lavoro invece di venirmi a dire come devo trattare mio figlio?”.

Nel dialogo impossibile, e nella scarsità di risorse avvertita in primis dai servizi, si svolge l’illusione che una pioggia di monete d’oro renda felici tutti, anche i bambini. È il presupposto di chi dice “anziché spendere denaro per mettere il bambino in affido o in comunità dovevano dare quei soldi ai genitori”, quasi che si allontanasse per sanzionare la povertà o che le stesse persone, risolta la sopravvivenza, siano di per sé in grado di occuparsi bene dei loro figli. A scavare un poco di più affiora il resto: le ferite della propria infanzia maltrattata e non vista, l’assenza di un progetto di vita realistico anche solo per sé, il sovrapporsi di relazioni arruffate e violente con partner sbagliati, il mancato esercizio ad assumersi responsabilità verso se stessi e, poi, gli altri.

Sì perché non tutti i genitori in povertà arrivano nelle nostre aule. Molte famiglie con bambini ricevono aiuti dai servizi, economici, abitativi, nell’inserimento scolastico… e solo per una quota di queste c’è bisogno di intervenire a protezione dei più piccoli, con supporti e limitazioni di diversa intensità fino all’atto più intrusivo, cioè il distacco più o meno temporaneo tra genitori e figli.

Diversi progetti si stanno sviluppando in Italia per aiutare questi adulti in difficoltà a non perdere di vista i loro bambini in modo che non sia necessario forzare i legami familiari. Ci sarà modo di parlarne anche qui. Nella trascuratezza, nella povertà, funzionano meglio che nella violenza, ma già attivare dei supporti alle prime incrinature e assicurarli a tutti nel modo più adeguato sarebbe una grossa risorsa in termini di prevenzione. Insieme al garantire la qualità della scuola a partire dall’infanzia, è una pista di lavoro da non abbandonare.

testo precedentemente pubblicato da Azione nonviolenta

L'autore.
Sociologa e counsellor, è giudice onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Bologna e lavora per il Comune di Ferrara nell’ufficio Diritti dei minori. Da molti anni aderisce al Movimento Nonviolento.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca