Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

La fiducia in se stessi è fondamentale per gli adolescenti nella fase della loro vita in cui si stanno preparando per le sfide dell'età adulta, e sia le famiglie che le scuole possono insieme ricoprire un ruolo decisivo nel rafforzare la loro fiducia e la loro determinazione.

20190409 autoefficacia 3

L'importanza del ruolo genitoriale per questo fattore si conferma anche in presenza di difficoltà all'interno della famiglia stessa, nella relazione tra padre e madre.

In un recente studio, i ricercatori hanno esaminato come una varietà di fattori possa influenzare l'auto-efficacia degli adolescenti - la convinzione di avere la capacità di poter superare le sfide e di essere “vincenti”, in altre parole la fiducia in se stessi.

Hanno scoperto che gli adolescenti che hanno assistito frequentemente a litigi tra i genitori o che sono stati coinvolti personalmente in altre forme di conflitto familiare, hanno successivamente svilupparo una minore auto-efficacia.

Tuttavia, il successo a scuola e il sostegno da parte dei pari sono stati in grado di compensare i problemi familiari e persino di aumentare l'auto-efficacia più di quanto non l’avesse diminuita la problematicità della vita in famiglia.

Devin McCauley, uno dei ricercatori, ha spiegato che i risultati suggeriscono che molti fattori possono contribuire allo sviluppo della fiducia di un adolescente, e che le scuole possono essere una risorsa importante e non valorizzata per aiutare gli adolescenti a sviluppare auto-efficacia.

"Spesso, gli adolescenti stanno a scuola tutto il giorno, e qui si concetrano esclusivamente sugli impegni scolastici. Tuttavia il nostro studio suggerisce che dovremmo pensare sempre alla scuola in un contesto di sviluppo, guardando al di là degli impegni formativi e degli obiettivi di studio, pensando a sperimentare nuove strade per contribuire a migliorare altri aspetti del benessere degli adolescenti” ha spiegato lo studioso.

Greg Fosco, professore associato di Sviluppo umano e studi familiari, ha aggiunto che la ricerca - recentemente pubblicata sul Journal of Adolescence - è anche un buon promemoria per i genitori sull'importanza di mantenere sempre relazioni di co-genitorialità sane ed equilibrate.

"Più solido e positivo si riesce a rendere il rapporto con il proprio partner, meglio è per i propri figli" ha detto Fosco.

"I genitori possono essere veramente concentrati sulla loro genitorialità, e questo è importante, ma non devono trascurare la qualità del loro rapporto reciproco, che è un'importante fonte di energia per la famiglia e per lo sviluppo dei loro ragazzi. Investire in una relazione di coppia sana produrrà un risultato positivo per i loro ragazzi".

McCauley ha preso spunto dalla sua esperienza come insegnante scolastico per indagare se le scuole potevano aiutare a compensare le perdite e i “danni” derivanti dalla famiglia sull’auto-efficacia dei giovani. Sebbene l'auto-efficacia sia importante a qualsiasi età, sottolinea lo studioso, essa rappresenta un fattore particolarmente critico e importante durante l'adolescenza.

20190409 autoefficacia 3a

"Uno degli obiettivi dell'adolescenza è quello che i ragazzi inizino a ottenere indipendenza, formando ed entrando in nuovi gruppi e relazioni sociali e alla fine, più avanti nel loro futuro, avviando una propria famiglia" ha spiegato McCauley.

"Se, mentre si affrontano sfide e impegni nella propria vita, il pensiero costante è 'Non posso farcela', questo può essere certo opprimente, ma se si possiede un'alta auto-efficacia, si continuerà a perseguire i propri obiettivi, ottenendo i migliori risultati possibili, e ciò andrà rafforzare e a costruire il proprio sé".

Per lo studio, McCauley e gli altri ricercatori hanno utilizzato dati provenienti da 768 famiglie, tra cui famiglie con due genitori con almeno un adolescente in casa. I dati sono stati raccolti due volte: quando gli adolescenti erano in prima media e una volta quando erano in seconda media.

Ad ogni fase, gli adolescenti hanno riferito informazioni sul conflitto a cui hanno assistito tra i loro genitori, quanto si sentivano minacciati da quel conflitto, i loro sentimenti di auto-efficacia, dati relativi al successo scolastico e indicazioni su quanto si sentivano sostenuti dai loro pari.

Dopo aver analizzato i dati, i ricercatori hanno scoperto che livelli più alti di conflitto tra i genitori erano legati alla sensazione degli adolescenti che il loro senso di sicurezza in famiglia fosse minacciato.

Questo basso senso di sicurezza, a sua volta, era legato a una diminuita auto-efficacia. Tuttavia, un maggiore successo a scuola e il sostegno dei compagni hanno contribuito a mantenere livelli più elevati di auto-efficacia, sufficienti a compensare le “perdite” derivanti dall'esposizione dei ragazzi ai conflitti tra i genitori.

"Se questi adolescenti stanno vivendo molti conflitti a casa, questo elemento negativo può essere compensato in misura soddisfacente se si sentono bene a scuola o nelle loro relazioni tra pari" ha detto Fosco.

"Anche se il conflitto inter-genitoriale a casa è un fattore di rischio che indebolisce la loro auto-efficacia, le esperienze positive fuori casa contribuiranno a compensare i danni alla fiducia in se stessi, il convincimento di avere la capacità di superare le sfide che si trovano ad affrontare”.

McCauley ha spiegato che lo studio indica che esistono diversi modi per contribuire a promuovere l'auto-efficacia negli adolescenti, e che una serie di soluzioni possibili potrebbero non essere adatte a tutti gli adolescenti.

"Questo ci offre diverse strade e piste di lavoro quando si tratta di mettere in campo di strategie di intervento o di prevenzione" ha concluso McCauley.

"Se è difficile lavorare con la famiglia, se è difficile convincerle i genitori a partecipare a programmi o gruppi di lavoro, possiamo tuttavia aiutare gli adolescenti ad avere successo in altre aree della loro vita. Gli adolescenti stanno in genere a scuola, giorno dopo giorno, per nove mesi in un anno, e possiamo rendere questo obiettivo una parte “normale” dell’impegno e delle attenzioni educative, integrandolo con gli altri obiettivi tradizionali della scuola".


I materiali della ricerca sono disponibili sul sito della Penn State.

Riferimento bibliografico:
Devin M. McCauley, Bridget B. Weymouth, Mark E. Feinberg, Gregory M. Fosco.
Evaluating school and peer protective factors in the effects of interparental conflict
on adolescent threat appraisals and self-efficacy
.
Journal of Adolescence, 2019.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca