Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Studi recenti hanno cercato di indagare il motivo per cui alcune persone trovano difficile seguire le linee guida sul distanziamento sociale. Due recenti ricerche suggeriscono che le persone inclini alla noia hanno maggiori probabilità di altre di infrangere le regole sul distanziamento. Accettare l'idea che sentirsi annoiati sia normale potrebbe aiutare le persone ad affrontare questa situazione, secondo i ricercatori.

20210218 bored 6a

Negli ultimi tempi si parla molto di "stanchezza pandemica". Sebbene questa espressione non sia chiaramente definita, la sostanza è che le persone si sono stancate della pandemia, dopo essere state tenute separate per quasi un anno. Questa stanchezza può manifestarsi sotto forma di sentimenti di ansia, disperazione, frustrazione, rabbia e noia.

Vedere la noia in quella lista preoccupa chi sta studiando il fenomeno. "Di solito la noia ti dice che dovresti fare qualcos'altro" spiega la psicologa dello sport Wanja Wolff dell'Università di Costanza in Germania. "Nel contesto di una pandemia ... potrebbe non essere la cosa migliore".

Di recente, questo timore è cresciuto. Due studi simili ma indipendenti, uno sempre della dottoressa Wolff e dei suoi colleghi e un altro di un gruppo di ricerca statunitense-canadese, hanno scoperto che le persone che si sentono spesso annoiate hanno maggiori probabilità di altre di ignorare le regole per il contenimento dell’epidemia. Questi individui inclini alla noia sembrano inoltre essere a maggior rischio di contrarre il coronavirus.

La noia, suggeriscono questi studi, potrebbe benissimo costituire una minaccia reale per la salute pubblica reale, sebbene sottovalutata.

Definizione di noia

In tutte le discipline umanistiche occidentali, la noia è stata tipicamente descritta come un fallimento individuale. Schopenhauer definì la noia come la sensazione del vuoto dell'esistenza. Sartre l'ha definita come una "lebbra dell'anima".

I ricercatori che studiano la noia sostengono che merita una lettura più neutra. Quella sensazione di non avere niente da fare serve come un segnale, una chiamata al corpo per cambiare marcia, secondo il pensiero corrente.

"La noia è un segno che non sei coinvolto in modo significativo nel mondo" afferma la psicologa sociale Erin Westgate dell'Università della Florida a Gainesville. I ricercatori hanno identificato due modalità distintive della noia: una perdita di concentrazione o una perdita di significato.

Certamente, molti di noi hanno perso la concentrazione, o l'acutezza mentale, che avevano nei tempi precedenti, afferma la Westgate. Oltre a una pandemia mortale che ha portato alla chiusura delle città e all'istruzione scolastica a distanza, ci sono state proteste per i diritti civili, disordini politici, una grave recessione e una miriade di altri fattori di stress, grandi e piccoli.

Quei disturbi, che ostacolano la nostra capacità di rimanere mentalmente acuti, possono portare all’ottusità. Quando la noia è definita in questo modo, perfino l’impegno di essere genitori di bambini piccoli fornisce poca protezione contro il sentirsi insignificanti.

In effetti, i ricercatori hanno scoperto che sia la sottostimolazione che la sovrastimolazione possono portare a un cortocircuito della capacità di prestare attenzione.

Nel frattempo, molte parti della vita di noi tutti sono state annullate. Le routine semplici, come prendere un caffè dallo stesso bar ogni giorno o un appuntamento a pranzo con un amico, in realtà infondono significato alla vita, sostengono gli psicologi. La loro impossibilità sottolinea che stiamo vivendo una perdita collettiva della routine in questo momento.

In altre parole, le regole per il distanziamento sociale volte a proteggere da una malattia mortale hanno anche sottratto le cose apparentemente piccole che danno un senso alla vita.

Quando le persone perdono sia la concentrazione che il significato nelle loro vite, questa forma di noia è "doppiamente negativa", afferma la dottoressa Westgate.

“Puoi annoiarti perché qualcosa è significativo, ma non puoi prestarvi attenzione perché è troppo facile o troppo difficile. Puoi anche annoiarti perché potresti sì prestare attenzione ma non ci trovi senso. Ma se qualcosa non ha senso e non riesci a prestare attenzione, sei doppiamente annoiato".

Inclini alla noia

Questi due nuovi studi sulla noia - ognuno dei quali include quasi mille partecipanti nordamericani - mostrano come livelli elevati di noia tra coloro che vi sono inclini possano manifestarsi durante questa pandemia.

Nello studio del team statunitense-canadese, i ricercatori hanno cercato di quantificare il legame tra l'innata propensione alla noia di una persona e i comportamenti che violano le regole durante la pandemia, come trascorrere meno ore lontani dagli altri o partecipare a un incontro sociale.

La propensione alla noia in tutto il campione ha spiegato il 25% della varianza nei comportamenti di violazione delle regole. I ricercatori non hanno trovato una forte relazione tra la violazione delle regole e altri fattori che potrebbero influenzarla, come l'età o il sesso. (I giovani adulti e gli uomini tendono a ottenere punteggi più alti sulla noia rispetto ad altri gruppi).

Nessun singolo fattore può spiegare il cento per cento di un comportamento umano, afferma il coautore dello studio e neuroscienziato cognitivo James Danckert dell'Università di Waterloo in Canada. Ma "il 25 percento è una quantità enorme".

20210218 bored 6

La Wolff e colleghi nel frattempo hanno scoperto che le persone inclini alla noia classificano il distanziamento sociale come più difficile di altri ed erano meno propensi ad aderire alle regole. Entrambi gli studi hanno dimostrato che coloro che hanno ottenuto punteggi più alti nella noia erano anche leggermente più propensi di quelli che hanno ottenuto punteggi inferiori a riferire di aver contratto il virus.

"La noia è una motivazione incredibilmente potente per il comportamento" spiega la Wolff. Tuttavia, aggiunge, le persone possono avere difficoltà a rispondere a quel segnale in modo sicuro e significativo.

Il pericolo della stasi

La Westgate non è sorpresa dal fatto che le persone particolarmente inclini alla noia, ma capaci di distanziarsi socialmente, trovino lo stare a casa un modo di intorpidire la mente. Si chiede, però, per tutti gli altri: come fanno le persone che in genere non si annoiano a far fronte alla perdita di concentrazione e di significato causata dalla pandemia? Anche loro stanno infrangendo le regole?

La ricerca qui è meno diretta ma suggestiva. In un altro studio del 2014 i ricercatori hanno chiesto a 42 studenti universitari di sedersi da soli con i loro pensieri per diversi minuti, senza telefoni cellulari. Gli studenti, però, avevano la possibilità di premere un pulsante per ricevere una dolorosa scossa elettrica. Circa due terzi dei maschi e un quarto delle studentesse hanno premuto quel pulsante, alcuni ripetutamente, suggerendo che perfino il dolore per alcuni può essere preferibile alla noia.

Allo stesso modo, in uno studio sul processo decisionale comportamentale, i ricercatori hanno dimostrato che indurre la noia nelle persone attraverso un gioco d'azzardo ripetitivo li spingeva a prendere decisioni più rischiose.

La noia momentanea non è intrinsecamente negativa, afferma Van Tilburg, dell'Università dell'Essex in Inghilterra. Ma per un periodo più lungo, la noia può portare a gravi conseguenze per la salute pubblica se la situazione "non è risolta o la risoluzione è dannosa, come mangiare troppo o diventare aggressivi o non indossare una mascherina". 

Uno studio recente fornisce indizi su quello che potrebbe provocare la noia irrisolta. La maggior parte dei modelli epidemiologici presume che le persone accetteranno e manterranno le distanze sociali non appena i casi di contagio inizieranno a aumentare in una certa area. Ma le persone inizialmente si adeguano mentre i casi aumentano, ma poi riprendono i loro movimenti non appena calano, prima che la minaccia sia passata, come è successo dopo l’estate scorsa. Chi sta studiando questo fenomeno attribuisce le azioni delle persone e il numero di morti più alto del previsto alla stanchezza pandemica, che include la noia.

Nei prossimi mesi, la noia dovuta alla stanchezza pandemica potrebbe intensificarsi, portando a comportamenti che potrebbe aumentare il contagio. La possibilità del vaccino aumenta la speranza, che collide con la disperazione, e in questo quadro la noia gioca un suo ruolo.

E adesso?

La dottoressa Wolff sta ora studiando come aiutare coloro che vivono la noia a seguire le regole di distanziamento sociale. Il suo studio ha mostrato che quando le persone inclini alla noia mostrano un alto autocontrollo, fanno un lavoro migliore con l'aderenza alle regole. Tuttavia, addestrare le persone ad avere un maggiore autocontrollo può essere difficile.

È importante che stabiliscano piani alternativi. Ad esempio, se una palestra al coperto è troppo pericolosa, una persona potrebbe invece pianificare di iniziare a correre all'aperto. La Wolff suggerisce di fare piccoli passi per rendere più facile seguire un tale cambiamento nella routine, come mettere i vestiti da allenamento sul letto la sera prima e le scarpe da ginnastica davanti alla porta. "L'idea è di rendere il comportamento più automatico".

Ma anche con i piani meglio preparati, mantenere la concentrazione e il significato durante la pandemia non è un compito facile. I ricercatori dicono che vale la pena ricordare a noi stessi che la noia è un segnale neutro, né cattivo né buono. E alcune persone che si ripiegano su se stesse in questo momento ed esplorano quella sensazione potrebbero scoprire che la loro noia ha radici più profonde che potrebbero persino precedere la pandemia.

Si può in definitiva pensare in modo più ottimistico, soprattutto prendendo in considerazione i giovani, che alcuni useranno questo lungo momento di noia per pensare a obiettivi di vita più grandi da poter perseguire quando l’emergenza si sarà conclusa.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca