Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Ci sono uomini che sembrano recitare la parte del cittadino modello. Lavorano sodo, fanno volontariato e stringono amicizie facilmente. Sono buoni vicini e come colleghi di lavoro sono anche meglio. Poi tornano a casa e, circondati dalla loro famiglia, diventano arrabbiati e irritabili, inclini a urlare e pronti a punire.

20210408 bad 1

Non sono propriamente abusanti, ma difficili e distanti in un modo che confonde i loro figli e li rende sempre più ansiosi. Percepiscono il distacco e non sono in grado di comprenderlo. È una situazione relativamente comune.

Perché così tanti uomini generalmente piacevoli sono così sgradevoli a casa? La risposta, secondo la psicologia, ha a che fare con il desiderio di potere degli uomini, sia su se stessi che sulle proprie emozioni, nonché con la mancanza di capacità di introspezione.

Alcuni paradossalmente se ne dolgono, non vorrebbero essere percepiti come “tiranni” come magari è accaduto al loro padre, ma non riescono a fare niente per evitarlo. Odiano il loro problema con la rabbia e non vogliono che le persone abbiano paura di loro. C’è una barriera tra chi sono e chi vorrebbero essere.

Tutti vogliono essere se stessi a casa. E si è tentati di pensare a questo in termini di libertà e piacere. Ma può anche significare dare libero corso a una disregolazione emotiva.

Gli uomini che mantengono la calma in pubblico e si arrabbiano con i membri della loro famiglia in privato lo fanno in parte perché la casa per loro è un contesto separato. Si lasciano andare in un modo che è distruttivo sia per se stessi che per gli altri.

L'idea che la casa sia uno spazio sicuro, specifico per gli uomini, esiste da tempo e rappresenta di fatto un’espressione che spesso definisce il potere domestico maschile, nonostante una posizione diversa e più evoluta delle donne nella società, negli ultimi decenni.

In molte case il potere maschile rimane una sorta di fattore predefinito. Questo di per sé non innesca rabbia, ma significa che ci sono meno conseguenze quando si esprime negatività verso gli altri. Indipendentemente dal fatto che gli uomini siano esplicitamente consapevoli di questo fatto, probabilmente molti di loro agiscono in questo modo.

Se si è in una posizione di potere, avvertono gli psicologi, diventa più facile esprimere la rabbia in un modo privo di rischi. Ed essere il capofamiglia mette in una posizione abbastanza priva di rischi.

A livello pratico, esplosioni di rabbia sul posto di lavoro potrebbero provocare un licenziamento e urlare a un poliziotto che dà una multa portare a un arresto. Ma nella privacy della propria casa, tali conseguenze immediate non si applicano. Per gli uomini che confondono il comportamento conflittuale con la “mascolinità”, questo può portare a esplosioni di aggressività. Questo purtroppo non riguarda un piccolo sottoinsieme di uomini.

La psicologia spiega che il rapporto delle persone con la loro rabbia si basa su un complesso insieme di prime esperienze sociali e relazionali e su come viene da loro compreso il proprio ruolo nella società, che comprende il modo in cui si identificano con il proprio genere.

Non è l’essere un uomo che rende gli uomini inclini alla rabbia, ma essere socializzati con l’idea dell’essere "mascolini", cosa che gli studi suggeriscono è difficile da separare dalla propensione alla rabbia.

Le aspettative della società su come dovrebbe essere un ragazzo si stanno evolvendo, ma a molti uomini viene ancora insegnato che la rabbia è una delle poche emozioni accettabili da esprimere. Quando la forza e l'indipendenza sono molto apprezzate negli uomini, questo porta inevitabilmente ad atteggiamenti incontrollati.

20210408 bad 1a

Gli uomini che crescono in un contesto iper-maschile tendono ad allinearsi eccessivamente con cose come l'illusione della forza, sottolineano esperti di psicologia della famiglia, e si aggrappano a tutto ciò che dà loro un'aria di dominio. Quando si sentono fuori controllo e impotenti, è “naturale” che si arrabbino.

La vita può essere spaventosa e deprimente e le persone spesso si trovano in situazioni in cui non riescono a esprimere la propria frustrazione. La casa diventa il luogo in cui è consentito sfogarsi. La maggior parte delle persone trascorre buona parte della propria vita sentendosi eterodiretta dice, a volte la rabbia è un modo per sentirsi “potenti”.

Un legame tra potere e rabbia non è cosciente nella testa della maggior parte degli uomini. In uno studio realizzato alcuni anni fa, le donne arrabbiate erano viste come emotive, come persone che avevano perso il potere di influenzare, mentre gli uomini arrabbiati erano considerati più persuasivi e credibili.

Alcuni uomini, infatti, potrebbero non vedere nulla di sbagliato nel loro comportamento arrabbiato perché, per dirla senza mezzi termini, lo vedono come il modo migliore per mettere a posto le cose. Urlare ai figli di smetterla di lasciare i giocattoli o le loro cose in giro potrebbe spaventarli e indurli a non farlo più.

La disfunzione di questo scenario sembra ovvia, ma le persone arrabbiate generalmente pensano di avere una giustificazione per la loro rabbia e che la rabbia sia una risposta appropriata.

La rabbia verso i membri della famiglia può derivare da un sentimento di diritto in cui si sente che va bene rispondere in questo modo. Spesso accade anche che il padre si senta più a suo agio ad essere arrabbiato con chi è più vulnerabile; la risposta di un estraneo potrebbe essere più imprevedibile e ostile.

Per alcuni uomini, essere arrabbiati principalmente a casa con la famiglia e non con gli altri è dovuto semplicemente al fatto che le loro famiglie sono i fattori scatenanti più comuni della loro rabbia. Più il rapporto è intimo, più ci si sente vulnerabili, dice la psicologia. Si dipende dalle persone a noi più vicine e questa dipendenza può creare paura negli uomini mal equipaggiati per gestirla. Molte persone presumono che i propri cari baseranno la loro percezione di loro sulle loro intenzioni piuttosto che sulle loro azioni, quindi potrebbero vedere come ridotto al minimo l'effetto che la loro rabbia ha sulle loro famiglie.

Le persone che non hanno un funzionamento sicuro nelle loro relazioni o non si sentono al sicuro a livello psicologico con altre persone sono costantemente alla ricerca di come proteggersi al meglio, osservano gli psicologi. Quando si innescano le paure di dipendenza, in particolare per gli uomini, esiste una vergogna di fondo che deriva dalla sensazione di non stare bene da soli. Sentirsi vulnerabili di fronte a qualcuno può portare a sentirsi fuori controllo e questo può far paura.

Il modo più comune per affrontarlo, inconsciamente, è proiettare sentimenti negativi sulla persona con cui si è più intimi. La loro rabbia funge da annientamento inconscio della loro stessa vergogna, o punto vulnerabile.

Qualunque sia la ragione, gli uomini che si ritrovano a perdere il controllo o ad arrabbiarsi a casa (e talvolta non sono nemmeno sicuri del perché) devono affrontarlo. La rabbia ricorrente può influire sulla salute fisica e mentale degli uomini e può essere dannosa per i bambini e per i partner.

Supponendo che stiamo parlando di uomini non violenti dal punto di vista fisico, dicono gli psicologi, la maggior parte degli uomini sarebbe in grado di comprendere che la loro animosità è un problema. Ma spesso non sanno come fermarla. È importante in questo caso vedere un terapeuta per apprendere le capacità di regolazione emotiva e come comunicare in modo assertivo con i propri cari.

È importante che siano aperti con i loro cari e verbalizzino quando sono frustrati e in difficoltà. Sarebbe anche utile fare un inventario onesto di come ci si sente: si è davvero arrabbiati, o solo tristi, o feriti, o stanchi o frustrati? Il passo successivo è decidere come affrontare questi sentimenti in modo più sano.

L'empatia è estremamente importante in questa situazione. Parte dell'empatia risiede nella comunicazione e nell'ascolto attivo. Queste abilità possono essere apprese e praticate, come sottolineano i counselor e i terapeuti che lavorano con le famiglie.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca