Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Molti genitori vedono i loro figli, sia adolescenti sia più piccoli, dedicare molto del loro tempo a Tik Tok, e si chiedono se questa app sia innocua e divertente come sembra oppure dannosa.

20220404 Tok 6

Sono in corso ricerche realizzate in diversi Paesi da studiosi dell’età evolutiva e da psicologi per cercare di rispondere a questa domanda.  

La ricerca specifica per i social media e per TikTok è relativamente nuova e continua a svilupparsi.

Alcuni studi mostrano che le persone con difficoltà di attenzione possono sperimentare più difficoltà con i social media. Altre ricerche hanno concluso che i ragazzi con salute mentale complessa e fattori di stress o traumi ambientali possono riscontrare almeno un aumento temporaneo dei sintomi emotivi inerenti dopo l'uso dei social media.

Sono stati riscontrati anche problemi sociali basati sui valori personali e sull'etica che sarebbero influenzati dall'uso dei social media.

Tuttavia, sottolineano gli esperti, i dati sono ancora limitati, il nesso di causalità deve ancora essere stabilito chiaramente, i fattori personali che incidono sugli esiti positivi e negativi non sono chiari e l'impatto a lungo termine deve ancora essere completamente studiato, dato che l'uso dei social media e la ricerca inerente sono relativamente nuovi.

Inoltre, aggiungono, gli studi su singole piattaforme come TikTok, al contrario dei social media nel loro insieme, sono molto limitati. Dato che la ricerca è generica sui diversi social, non definitiva e ancora nelle sue fasi iniziali, sebbene vi siano chiari motivi di preoccupazione, sono probabili risultati sia positivi che negativi derivanti dall'uso dei social media.

Uno degli elementi emersi dalle ricerche finora condotte è che Tik Tok non sia più dannoso per le ragazze rispetto ai ragazzi, le conseguenze, in altre parole, non sarebbero influenzate dal genere.

TikTok è una piattaforma molto grande. Sebbene siano disponibili controlli e limitazioni, non tutti i genitori hanno le conoscenze sufficienti per proteggere i propri figli da contenuti inappropriati. Sebbene esista una modalità di utilizzo limitata, le dimensioni del sito potrebbero consentire il passaggio di contenuti inappropriati.

Inoltre, non tutti gli argomenti possono essere adeguatamente filtrati e ciò che le famiglie ritengono appropriato per un ragazzo potrebbe essere inappropriato per un altro.

Detto questo, spiegano i ricercatori, le dimensioni di TikTok rendono probabile che qualsiasi ragazzo che utilizza la piattaforma sarà esposto a informazioni imprecise e a qualcosa di potenzialmente sconvolgente, dannoso o traumatizzante, nonostante il monitoraggio dei genitori e un uso attento del social.

Durante la pandemia, TikTok è diventato un punto di riferimento dei social, con informazioni su come cuocere il pane, preparare una bevanda, fare ginnastica, ballare.

Ci sono infatti una serie di vantaggi che possono derivare dall'utilizzo di TikTok e di altre piattaforme di social media. In particolare, consentire alle persone di interagire sui propri interessi; imparare un nuovo hobby; promuovere le loro attività e creazioni; condividere contenuti ludici, divertenti o educativi; mobilitarsi pacificamente su questioni sociali e politiche; stabilire un senso di identità; e anche conoscere altre culture.

I contenuti positivi di TikTok possono essere utili allo sviluppo delle proprie passioni ed educativi, conferma chi sta studiando le caratteristiche di questo social media. Soprattutto durante la pandemia, è diventato per molti una fonte di intrattenimento e comunicazione. Questo è stato fondamentale per il benessere di molti durante un periodo di isolamento e paura.

D'altra parte, contenuti come i balli sembra abbiano contribuito all'eccessiva sessualizzazione dei corpi dei giovani.

È infatti ragionevole concludere che alcuni dei contenuti su TikTok, inclusi alcuni balli, possono portare a un'eccessiva sessualizzazione dei corpi dei giovani. L'eccessiva sessualizzazione dei più giovani da parte dei media in generale è una preoccupazione di vecchia data, in particolare per le donne.

20220404 Tok 6a

Queste preoccupazioni si basano sugli standard di bellezza e sessualità rappresentati dai corpi e dagli stili di modelli e artisti, nonché sui testi di canzoni, balli, video musicali e rappresentazioni di bambini e adolescenti in video, TV e film.

La stampa recente e gli aneddoti pubblicizzati suggeriscono anche un potenziale impatto negativo sull'immagine corporea per tutti i sessi. Per comprendere appieno l'ipersessualizzazione causata da TikTok, sarebbe necessaria una ricerca specifica sull'impatto dei balli e di altri contenuti potenzialmente a sfondo sessuale disponibili sulla piattaforma.

Sulla base della ricerca attualmente disponibile, spiegano i ricercatori, ci sono conferme che la mancanza di comprensione e la paura degli adulti sono fattori determinanti quando esprimono giudizi sugli impatti negativi di TikTok e di altre piattaforme di social media. Tuttavia, c'è anche motivo di preoccupazione visti i contenuti disponibili su TikTok, le differenze nell'etica e nei valori che circondano i contenuti di TikTok, le pressioni che bambini e adolescenti possono sentire in base ai contenuti e la possibilità di incontrare un predatore online quando si utilizza l'app.

In definitiva, la ricerca ha iniziato a mostrare sia i rischi che gli aspetti positivi per i giovani che utilizzano TikTok e altre piattaforme di social media.

C'è un'esigenza fondamentale di realizzare ricerca sull'impatto delle singole piattaforme e dei loro contenuti. La ricerca attuale ha mostrato un insieme di risultati positivi e negativi derivanti dall'uso dei social media. Ci sono infatti ricerche, ad esempio, che suggeriscono impatti sia positivi (recupero dei disturbi alimentari) che negativi (pro-anoressia e pro-bulimia) dei contenuti dei disturbi alimentari su più piattaforme di social media.

I social media, inoltre, mostrando contenuti riferiti a disfunzioni e malattie di chi li posta, possono promuovere l’autodiagnosi. L'autodiagnosi, spiegano alcuni terapeuti, può essere sia positiva che negativa. Per alcuni ragazzi, l'autodiagnosi apre le porte a una migliore comprensione di sé e a una migliore autostima e può portare a cercare diagnosi e supporto medico. Per altri, l'autodiagnosi può essere dannosa e persino pericolosa, in particolare se le conclusioni tratte sono imprecise o basate su informazioni errate.

Chi si occupa di salute mentale dovrebbe continuare a monitorare la ricerca sull'uso dei social media al fine di formulare raccomandazioni accurate quando parlano con bambini, adolescenti e con i loro genitori.

Dovrebbero considerare i fattori individuali e aiutare le famiglie a valutare i pro e i contro dell'uso dei social media, inclusi i pro e i contro delle diverse piattaforme di social media.

Inoltre, psicologi e terapeuti dovrebbero incoraggiare i genitori a conoscere le limitazioni di utilizzo disponibili che potrebbero essere efficaci e appropriati per le loro famiglie. Dovrebbero anche incoraggiare le famiglie a discutere di una supervisione appropriata dell'uso dei social media da parte dei loro figli, sulla base dei valori della famiglia e delle esigenze individuali.