Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Molti genitori sono comprensibilmente preoccupati stressati per il fatto che i loro ragazzi adolescenti e preadolescenti possano essere rimasti indietro nei percorsi scolastici e formativi durante la pandemia, e possano parallelamente aver sviluppato sofferenze e difficoltà sociali ed emotive.

20220505 terreno 2

A queste preoccupazioni si sommano oggi altri fattori di stress, problemi di lavoro, aumento dell'inflazione e ora anche la terribile guerra dell'Ucraina.

Tutte queste cose negative preoccupano certo di più un genitore rispetto a quanto non accada a una persona che non ha figli.

Tra tutte le altre, la preoccupazione maggiore forse per un genitore è l'impatto dell’epidemia sullo sviluppo dei giovani. È comprensibile. A detta di tutti, infatti, adolescenti, preadolescenti e bambini più piccoli sono rimasti indietro nel loro sviluppo.

Senza la qualità dell'istruzione, il contesto e il supporto offerti dalle lezioni in presenza, molti studenti hanno perso mesi di apprendimento. Come riferiscono molti genitori, adolescenti e preadolescenti sono rimasti indietro nel loro lavoro e non hanno tenuto il passo con i percorsi, soprattutto se non avevano risorse tecnologiche o se hanno ricevuto una pessima istruzione a distanza.


questo li ha privati di preziose opportunità che favoriscono
lo sviluppo delle abilità sociali, l’autoregolamentazione e le capacità esecutive


Durante i periodi di blocco, i social media potrebbero aver allentato l'isolamento, ma gli adolescenti hanno perso l'interazione di persona con i coetanei, e questo li ha privati di preziose opportunità che favoriscono lo sviluppo delle abilità sociali, l’autoregolamentazione e le capacità esecutive. Molti sono stati privati dei riti di passaggio, come le feste di diploma, che aiutano a elaborare e a crescere emotivamente attraverso le transizioni.

In molte famiglie, stare di più insieme non significava necessariamente più sostegno. Il tempo della genitorialità si è allungato. Le preoccupazioni per il lavoro, per le finanze e la minaccia per i membri vulnerabili della famiglia hanno pesato sulla mente di madri e padri.

E questo stava accadendo mentre i genitori lavoravano in remoto e supervisionavano l'apprendimento a distanza di adolescenti e preadolescenti. In alcuni casi, le madri hanno fatto quasi esclusivamente scuola da casa. Il senso di sopraffazione, perdita di controllo, ansia e distrazione ha reso molti adulti più irritabili e meno pazienti con i figli.


molti adolescenti che “galleggiavano” in silenzio
hanno improvvisamente trovato difficile rimanere a galla


La pandemia ha esacerbato le vulnerabilità o le difficoltà che gli adolescenti e i giovani stavano già affrontando. Indipendentemente dal fatto che stessero faticando a scuola, socialmente o emotivamente, la pandemia ha reso ancora più evidenti i loro problemi. Molti adolescenti che “galleggiavano” in silenzio hanno improvvisamente trovato difficile rimanere a galla.

Di conseguenza, molti genitori hanno iniziato a cercare aiuto esterno, senza però riuscire sempre a trovarlo.

Tuttavia, ci sono cose che possono fare in autonomia per essere di supporto ai loro ragazzi in questo momento.

20220505 terreno 2a

Anzitutto, sebbene sia saggio prestare attenzione alle proprie osservazioni e ai propri sentimenti istintivi su come stanno i loro figli adolescenti e preadolescenti, è bene cercare di arricchire il proprio punto di vista, ascoltando quello degli insegnanti o dello psicologo scolastico, se disponibile, per scoprire se il proprio ragazzo è, in effetti, in ritardo rispetto ai suoi coetanei. Forse questo è un problema esteso all’intera classe, se è così, in che modo la scuola lo sta affrontando, e cosa consiglia di fare a casa?

Per contrastare gli effetti delle strategie di coping dannose durante la pandemia, è bene rimettersi in carreggiata. Ora è il momento di riprendere o di costruire abitudini sane, assicurandosi che i ragazzi dormano a sufficienza, facciano buone scelte dietetiche e siano fisicamente attivi per facilitare l’energia, le capacità intellettuali e la resilienza di cui hanno bisogno per fare progressi scolastici, sociali e emotivi.

Un genitore che mostri a un figlio come affrontare lo stress, si sentirà di sicuro meglio lui stesso.

Con il ritorno alla normalità, i ragazzi potranno progressivamente riprendere le attività interrotte o iniziarne di nuove. Lo sport trasferisce i tanti fattori positivi delle squadre, come il fare amicizia, l’apprendimento della cooperazione, della sportività e della leadership, il lavorare bene con gli allenatori.

Se si è visto il proprio ragazzo studente diventare disorganizzato e sopraffatto durante l'apprendimento a distanza, gli si può affiancare un esperto delle abilità di studio o del funzionamento esecutivo, oppure anche solo uno studente più grande che possa fare anche da esempio.


sebbene siano stati anni difficili per tutti
questa fascia di età ha sostenuto il peso maggiore


La pandemia si è attenuta ma gli adolescenti ne stanno ancora sentendo gli effetti, unitamente a tutti gli altri problemi che vedono attorno. Sebbene siano stati anni difficili per tutti, questa fascia di età ha sostenuto il peso maggiore.

Un genitore non deve aver paura di chiedere ai suoi ragazzi cosa li preoccupa, questo darà loro la possibilità di dare sfogo alle loro preoccupazioni e paure alla luce del giorno, potenzialmente alleviandole.

Tuttavia esiste anche un’altra faccia della medaglia. Buona parte degli adolescenti ha riferito di essersi sentito più riposato, più felice e di aver trascorso più tempo di qualità con i propri genitori. Per questi ragazzi, i social media sono diventati un'ancora di salvezza per creare connessioni, ridurre l'isolamento, alleviare l'ansia e la depressione, divertirsi, imparare e ridurre lo stress, solo per citare alcuni vantaggi.


i ragazzi hanno la capacità di vivere grandi scatti di maturazione


Anche se può essere un fattore di ansia pensare che un figlio o una figlia debbano recuperare il ritardo, è bene ricordare a se stessi che anche altre volte sono rimasti indietro, ad esempio durante una malattia o infortunio. I ragazzi hanno la capacità di vivere grandi scatti di maturazione. Con l'esperienza che viene fatta, la neuroplasticità aiuta i cervelli più giovani a crescere, cambiare, ricablare e rafforzare le connessioni importanti più rapidamente rispetto a quando saranno più maturi.

Una velocità di recupero che un adulto genitore non può avere, e che deve dargli fiducia.