Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

La resilienza digitale è la capacità di imparare a riconoscere, gestire e riprendersi dai rischi e dagli attacchi online, come la visione di contenuti inappropriati e il cyberbullismo. Questa forma di resilienza ha il potenziale per limitare il modo in cui queste esperienze possono influire sul benessere dei giovani.

20221006 digit 4

Finora, la ricerca non ha esaminato come la resilienza digitale possa essere costruita e messa in atto dai ragazzi se non concentrandosi sul singolo.

Secondo una nuova ricerca condotta dall'Università dell'East Anglia, aiutare i giovani adolescenti a diventare più "resilienti digitalmente" deve essere uno sforzo collettivo se si vuole che imparino a crescere positivamente utilizzando la comunicazione online.

Questo nuovo studio sostiene che l'attivazione della resilienza digitale deve essere intrapresa come uno "sforzo collettivo" che coinvolge il giovane, i suoi genitori/tutori all'interno degli ambienti domestici, gli operatori e educatori giovanili, gli insegnanti e le scuole a livello di comunità, insieme a governi, responsabili politici e imprese operanti in internet.

Rileva che la resilienza digitale opera attraverso questi diversi livelli, che sono fondamentali per aiutare i giovani a imparare a riconoscere, gestire, recuperare e, a seconda del supporto disponibile, a crescere con consapevolezza delle esperienze e dei rischi online.

È importante sottolineare che la resilienza digitale tra questi livelli e aree non si escludono a vicenda, ma si rafforzano e operano vicendevolmente. Di conseguenza, affermano i ricercatori, la responsabilità collettiva deve essere al centro del lavoro in questo settore.

Lo studio si è concentrato sulla resilienza digitale tra i preadolescenti, quelli di età compresa tra 8 e 12 anni, che stanno attraversando la prima adolescenza e cercano maggiore indipendenza a casa, a scuola, all'interno della società e, sempre più, attraverso esperienze online.

I risultati, pubblicati sulla rivista Education and Information Technologies.

L'autore principale dello studio, il dott. Simon P Hammond, ha affermato che le attività di prevenzione e educazione pongono di solito l'accento sul singolo ragazzo "mettendo ai margini il modo in cui la famiglia, la comunità e le società supportano i giovani nell'imparare a navigare e crescere positivamente superando le esperienze online rischiose".

"La necessità di supportare i preadolescenti nell'apprendere come riconoscere e gestire i rischi online è un processo sempre più importante per tutti" ha affermato il dottor Hammond, docente presso la School of Education and Lifelong Learning dell'UEA.

"Mostrando come la resilienza digitale opera all'interno e attraverso diversi livelli, possiamo fornire un supporto più incentrato ed efficace sul singolo ragazzo. Per crescere cittadini resilienti digitalmente, dobbiamo pensare al di là del solo preadolescente o dei suoi parenti stretti e considerare come comunità e società lavorano e interagiscono con loro.

20221006 digit 4a

"C'è anche l'idea, qui, che proprio come nel mondo offline, dobbiamo capire che l'apprendere facendo, che comporta un’attività anche rischiosa, è un processo che dura tutta la vita. Gli errori e le esperienze spiacevoli si verificheranno sempre e i ragazzi hanno bisogno di supporto per arrivare a imparare anche da quelli".

Il consulente psichiatra dell'infanzia e dell'adolescenza, il dottor Richard Graham, che ha co-presieduto il gruppo di lavoro sulla resilienza digitale dell'UKCIS, ha dichiarato: "Questa ricerca importante e piena di speranza fa avanzare il pensiero iniziale sulla resilienza digitale e fornisce una chiara direzione lontano dalle semplicistiche strategie di sicurezza elettronica e mette in evidenza come individui, famiglie e comunità possono crescere e prosperare nell'era digitale.

"C'è un chiaro invito all'azione affinché tutti noi ci impegniamo meglio con i giovani mentre imparano a navigare nel mutevole mondo online, senza rinunciare alle nostre crescenti richieste che le aziende tecnologiche creino spazi online più sicuri, più favorevoli al benessere e allo sviluppo".

Dall'estate 2021, i nove milioni di alunni delle scuole inglesi hanno imparato a essere più sicuri online tramite l'istruzione personale, sociale, sanitaria ed economica (PSHE). Tuttavia, molte risorse esistenti, prive di una solida base di prove, tendono a adottare un approccio al rischio a livello generale piuttosto che personalizzato.

Lo studio fornisce una piattaforma per contrastare questo problema, sostenendo la creazione di misure psicometriche convalidate che consentiranno di prendere in considerazione importanti fattori contestuali come la famiglia di un ragazzo e il supporto della comunità, consentendo agli educatori di offrire approcci su misura anziché indirizzati genericamente a tutti.

Il coautore, il dott. Gianfranco Polizzi, dell'Università di Liverpool, ha dichiarato: "I nostri risultati hanno il potenziale per aiutare genitori/tutori e educatori a promuovere la resilienza digitale attraverso approcci educativi formali e informali che interagiscono e mostrano l'importanza di supportare la resilienza digitale dei preadolescenti all'interno e attraverso diverse aree della loro vita quotidiana".

La dott.ssa Kimberley Bartholomew, dell'UEA, ha aggiunto: "Per i responsabili politici, questo studio illustra aspetti che altrimenti potrebbero essere dati per scontati. Ad esempio, si presume che un ragazzo sia più o meno resiliente digitalmente in funzione della sua età, piuttosto che di una combinazione della sua età più le esperienze e competenze digitali possedute.

"Questo può dare forma a nuovi modi di insegnamento che promuovano un'esposizione controllata a opportunità rischiose, da utilizzare per aiutare i bambini a costruire e mostrare resilienza digitale invece di cercare di evitare del tutto esperienze rischiose, cosa che è sia miope che irrealistica nei nostri mondi sempre più connessi".


Riferimento bibliografico

Simon Patrick Hammond, Gianfranco Polizzi, Kimberley Jane Bartholomew.
Using a socio-ecological framework to understand how 8–12-year-olds
build and show digital resilience: A multi-perspective and multimethod qualitative study
.
Education and Information Technologies, 2022.