Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Dopo la caduta del comunismo in Romania, migliaia di bambini sono stati trovati negli orfanotrofi istituzionali di tutto quel paese. A causa dell'alto rapporto tra numero dei bambini e operatori, questi bambini erano stati trascurati, con livelli complessivamente bassi di accudimento e con cure non individualizzate e molto irreggimentate.

20221020 depriv 5

Poiché a quel tempo in Romania non esisteva un programma di adozione, i ricercatori Charles Zeanah, Charles Nelson e Nathan Fox hanno istituito un nuovo programma di intervento di affidamento finanziato da sovvenzioni. Questo programma è stato ben sostenuto, con frequenti visite di un gruppo dedicato di assistenti sociali alle famiglie affidatarie. I bambini sono stati selezionati casualmente per partecipare a questo programma di affidamento, offrendo agli scienziati un'insolita opportunità di studiare cosa succede al cervello dei bambini quando sono privati ​​dell'attenzione e della connessione emotiva.

Un nuovo studio pubblicato su Science Advances mostra che la deprivazione precoce continua a influenzare lo sviluppo del cervello fino all'adolescenza.

“Sappiamo da anni di lavoro sugli animali che le esperienze nella prima parte della vita influenzano lo sviluppo del cervello, ma fino ad ora questo non è mai stato dimostrato in modo definitivo negli esseri umani" afferma Margaret Sheridan, psicologa clinica presso l'Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, prima autrice dello studio.

Il gruppo di ricerca composto anche da ricercatori del Bucharest Early Intervention Project, mostra che i bambini che sono stati collocati casualmente fuori dall'assistenza istituzionale e in affido ben supportato prima dei tre anni hanno avuto cambiamenti nelle aree del cervello che supporta la risoluzione di problemi di ordine superiore anni dopo, quando avevano 16 anni.

Inoltre, i bambini affidati a un’adozione di alta qualità prima dei tre anni hanno visto lo sviluppo cerebrale tipico dai 9 ai 16 anni, in aree relative alla reattività emotiva, al linguaggio e alle funzioni esecutive, ma questo percorso di sviluppo è stato alterato nei bambini che sono stati privati ​​delle cure familiari.

"Qui dimostriamo che le opportunità che un bambino ha nella prima infanzia di imparare e crescere avrà un impatto non solo sul suo comportamento, ma anche sul suo effettivo sviluppo cerebrale e sulla sua struttura cerebrale per gli anni a venire. I bambini hanno bisogno di tutori che supportino il loro sviluppo fin dalla più tenera età".

Le nuove evidenze mostrano che ciò che non accade ai bambini è importante tanto quanto quello che accade

Il Bucharest Early Intervention Project, lanciato nel 2001, è uno studio fondamentale sull'impatto dell'istituzionalizzazione, una grave forma di abbandono sullo sviluppo del bambino. È l'unico studio randomizzato controllato di affido come alternativa alla crescita istituzionalizzata. Di età compresa tra 6 e 33 mesi, 68 bambini sono stati allontanati dagli orfanotrofi e collocati in affido di alta qualità. Le famiglie che hanno ricevuto un bambino adottivo sono state spesso visitate da un'opera sociale e hanno ricevuto un sostegno finanziario significativo, che ha aiutato le famiglie a integrarsi e fornire sostegno.

I bambini sono stati seguiti durante tutta la loro infanzia e le prove iniziali dell'impatto negativo dell'istituzionalizzazione sullo sviluppo hanno cambiato il modo in cui la Romania ha affrontato l'assistenza all'infanzia e il congedo familiare.

"Questa nuova ricerca mostra che quello che non accade ai bambini conta tanto quanto ciò che accade per lo sviluppo del loro cervello" afferma la professoressa Sheridan.

Le avversità sono state collegate a cambiamenti nel cervello e nel corpo in molti studi di correlazione. Ciò ha portato i ricercatori a ipotizzare che le prime avversità si "integrino" nel corpo, cambiando il modo in cui il cervello e il fisico si sviluppano.

20221020 depriv 5a

In particolare, i ricercatori credono che le prime avversità abbiano questo impatto perché l'infanzia è caratterizzata da una maggiore plasticità: man mano che il cervello si sviluppa diventa più efficiente e reattivo verso l'ambiente che incontrerà in futuro, quindi gli ambienti in cui un bambino vive all’inizio sembrano influenzare notevolmente lo sviluppo cerebrale. L'impatto dei primi ambienti sullo sviluppo del cervello è stato dimostrato sperimentalmente nei roditori, tuttavia, fino ad ora mancavano prove sperimentali che questo stesso processo si verificasse negli esseri umani.

I ricercatori volevano dimostrare che le prime avversità non cambiano solo il modo in cui si pensa o ci si sente in seguito, ma che i cambiamenti nel proprio ambiente che iniziano ancor prima che una persona si possa ricordare plasmano lo sviluppo del suo cervello anni dopo.

La plasticità cerebrale precoce è implementata attraverso modifiche alla struttura corticale, ecco perché ai ricercatori interessava la struttura neurale.

Quando i bambini entrano nell'adolescenza si assiste a un rapido aumento dello sviluppo sociale: gli adolescenti stabiliscono nuove reti e supporti sociali a lungo termine, nonché un rapido aumento dei problemi di salute mentale. Questi cambiamenti sociali sono accompagnati da cambiamenti nella struttura e nella funzione neurale. I ricercatori hanno studiato la struttura neurale molto presto nell’infanzia e successivamente nell'adolescenza, a 16 anni, “fotografando” come il cervello venga plasmato dall’inizio fino a quel secondo periodo di plasticità del suo sviluppo.

I ricercatori ritengono che l'associazione tra differenze cerebrali e esisti comportamentali (QI, salute mentale) sottolinei l'importanza dei risultati ottenuti.

Questi risultati, secondo la professoressa Sheridan, dimostrano chiaramente l'impatto causale degli ambienti di assistenza sanitaria positivi sullo sviluppo del cervello negli esseri umani. Il cervello l’organo da cui dipendono comportamento, emozioni e cognizione. Se si vogliono adolescenti sani, occorre che questi abbiano cervelli sani. La sanità pubblica dovrebbe garantire supporto e risorse alle famiglie in modo che possano concentrarsi sulla genitorialità, promuovendo così uno sviluppo sano del cervello dei loro figli.

Questi risultati evidenziano l'importanza fondamentale di promuovere alternative basate sulla famiglia rispetto all'istituzionalizzazione per i bambini e l'importanza di lavorare attraverso politiche e pratiche per ridurre la probabilità che i bambini siano separati dalle loro famiglie. Un’ affermazione universale, non solo limitata alla situazione di Bucarest.

In tutti i casi in cui i bambini vengono tolti dalle cure sensibili di una famiglia, naturale o adottiva, e rimandati a cure istituzionali o negligenti, si espone il loro cervello ad ambienti che non solo plasmeranno i loro prossimi anni, ma avranno un impatto a lungo termine sullo sviluppo del cervello, anche nell'adolescenza. A sua volta, in questo studio i ricercatori mostrano che i cambiamenti nello sviluppo del cervello sono correlati con problemi di salute cognitiva e mentale per questi adolescenti.

L'intervento di affidamento come alternativa all'assistenza istituzionale nello studio dimostra l'efficacia in termini di protezione della salute dei bambini e dello sviluppo cerebrale. Tuttavia, questo intervento di affido era basato sull'attaccamento e centrato sul bambino, oltre ad essere molto ben supportato, con visite frequenti da parte di un gruppo dedicato di assistenti sociali che hanno aiutato i bambini a lasciare l'assistenza istituzionale e a instaurare nuove relazioni con le loro famiglie affidatarie.

In tutti i paesi lavorare per sostenere le famiglie affidatarie con programmi simili e ridurre la quantità di tempo che i bambini rimangono affidati in contesti istituzionali è fondamentale per sostenere uno sviluppo cerebrale sano quando saranno giovani adolescenti.