Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Sono cresciuta in una famiglia con una madre che mi sminuiva e faceva impazzire, il mio obiettivo era semplicemente quello di fuggire lontano da lei. Non era solo narcisista, era anche combattiva, gelosa, arrabbiata e spesso cattiva.

20190627 riflettente 1

Nascosto nel mio armadio dove nessuno poteva vederlo, avevo un rotolo di carta su cui erano segnati i giorni che mi mancavano per andare al college. Ricordo che il numero era qualcosa come mille. Sentivo che il mio unico problema era che vivevo sotto il suo stesso tetto e, come una principessa imprigionata in una torre, dovevo semplicemente organizzare la mia fuga.

A parlare è Peg Streep, studiosa e autrice del libro “La disintossicazione della figlia. Ristabilirsi da una madre anaffettiva e riprendersi la vita”.

Non mi sarei potuta sbagliare di più. Con il tempo, poi, mi resi conto di non essere sola a fare questo errore. Questo è un malinteso molto comune tra le figlie i cui bisogni emotivi non sono stati soddisfatti durante l'infanzia e l’adolescenza. Non riusciamo a renderci conto del peso invisibile che abbiamo sulle nostre spalle mentre ci dirigiamo verso la porta di casa per andarcene, come posso personalmente attestare.

Sebbene esistano punti in comune tra le figlie che hanno ricevuto insufficiente amore, conferme e sensazione di essere in sintonia crescendo, esistono tuttavia anche alcune differenze significative. Alcune di queste differenze possono essere ricondotte ai modelli di comportamento della madre.

La Streep identifica otto comportamenti materni dannosi: quando sono sprezzanti, controllanti, emotivamente non disponibili, inaffidabili, egocentriche o con tratti fortemente narcisistici, combattive, invischiate nella relazione a ruoli rovesciati.

Questi comportamenti sono considerati come strumenti per comprendere l'effetto che certi atteggiamenti materni hanno sullo sviluppo di una figlia; sono poco permeabili e una madre può metterli in atto a volte o anche costantemente nel tempo.

Ad esempio, una madre sprezzante può anche essere emotivamente non disponibile o una madre che controlla può diventare più combattiva man mano la figlia diventa grande e resiste al suo dominio. Una madre ricca di tratti narcisistici può essere sia controllante che emotivamente non disponibile.

Ognuno di questi comportamenti richiede ad una figlia di adattarsi e di affrontarli; la madre egocentrica o con forti tratti narcisistici modella lo sviluppo di una figlia in alcuni modi molto specifici.

20190627 riflettente 5


Comprendere gli effetti a lungo termine delle esperienze infantili

Anche se possiamo riconoscere consapevolmente la mancanza di amore e la nostra infelicità all’interno della nostra famiglia di origine, è improbabile che riusciamo a vedere i modi e i comportamenti che abbiamo adottato per affrontarle e gestirle.

È molto più probabile che si vedano i propri comportamenti da adulti come derivanti dalle proprie personalità innate piuttosto che considerare i vari tratti come risposte apprese all’interno di un ambiente che ci ha formato.

Molti dei propri modi di agire e reagire – potrebbero essere la paura di essere respinti, la difficoltà di parlare di sé, il panico quando ci si trova al centro dell'attenzione di qualcuno, la difficoltà a fidarsi degli altri, il modo in cui ci si incolpa sempre quando le cose vanno male – sono, di fatto, riconducibili a quelle esperienze fatte nell'infanzia.

Il più grande effetto su ogni figlia è il suo stile di attaccamento insicuro che riflette sia le sue insufficienze nel gestire le emozioni sia i suoi modelli inconsci di considerare come le persone si comportano nelle relazioni; avere una madre ricca di tratti narcisistici può portare a uno qualsiasi dei tre stili insicuri che sono ansiosi-preoccupati, timorosi-evitanti e sprezzanti-evitanti.

Essere cresciuti da una madre ricca di tratti narcisistici lascia un'influenza duratura su una figlia.

Anche se è una dei figli preferiti di sua madre, mancherà nondimeno di vera autostima poiché sua madre vede in lei solo una proiezione dei propri desideri e bisogni, non una persona a sé stante. Priva di vera autostima, potrebbe simulare i comportamenti di sua madre, sentendo che è il modo migliore per cavarsela nel mondo e il modo migliore per nascondere la propria ferita.

Una figlia sensibile o che è diventata il capro espiatorio della madre può avere tanta paura di diventare a sua volta narcisista da schivare le luci della ribalta e nascondersi nell'ombra, ammutolendosi.

Questo è quanto che il dott. Craig Malkin nel suo libro “Rethinking Narcisism” chiama un eco. Se si pensa al narcisismo come a uno spettro di comportamenti che ha al centro il sano rispetto per se stessi, gli estremi sono occupati dall'”ecoista”, a cui manca il rispetto per se stesso, e il narcisista, che fa dell'autostima esagerata un’armatura.

20190627 riflettente 4


Cinque cose che la madre narcisistica "insegna" alla figlia sulla vita

Vieni valutata per come sei percepita, non per chi sei
La madre ricca di tratti narcisistici vede i propri figli nient'altro che come estensioni di se stessa, e lei è quindi tutta impegnata a far sì che ne riflettano la personalità e le caratteristiche. Si preoccupa enormemente delle apparenze e molto poco che i figli ottengano risultati per quanto hanno effettivamente fatto. Il figlio che non segue questo suo programma diventerà capro espiatorio e sarà ostracizzato.

L'amore è condizionato e può essere revocato
Ciò che passa per amore nel dominio della madre narcisistica sono la lode e l'attenzione, ed entrambe dipendono dal fatto che la figlia continui a "riflettere" bene la madre, anche nell'età adulta. Poiché questa madre vede l'amore come una cosa che si deve guadagnare, si sente perfettamente a suo agio revocandolo se una figlia la delude. Certamente, la figlia cresce credendo che l'amore non sia altro che una transazione che richiede delle contropartite e, inoltre, ti costringe a guardarti le spalle.

Per appartenere, devi rispettare le regole
Poiché la madre narcisistica richiede che i suoi figli si presentino come lei impone, il fallimento non è accettabile. Molte figlie diventano comprensibilmente molto timorose di fallire e, di conseguenza, non sono in grado di affrontare sfide; puntano in basso e a obiettivi sicuri. Altre, intente a raccogliere le lodi delle loro madri, mirano in alto e talvolta ce la fanno ma, alla fine, non attribuiscono a se stesse quello che hanno raggiunto o di cui sono entrate in possesso; esteriormente vincitrici, dentro si sentono false o truffatrici.

Ci sono sempre ”insiders” e “outsiders”
Il mondo che vede il bambino è filtrato dal punto di vista della madre; ci sono vincitori e vinti, persone che stanno all'interno della sua orbita speciale, quelli che sono al di fuori di essa che non hanno status e valore.

La madre ricca di tratti narcisistici sta con i figli preferiti, mettendo un bambino contro l'altro, osservando come ognuno si dia da fare per attirare l'attenzione. Non sorprende che la figlia cresca credendo che questo sia il modo in cui funziona il mondo in generale e che tutte le relazioni seguano questi stessi schemi. Pensa che uno sia sempre scelto per far parte della squadra, a cominciare da quella della mamma, o destinato a rimanerne al di fuori.

Che ci sia sempre da aspettarsi un abuso verbale e che la manipolazione sia la norma
Tutti i bambini presumono che ciò che accade nella loro casa accada ovunque, e la figlia di una madre narcisistica non è diversa in questo. Per lei usualmente saranno normali non solo i comportamenti della madre che mette un bambino contro un altro, facendone il capro espiatorio, designando vincitori e vinti, ma anche il modo in cui le si rivolge.

Nomignoli, derisioni e manipolazioni sono di solito parte del repertorio di questa madre, è il modo in cui tiene in riga i figli, e la figlia diventa incapace di riconoscere l'abuso verbale. Questo la predispone a considerare normali questi comportamenti tossici in altre relazioni nella sua vita, sia da giovane che in età adulta.

Non è insolito che una figlia emarginata da una madre ricca di tratti narcisistici finisca con un amante o un consorte che la tratta allo stesso modo.

 

Fino a quando una ragazza non affronterà alla radice, anche con l’aiuto di un terapista, i comportamenti determinati dal narcisismo della madre, questo continuerà ad avere un’influenza disastrosa sulla sua vita, conclude la studiosa.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca