Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Nel corso della prima adolescenza, in particolare durante il passaggio alla scuola media, i ragazzi affrontano una serie di sfide sia a livello sociale che scolastico. Il rifiuto dei pari, il bullismo e il conflitto con gli amici sono comuni fattori di stress sociale.

20200107 paristress 1a

Queste sfide possono influire sulla capacità degli adolescenti di stabilire relazioni tra pari positive, un compito evolutivo fondamentale per questa età.

I genitori possono agire come "allenatori" alle competenze sociali offrendo supporto e consulenza ai giovani mentre affrontano queste sfide, fornendo suggerimenti specifici per affrontare le sfide frontalmente o incoraggiando l'autonomia dei figli, mettendoli in grado di "capirlo" da soli.

I ricercatori dell'Università dell'Illinois hanno scoperto che non tutti i ragazzi traggono beneficio dalle stesse modalità di “coaching” dei genitori perché i giovani a quell’età rispondono allo stress in modo diverso.

In un recente studio, pubblicato sul “Journal of Applied Development Psychology”, i ricercatori analizzano la relazione tra il modo in cui le madri consigliano ai propri figli di rispondere a specifici scenari di stress con i compagni e le risposte date dai ragazzi quando hanno raccontato le loro esperienze reali di stress in situazioni di interazione con i loro pari.

Gli studiosi hanno anche evidenziato quello che le madri fanno o dicono che risulta particolarmente utile nel facilitare l'adattamento e il benessere dei giovani di fronte a questi fattori di stress.

" Allo stesso tempo ci stiamo occupando della transizione verso la scuola media e stiamo esaminando fino a che punto le madri stanno concretamente incoraggiando il loro ragazzo a utilizzare strategie di coping attive e impegnate, come il problem solving, la ricerca di aiuto, la riformulazione o la riflessione sulle situazioni che hanno vissuto, in modi meno minacciosi o negativi" spiega Kelly Tu, professore associato presso l’Università dell’Illinois.

Lo studio esamina anche come le madri possano riconoscere che i loro figli stiano entrando nell'adolescenza e stiano cercando di avere maggiore autonomia e indipendenza.

"Volevamo esaminare fino a che punto le madri stiano in quella fase facendo un passo indietro dal controllo, dicendo ai figli: 'Ho intenzione di lasciarti gestire a modo tuo questa faccenda - cosa pensi sia meglio fare o cosa sia più giusto per te? " afferma la professoressa Tu.

Le madri e i giovani hanno partecipato allo studio nel corso della transizione dalla quinta elementare alla prima media. Alle madri sono stati presentati ipotetici scenari di stress tra pari come l’esclusione, la vittimizzazione o il bullismo, nonché l’ansia provocata dal fatto di dover avere nuovi compagni, così come una varietà di suggerimenti per far fronte a queste situazioni. Alle madri è stato chiesto di indicare cosa in genere consiglierebbero al loro ragazzo per affrontare la situazione ipotetica.

20200107 paristress 1

I ricercatori hanno anche osservato conversazioni tra i giovani e le loro madri su situazioni di stress reale tra pari. Gli argomenti più comuni che sono stati discussi includevano l’aver attorno ragazzi maleducati, aver problemi con un amico, il bullismo, la presa in giro o l’essere infastiditi da parte di altri ragazzi.

Durante le conversazioni, i ricercatori hanno misurato il livello di conduttanza della pelle - l'attività elettrica che si sviluppa nella pelle come parte del sistema fisiologico di contrasto dello stress "combatti o fuggi " – sulle mani dei giovani.

"Abbiamo valutato l'eccitazione fisiologica dei giovani durante queste discussioni sulla risoluzione dei problemi per esaminare come i diversi livelli di reattività possano indicare le diverse esigenze dell'adolescente" spiega la professoressa Tu.

Ad esempio, una maggiore reattività durante le conversazioni può riflettere i livelli più elevati di eccitazione o ansia fisiologica dei giovani nel ricordare quell'esperienza stressante e nel parlarne con la madre. Mentre una minore reattività durante la conversazione per la risoluzione dei problemi potrebbe servire da indicatore dell'insensibilità dei giovani all'esperienza stressante.

Questi diversi schemi di risposta possono richiedere approcci genitoriali diversi.

"Abbiamo scoperto che i suggerimenti di coping attivi e impegnati delle madri erano più vantaggiosi per i giovani a bassa reattività. I ​​giovani a bassa reattività potrebbero non seguire i suggerimenti in queste conversazioni su esperienze di stress o di sfida tra pari, e quindi potrebbero comportarsi in modi inaspettati, non -naturali o inappropriati. Ma quando i genitori danno loro consigli specifici su come gestire situazioni difficili con i compagni, questo sembra essere utile per loro" spiega la studiosa.

Tuttavia, lo stesso approccio impegnato e attivo fa predire una conseguenza negativa per i ragazzi che manifestano maggiore eccitazione. "Invece, in questo caso, i consigli più bastati sull’autonomia del giovane nel trovare una risposta fanno effettivamente predire un migliore adattamento per questa categoria di ragazzi”.

"Questi risultati sono interessanti perché suggeriscono che un processo in più passaggi potrebbe funzionare meglio per il ragazzo che mostrano un'eccitazione fisiologica elevata correlata a problemi con i pari. Se si è ansiosi o stressati e il proprio genitore sta dicendo di affrontare il problema a testa alta , questo potrebbe effettivamente creare più ansia”.

"Ma quando un genitore dà a un giovane molto emotivo una maggiore autonomia su come affrontare il fattore di stress tra pari, questo sembra essere più vantaggioso perché i genitori stanno dando loro più spazio e tempo per affrontare la situazione a modo loro" spiega la professoressa Tu.

Pertanto, i genitori dovrebbero prendere attentamente in considerazione la corrispondenza dei loro consigli al tipo di reattività dei figli, per aiutarli davvero a far fronte allo stress tipico di questa fase dell’adolescenza, concludono gli studiosi.


Riferimento bibliografico
Kelly M. Tu, Nyantri Ravindran: Getting under the skin:
Maternal social coaching and adolescent peer adjustment, Journal of Applied Developmental Psychology, 2019.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca