Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Nella letteratura sulla personalità autoritaria, che è nata dopo la seconda guerra mondiale e ha cercato di dare un senso e comprendere l’avvento delle dittature, la personalità dei dittatori e dei loro seguaci, è stata fatta una distinzione tra leader autoritari e seguaci autoritari.

20200422 dittatori 6 

La distinzione – spiega Eric Maisel, psicoterapeuta e autore di numerose pubblicazioni – dipendeva dall'idea che i seguaci autoritari, sebbene aggressivi come i leader cui ubbidivano, erano più sottomessi, convenzionali e religiosi dei loro leader e avevano una minore necessità di dominare e controllare gli altri e di esercitare il potere.

Nella mia indagine sulle persone autoritarie in famiglia, spiega Maisel, mi sembra che questa distinzione non regga molto.

I dittatori familiari che, sotto il profilo del loro credo politico sono seguaci autoritari sono, infatti, dei leader autoritari a casa. L'unica differenza tra un padre o una madre autoritari e un leader autoritario di una nazione è la portata della loro azione. Sono lo stesso tipo di persona.

Quando otteniamo un quadro chiaro di quanto i cosiddetti seguaci autoritari siano in realtà leader autoritari dietro le porte chiuse delle loro case, si inizia a vedere che non stanno semplicemente seguendo come delle pecore i loro leader, ma piuttosto camminando fianco a fianco con loro: con qualcuno che li rappresenta e che è la loro immagine speculare. Non sono seguaci ma compagni e compagne d’armi: sono cioè camerati.

Se si osserva, continua lo studioso, una donna mite che sostiene in modo deciso un leader autoritario, si potrebbe considerarla come la seguace per eccellenza, una persona che viene manipolata e sfruttata. Ma si potrebbe essere raggirati dal suo comportamento mite. Sotto di esso, infatti, potrebbe avere lo stesso atteggiamento feroce che ha il dittatore di cui è seguace.

Ho osservato tutto questo, continua Maisel, ripetersi nelle interviste e nelle analisi di persone di tutto il mondo, di ogni classe socioeconomica, di ogni cultura e di ogni religione, le quali descrivono la loro madre come la più mite delle donne al mondo, impegnata nelle questioni civili o dedita alle attività religiose, o il loro padre come la più affascinante delle creature tra i suoi amici e colleghi. Ma lo stesso genitore diventa poi un tiranno malvagio a casa.

Una volta chiarito che un leader autoritario non sta guidando un esercito di pecore, ma marcia al fianco di un esercito di bulli a lui affini, questo rende molto più facile vedere che il nostro compito sociale non è educare i cosiddetti seguaci autoritari, come se fossero persone ignoranti o ignare, ma piuttosto sconfiggere un vero esercito di dittatori familiari.

Il mio particolare interesse per tutto ciò, spiega lo psicoterapeuta, deriva da come i dittatori familiari danneggiano i loro figli. Poiché mostrano tutte le caratteristiche della personalità autoritaria, compreso il costante bisogno di punire, far vergognare, ridicolizzare, bullizzare e intromettersi, terrorizzano i loro figli, che non hanno difese contro il bullo con cui sono costretti a vivere. "Vivere con un dittatore di famiglia" non fa parte della lunga lista di esperienze infantili sfavorevoli note per causare difficoltà per tutta la vita, ma dovrebbe esserlo.

20200422 dittatori 3a

Ecco un breve testimonianza dagli innumerevoli report che ricevo, dice Maisel:

"Non so davvero come iniziare. È la prima volta che esprimo i miei pensieri su questo argomento a qualcuno, per non parlare dello scrivere i miei sentimenti. Sono una persona molto riservata, quindi nemmeno i miei amici più cari conoscono nulla di tutto ciò.

Immagino che quello che mi ha portato ai tuoi scritti sia l'evento più recente nella nostra casa, che mi ha portato a cercare di capire se sono del tutto solo in questo mondo, o se forse ci sono altri come me, che devono affrontare la brutalità di un dittatore ingiusto e autoritario: mio padre.

Non so come iniziare a descriverlo. Vive per dominare noi, i suoi figli, che gli stiamo attorno. Non lavora, non pratica alcun hobby o non ha veri amici, quindi raramente lascia la casa. Tutto ciò che fa è sedersi davanti alla televisione per ore intere e intromettersi nelle nostre vite, trovando modi impensabili per renderci infelici.

E può diventare molto creativo con i suoi abusi verbali. Si dimostra molto intelligente quando si tratta di sapere esattamente la cosa giusta da dire per causare il maggior danno, il maggior dolore. Semplicemente usando le parole. Avere una di queste interazioni con lui mi lascia irrequieto, debole e ferito per giorni.

Non alziamo mai la voce con lui. Lo rispettiamo per paura, quella paura che è il risultato di anni di abusi verbali e talvolta fisici. In un milione di anni non ammetterebbe mai che si sbaglia su qualcosa e non si scuserebbe mai. Ha sempre ragione e tutti gli altri hanno torto.

Lo giustifica con la sua versione della verità. Non accetta i pensieri degli altri; non accetta l'idea di un’indipendenza per me o i miei fratelli. Siamo tutti tra i 20 e i 30 anni, ma ci tratta ancora come se fossimo adolescenti. Ci parla ancora come se fossimo bambini che hanno bisogno di essere rimproverati. Ha questo controllo psicotico su di noi.

Non è normale So che non è normale. Non sarei sorpreso se si rivelasse essere malato di mente. Penso spesso a come posso sfuggire a tutto questo. Come posso lasciare questa casa, lasciare la sua presa su di me. Nei miei giorni più bui, vorrei che non fosse più vivo. E in genere sono una persona positiva e felice. Quindi, avere questi pensieri mi terrorizza. Come posso continuare a fingere che lui mi piaccia quando, in effetti, a volte non riesco nemmeno a sopportarlo? Cosa posso fare?"

Storicamente, i dittatori potevano essere affrontati solo con la forza. Non si sono mai dimessi di propria iniziativa, non hanno cambiato i loro modi di propria iniziativa o abbiano visto le cose nel modo giusto di propria iniziativa. Dovevano essere rimossi.

I dittatori familiari non possono essere trattati allo stesso modo. Non possono essere rimossi. Questo crea una situazione intollerabile, impossibile che, come mi dicono le persone che si rivolgono a me, spiega il terapeuta, può essere affrontata solo in un modo: scappando da loro, letteralmente.

Se vivi con un dittatore di famiglia, ci sono cose che puoi provare a fare per migliorare la tua situazione, come trovare alleati dentro e fuori la famiglia, denunciare abusi fisici, emotivi e / o sessuali, resistere al bullismo (a volte un bullo improvvisamente si placherà, ma più spesso non lo farà), stare il più lontano possibile da casa, stare fuori il più possibile, evitando comportamenti che scatenano la brutalità, ecc. tutto questo può aiutare per un po'. Quello che probabilmente aiuterà di più sarà di allontanarsi fisicamente e per sempre.

Non si può cambiare un dittatore: né uno che ha un incarico politico, né uno che sta comandando, e mandando in rovina, la sua casa, conclude il professor Maisel.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca