Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

I perfezionisti hanno spesso standard elevati, non solo per se stessi ma anche per i loro figli. Tuttavia, nella loro ricerca della perfezione, potrebbero ritrovarsi all’interno di una categoria di genitori tutt'altro che ideale: quella dei genitori iper-accudenti.

20201001 perfectionist 1

I cosiddetti helicopter parents si impegnano in quella che è nota come una “iper-genitorialità": simile al sorvolare i loro figli, anche se ormai grandi, e svolgere al posto loro compiti che i ragazzi dovrebbero ormai gestire in autonomia, come cucinare, pulire o addirittura pagare le bollette e l’affitto, se sono già fuori casa.

"L’iper-genitorialità si esercita quando viene applicata quella che è, da un punto di vista evolutivo, una genitorialità o un modo di orientare ed educare inadeguato per un ragazzo " spiega dell'Università dell'Arizona Chris Segrin, uno studioso di stili genitoriali.

"Per sviluppo inadeguato, intendiamo fornire a un figlio ciò che potrebbe facilmente fare da solo. Le persone che si impegnano in una genitorialità eccessiva non stanno adattando la loro genitorialità in modo da far sì che il figlio abbia una maggiore autonomia: vogliono controllare tutto quello che fa e raggiunge".

Gli effetti negativi della genitorialità eccessiva sono ben documentati. I ricercatori hanno scoperto che può portare a disagio psicologico, narcisismo, scarso adattamento, uso di alcol e droghe e una serie di altri problemi comportamentali nei ragazzi che vanno verso l’adultità, di età compresa tra i 18 ei 25 anni.

Si sa ancora poco sul motivo per cui alcune persone diventano genitori di questo genere.

In un nuovo studio, Segrin e altri ricercatori della Texas State University e dell'Università del Nebraska, hanno scoperto che il perfezionismo potrebbe essere uno dei fattori trainanti della genitorialità eccessiva.

"Il perfezionismo è una caratteristica psicologica del voler essere perfetti, desiderare il successo, desiderare di avere riconoscimenti positivi che si possono esibire".

I genitori perfezionisti possono vedere il successo dei loro figli riflettersi su di loro, e possono impegnarsi in una genitorialità eccessiva nel tentativo di ottenere risultati "perfetti" anche per se stessi.

"Vogliono vivere indirettamente attraverso i risultati dei loro figli. Vogliono vedere i loro figli aver successo perché dà di loro stessi una buona impressione" spiegano i ricercatori. "Non stiamo dicendo che non si preoccupano dei loro figli; certo che sì. Ma misurano la loro autostima in base al successo dei loro figli. Questo è il metro che usano per misurare il proprio successo come genitori".

Segrin e i suoi collaboratori hanno condotto due studi che esaminano il legame tra perfezionismo e genitorialità eccessiva, i cui risultati sono pubblicati sulla rivista Couple and Family Psychology: Research and Practice.

Nel primo studio a 302 genitori di giovani adulti è stato chiesto di valutare una serie di affermazioni progettate per misurare i loro livelli di adesione a una genitorialità eccessiva e il loro livello di perfezionismo. Nel secondo i ricercatori hanno esaminato 290 coppie genitori-giovani adulti. I giovani adulti hanno risposto a domande costruire per misurare la loro percezione dello stile genitoriale dei loro genitori.

I risultati di entrambi gli studi hanno confermato che il perfezionismo è effettivamente associato alla genitorialità iper-accudente.


Anche i 'genitori ansiosi' possono essere inclini a uno stile di genitorialità eccessiva.

È importante capire cosa motivi la genitorialità eccessiva, al fine di determinare come intervenire in questo comportamento potenzialmente dannoso, spiega il dottor Segrin.

"Tutta la ricerca fino ad ora sulla genitorialità eccessiva, si è concentrata su quali siano le conseguenze per i ragazzi che ne sono i destinatari, nessuno ha esaminato in primo luogo chi la esercita. Riteniamo che conoscere meglio le motivazioni dei genitori abbia importanti implicazioni per capire cosa succede ai figli".

Sebbene non lo affronti in modo specifico nello studio, Segrin sospetta che le mamme e i papà di mezza età cresciuti nell'"era dell'autostima" degli anni '70 e '80 potrebbero essere particolarmente inclini al perfezionismo che può portare alla genitorialità eccessiva . In quell'epoca, il cattivo comportamento dei ragazzi veniva spesso attribuito alla bassa autostima e il rimedio per la bassa autostima erano un sacco di elogi.

20201001 perfectionist 1a

"Abbiamo iniziato a dare trofei ai ragazzi alla fine della stagione solo per essere stati nella squadra, non perché avessero effettivamente vinto qualcosa. Dopo 35, 40 anni queste persone sono ora degli adulti che hanno figli che stanno a loro volta entrando nell'età adulta. Sono cresciuti in una cultura del 'sei speciale, sei fantastico, sei perfetto' e questo alimenta impulsi perfezionisti. "Se sono davvero speciale, se sono davvero un grande, allora è meglio che i miei figli siano anche speciali e grandi, o questo significherebbe che non sono un buon genitore”.

Il perfezionismo non è l'unica caratteristica che può portare a una genitorialità eccessiva. Precedenti ricerche di Segrin hanno dimostrato che esiste anche un legame tra l'eccessiva genitorialità e il suo parente stretto: la genitorialità ansiosa.

I genitori ansiosi tendono a preoccuparsi molto e a rimuginare su cose brutte che potrebbero accadere ai loro figli, quindi sono genitori con l'avversione al rischio sempre presente nei loro pensieri. Il lavoro precedente di Segrin ha mostrato che i genitori che hanno molti rimpianti nella propria vita possono impegnarsi in questo tipo di genitorialità mentre cercano di impedire ai loro figli di ripetere gli errori che hanno fatto loro.

Solo perché qualcuno vive una genitorialità ansiosa non significa che adotti anche uno stile di genitorialità eccessiva, ma la genitorialità ansiosa è "uno degli ingredienti che porta alla genitorialità eccessiva" spiega Segrin, aggiungendo che la genitorialità ansiosa a volte può condurre direttamente a una genitorialità eccessiva.


Più mamme che papà cadono nella trappola della genitorialità eccessiva

I genitori nello studio erano per lo più mamme, e c'è una spiegazione per questo, ha detto Segrin.

"Quando reclutiamo giovani per uno studio e chiediamo loro di convincere un genitore a compilare la sua parte di intervista, lasciamo che scelgano il genitore, con la consapevolezza che ci condurranno naturalmente dal genitore “eccessivo” tra i loro genitori" osserva Segrin. "Quello che è stato ed è ancora super coinvolto nella vita del figlio, ovviamente, vorrà partecipare al progetto di ricerca con il suo “bambino”. Quindi, come una falena sulla fiamma, questi giovani adulti ci attirano direttamente dal genitore che offre un di più genitorialità. Stiamo scoprendo che sono le madri, di solito".

Questo non vuol dire che i papà non possano essere genitori “eccessivi”. Certamente possono esserlo anche loro e in alcuni casi lo sono, ma questo sembra essere meno comune.

"Sappiamo che nella nostra cultura, nel bene e nel male, le donne finiscono per avere responsabilità nella crescita dei figli in misura molto maggiore rispetto agli uomini, quindi è ovvio che man mano che il figlio matura e diventa grande, la madre rimane continua in questa sua disposizione".

Segrin spera che la sua ricerca illumini i rischi della genitorialità eccessiva, non solo per i giovani adulti che ne sono oggetto, ma anche per i genitori stessi.

Affinché i genitori “eccessivi” guidati dal perfezionismo possano cambiare i loro modi di relazionarsi ai figli, devono prima riconoscere il proprio valore personale, indipendentemente dall’essere genitori e dai loro figli, ha detto Segrin.

"A volte vedo, soprattutto nelle madri, che definiscono il loro intero universo come quello dell’essere 'madre' - non coniuge, non moglie, non lavoratrice, non appassionata di un certo hobby, ma 'madre'. Penso che i confini confusi tra genitore e figlio possano essere dannosi per la dimensione psicologica del genitore" ha detto Segrin. "Abbiamo bisogno che i genitori si rendano conto che hanno qualche altro elemento importante della loro vita - che si tratti della loro carriera, delle loro relazioni personali, dei loro hobby - che è indipendente dal loro ruolo di genitori, in modo che non cadano in questa trappola del desiderio di continuare a fare da genitori ai propri figli fino a quando non avranno 40 anni".

Evitare questa trappola è importante anche per il benessere dei figli che stanno diventando adulti, come dimostra un numero crescente di ricerche.

"I genitori devono imparare ad accettare gli obiettivi e i risultati ottenuti dai propri figli e dare loro la possibilità di esplorare", conclude Segrin. "I giovani adulti hanno bisogno di spazio per uscire ed esplorare e trovare la propria strada,  la propria vita e le proprie ambizioni".

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca