Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

I ricercatori dell'Università di Reading e di Haifa hanno chiesto a mille ragazzi dai 13 ai 16 anni di guardare una conversazione inscenata tra un genitore e un adolescente su una situazione difficile, con il genitore che adottava un linguaggio del corpo e un comportamento di ascolto diversi in varie versioni.

20210617 hearing 1

Lo studio che ne è derivato ha dimostrato che le tecniche di ascolto attento e impegnato, supportato da altri fattori che agevolano la comunicazione, come il contatto visivo, l'annuire e l'uso di parole chiave per sostenere l'apertura di chi sta parlando, aiutano gli adolescenti quando ammettono un comportamento negativo o condividono sentimenti ed esperienze che li hanno feriti con i loro genitori.

I partecipanti che hanno guardato le versioni in cui il genitore era visibilmente attento, hanno affermato che si sarebbero sentiti meglio con se stessi e che sarebbero stati più propensi ad aprirsi di nuovo sui loro sentimenti in futuro.

Lo studio, il primo a esaminare la qualità dell'ascolto in isolamento dalle altre tecniche genitoriali, ha rivelato che essere più coinvolti durante l'ascolto ha fatto sentire gli adolescenti più autentici e in relazione con il genitore.

La dottoressa Netta Weinstein, professoressa associata di psicologia clinica e sociale presso l'Università di Reading, che ha co-diretto lo studio, ha dichiarato:

"Sappiamo tutti che ascoltare qualcuno parlare dei suoi problemi è un modo efficace per rassicurarlo e stabilire una connessione con lui. Tuttavia, fino ad ora si è pensato poco alla qualità e alle modalità di quell'ascolto e alla differenza che fa".

"Questo studio mostra che nelle relazioni genitore-adolescente, ascoltare in silenzio un adolescente mentre si mostra che è valorizzato e apprezzato per la sua onestà, ha un potente effetto sulla sua volontà di aprirsi".

20210617 hearing 1a

Per lo studio pubblicato sul Journal of Experimental Child Psychology, è stato reclutato un gruppo approssimativamente uniforme di adolescenti maschi e femmine, con tre ragazzi che si sono identificati come un altro genere. Il team ha scoperto che l'ascolto attivo era ugualmente importante per tutti i partecipanti.

Il primo scenario della conversazione video mostrava un adolescente che ammetteva a sua madre di aver provato a “svapare” e di essersi vergognato, e nel secondo racconta a sua madre di essere stato rifiutato dai suoi coetanei dopo aver rifiutato di “svapare” e si è sentito ferito.

Ogni diverso video aveva una versione in cui il genitore ascoltava con attenzione e un'altra in cui sembrava più distratto e usava meno contatto visivo.

La ricercatrice ha spiegato: "Con un gruppo così numeroso di partecipanti, è rassicurante vedere che l'ascolto attivo è risultato universalmente vantaggioso in questi anni dell'adolescenza".

"Lo studio ha alcune importanti implicazioni anche per il benessere degli adolescenti. I partecipanti hanno affermato che il modello di buon ascolto osservato nei video porterebbe a un benessere maggiore.

Anche se non sappiamo quanto spesso le aspettative soddisfino la realtà, è chiaro che l'ascolto attivo è più probabile che porti a un buon risultato relazionale per gli adolescenti rispetto allo stile più passivo con cui lo abbiamo messo a confronto".