Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Per molti studenti questo periodo di ritorno all’attività scolastica potrebbe essere fonte di ansia e stress. Oltre alle consuete preoccupazioni legate a nuove classi e orari, nuovi insegnanti e compagni, aspettative scolastiche e così via, si aggiungono quelle legate alle regole e alle attenzioni per evitare il contagio.

20210830 ritorno 3

Il disagio è legato anche ai pensieri relativi alla possibilità di ulteriori sospensioni delle lezioni in presenza o limitazioni di attività tanto attese, come quelle sportive o ludiche.

Come possono gli adulti cercare di aiutarli e sostenerli in questo momento?

Lo stress continuo è tra i principali motivi che i giovani indicano per l'uso di alcol e altre droghe come meccanismo di coping, dunque è particolarmente importante che li si aiuti ad affrontare eventuali momenti di tensione.

Per fare questo è importante, da adulti, ricordare che l'obiettivo non è, e non lo era prima di questo periodo complesso, quello di “cancellare” i sentimenti di disagio, piuttosto quello di far sì che gli adolescenti riescano a regolare le loro emozioni, a volte da soli, a volte con l'aiuto di adulti sensibili.

Gli adolescenti che non sono contenti di come le cose stanno andando, probabilmente vivono i sentimenti che è giusto che provino. Quello che conta è come regolano questi sentimenti.

I genitori dovrebbero accettare che, per quanto spiacevole, il disagio dei figli non sia di per sé dannoso o motivo di seria preoccupazione. Di sicuro, piuttosto, è una prova del livello della loro salute mentale.

I ragazzi a volte avranno bisogno di esprimere liberamente la loro angoscia e le loro frustrazioni, altre volte avranno invece bisogno di saperli contenere per non esserne travolti. Piuttosto che cedere a un istinto protettivo, fornendo subito consigli e rassicurazioni, è meglio ascoltarli attentamente e “lasciarli sfogare”, entrando in empatia con loro.

Alcuni ragazzi cedono alle emozioni, le esprimono, altri le scaricano in altro modo, ad esempio nell’attività fisica, ascoltando musica a tutto volume e così via. Finché non fanno nulla di pericoloso è bene accettare il modo in cui scaricano la loro tensione psicologica.

20210830 ritorno 3a

In questo periodo di ancora difficile, molti ragazzi potrebbero non essere in grado di regolare da soli le proprie emozioni. Gli adulti in questo caso dovrebbero adottare strategie che li aiutino a regolare la loro ansia. Ad esempio, uscendo a fare una passeggiata con loro. Molti giovani sono più inclini a parlare e confidarsi quando non hanno un contatto visivo.

Invece di porre domande dirette sulle sue preoccupazioni, si può chiedere a un ragazzo di parlare di quelle che sente nei suoi compagni.

Un genitore calmo e paziente può aiutare un figlio a tenere sotto controllo e a ridimensionare un momento di angoscia.

Quando un ragazzo è troppo concentrato su un suo problema, la distrazione può essere una tattica appropriata e salutare. Lo si può spingere a fare qualcosa di divertente, tornando in un altro momento a quello che lo preoccupa.

Quando è il caso, allora, di preoccuparsi dello stato emotivo di un figlio?

 Quando le emozioni negative prendono il controllo, impedendogli di fare quello che vorrebbe o dovrebbe fare, o bloccandolo in un perenne stato d’animo cupo o depresso.

Allo stesso tempo, devono preoccupare quei ragazzi che arginano continuamente i loro sentimenti, rifiutandosi di esprimerli o trovando un modo non salutare per inibirli, facendo ad esempio uso di sostanze.

Ci sono poi cose semplici e facile da mettere in pratica che possono essere molto d’aiuto in questa fase di ripresa scolastica. Un buon sonno, regolare e di durata adeguata, può evitare irritazione e malumore. Stimolare la lettura e le attività che esercitino la mente.

È bene anche distrarlo dai cambiamenti negativi o dalle cose che non gli piacciono della scuola, per portarlo invece ad aver presente tutti i fattori positivi legati all’incontro con i compagni di classe. Per stimolare questo aspetto, si possono conoscere i loro compagni, organizzare attività extra-scolastiche con le loro famiglie.

Mangiare insieme: i pasti sono una grande opportunità per parlare degli eventi della giornata, per rilassarsi e restare legati. Ascoltare e avere un flusso di comunicazione continuo e non occasionale.

In sostanza, occorre rimanere, soprattutto in questo periodo di transizione, coinvolti nella vita dei propri figli, sempre pronti a intervenire nel modo più adeguato nei momenti di crisi che potrebbero presentarsi.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca