Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Se l'adolescenza potesse essere rappresentata da un manifesto di quelli che i ragazzi appendono nelle loro camere, sarebbe un teenager, in una macchina: a fumare, bere e guidare male riuscendo anche, allo stesso tempo, in qualche modo, a fare sesso sul sedile posteriore.

20150326 Cervello Stars Trek

La debolezza di un adolescente sono gli altri adolescenti. E non stiamo parlando solo di pressione tra pari. La sola presenza di coetanei li rende meno prudenti.

 

Ma i cambiamenti nel cervello che conducono alle notoriamente cattive scelte dell'adolescenza non iniziano a 16 o 17 anni. Iniziano intorno agli 11 o 12 anni, all'inizio della pubertà.

Questo è il piccolo, “sporco” segreto dell'adolescenza: le nebulose capacità di giudizio e il comportamento a rischio Capacità di giudizio offuscare e comportamenti rischiosi possono durare non un anno o due, ma anche un decennio.

Per capire perché, cominciamo con un esperimento. Alla Temple University, un professore di psicologia, Laurence Steinberg, ha messo un gruppo di adolescenti in una macchina FMRI - uno scanner del cervello - e ha chiesto loro di giocare una gara che simulava la guida di un’auto.

"La vostra prospettiva è quella di una persona al volante," ha detto Steinberg, descrivendo il contesto della simulazione. "Arrivate a una serie di incroci e le luci del semaforo diventano gialle. Dovete decidere se azionare i freni o no".

Ora, che cosa pensate che i ragazzi facciano in questa situazione? Sbagliato. Non sono schizzati passando con il giallo ogni volta.

"Quando gli adolescenti giocano a questo gioco da soli, non prendono più rischi rispetto agli adulti stessi quando questi giocano da soli" sostiene Steinberg.

Questo è un grosso problema. Il cervello adolescente, infatti, ha una cattiva reputazione secondo la quale sarebbe impulsivo. Steinberg spera che il suo ultimo libro, Age of Opportunity , contribuirà a impostare le cose in chiaro: avere 12 anni (o 17) non significa che un ragazzo sia costitutivamente portare a fare sempre scelte sbagliate.

Perché, allora, gli adolescenti fanno così tante scelte sbagliate? Per scoprirlo, Steinberg ha aggiunto una variante al suo esperimento.

Ha fatto agire i suoi soggetti al cospetto di una folla di adolescenti.

"Questo raddoppia il numero dei rischi che gli adolescenti prendono" ha detto Steinberg, "non ha invece alcun effetto sul numero di rischi che gli adulti si prendono".

In breve, la debolezza di un adolescente sono gli altri adolescenti. E non stiamo parlando solo di pressione tra pari. La sola presenza di coetanei li rende meno prudenti.

Una ragione, dice BJ Casey, una neuroscienziata  del Weill Cornell Medical College, è che "il cervello è immerso in ormoni gonadici" durante l'adolescenza. Un altro importante motivo: la corteccia prefrontale è ancora un work-in-progress. E svolge un ruolo fondamentale nel nostro processo decisionale.

La corteccia prefrontale "aiuta a collegare le esperienze passate alla situazione attuale," spiega Casey "e, allo stesso tempo, a considerare che le conseguenze future derivano dalle scelte e dalle azioni che vengono fatte".

20140326 Cervello Stars Trek 2

La corteccia prefrontale è la nostra voce della ragione. Steinberg la chiama l'”amministratore delegato” del cervello. La professoressa Casey lo paragona allo Spock di Star Trek, che calcola il valore di una vita in base a una fredda analisi di costi-benefici.

L'analogia non si ferma qui. Per lei, il Capitano Kirk è il sistema limbico - il centro emotivo del cervello che è sempre alla ricerca di minacce e ricompense. Quando ne sorge uno o l'altra, invia un messaggio alla corteccia prefrontale. Poiché il sistema limbico non può dare un senso a queste cose da solo. Ha bisogno della corteccia prefrontale.

Kirk ha bisogno di Spock.

Ecco il problema. Nei ragazzi adolescenti, la corteccia prefrontale si sta ancora sviluppando, e non può tenere il passo con il sistema limbico mentre questo va alla ricerca di ricompense a grande  velocità.

"È come se queste regioni emotive dirottassero i sistemi prefrontali", spiega la professoressa Casey, "e questo porta a scelte che in genere sono cattive. E i ragazzi nemmeno possono ancora sapere che si è trattato di una cattiva scelta."

Queste considerazioni chiudono il cerchio con l'esperimento di guida di Steinberg. Il sistema limbico non solo sollecita e fa trovare ricompense in cose come l'alcool e il sesso. In un dodicenne produce una una sorta sballo semplicemente con l'avere intorno altri adolescenti. I ragazzi si legano l'un l'altro per sviluppare le competenze di cui avranno bisogno per lasciare i loro genitori, sostenere, proteggere se stessi, e crescere i figli. Ma, data la loro condizione di persone ancora in fase di sviluppo, questo si accompagna a capacità di giudizio offuscate e comportamenti a rischio.

Ma l'adolescenza è tutto tranne che vista lunga.

Testo scritto per la serie tv "Avere 12 anni. L’anno in cui tutto cambia"
da una stazione appartenente al network WNYC.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca