Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

La qualità del quartiere in cui un ragazzo cresce ha un impatto significativo sui comportamenti problematici messi in atto nel corso dell’adolescenza. È un’evidenza che trova ulteriori conferme e approfondimenti da uno studio pubblicato nell’edizione di novembre 2017 di Social Science & Medicine.

20171114 quartiere 1

La ricerca è stata condotta dagli studiosi della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health.

I risultati indicano che la qualità del contesto ambientale ha effetti significativi e di lungo termine sui comportamenti problematici di bambini e adolescenti; sono risultati che possono aiutare a orientare le politiche pubbliche in tema di investimenti strutturali e di intervento sociale.

Utilizzando i dati raccolti tra il 1997 e il 2007 su 3.563 ragazzi, i ricercatori hanno scoperto che i bambini dai sette ai dodici anni avevano problemi di comportamento significativamente più gravi se vivevano in quartieri che i genitori valutavano come "poveri" per farvi crescere dei figli rispetto a quelli che vivono nei cosiddetti quartieri "eccellenti".

Per lo studio, i genitori hanno valutato i loro quartieri come "eccellenti", "molto buoni", "buoni", "giusti" o "poveri" per farvi crescere i figli – 20 il punteggio più alto, per eccellente, e zero per povero . Il punteggio riferito all’esternalizzazione di comportamenti problematici nei quartieri “eccellenti” è stato di 1,7 punti più basso rispetto a una media di 4.

Studi fatti in passato hanno dimostrato che i comportamenti esternalizzanti - o comportamenti problematici che sono diretti verso l'ambiente esterno, come il partecipare a risse, il rubare, il vandalismo o il rifiutarsi di seguire le regole – riguardano il 6-7 per cento dei bambini nelle società occidentali industrializzate, un tasso che aumenta con l'età. Molti bambini che manifestano comportamenti problematici, li mantengono poi nel corso dell'adolescenza, arrivando alla devianza.

20171114 quartiere 2

Nel corso del decennio di follow-up dello studio, i genitori hanno completato i questionari riferiti al comportamento dei figli.

I giovani che vivono nei quartieri classificati come "eccellenti" hanno fatto rilevare un’ulteriore diminuzione dei comportamenti esternalizzanti rispetto a quelli che vivono in quartieri qualitativamente "poveri". I livelli più bassi di comportamenti problematici tra gli adolescenti dei quartieri migliori sono stati principalmente spiegati in base ai bassi livelli di disagio parentale e conflitto familiare.

Le valutazioni dei genitori rispetto alla qualità dei quartierie non sono state tuttavia associate a comportamenti problematici in bambini inferiori ai sei anni.

Questi comportamenti sono predittivi di conseguenze più gravi più avanti nel corso della vita, come l'abuso di sostanze, la delinquenza e la violenza, spiega la responsabile dello studio, professoresssa Anne Riley.

Lavori precedenti avevano collegato la bassa qualità dei quartieri a un maggior rischio per questi comportamenti, aggiunge la Riley. Tuttavia, la “tempistica” di questi effetti del contesto e il modo in cui i quartieri influenzano il comportamento dei bambini attraverso l’effetto che questi hanno sullo stress e sui conflitti familiari dei genitori, non sono erano stati precedentemente mostrati.

Per sviluppare una migliore comprensione degli effetti del contesto ambientale sui comportamenti esternalizzanti, i ricercatori hanno utilizzato i dati di uno studio che aveva analizzato migliaia di famiglie attraverso più generazioni dal 1968, in riferimento a fattori economici, sociali e sanitari. Come parte di questo sondaggio, i caregiver primari dai tre anni in su hanno compilato un questionario sul comportamento dei bambini (se il bambino fosse "disobbedente" o "aggressivo ", "spesso" o "talvolta” o “mai”).

La qualità del contesto ambientale è stata valutata anche da osservatori indipendenti, che hanno considerato cinque condizioni:  il deterioramento delle unità abitative, l'abbandono della strada, i rifiuti sulla strada o sul marciapiede, i segni di uso di stupefacenti sulla strada e il rumore al di fuori delle case. I punteggi di valutazione sono risultati sostanzialmente identici a quelli dei genitori.

20171114 quartiere 4

Inoltre, l'indagine ha valutato le risorse familiari, tra cui reddito e istruzione, e altri fattori che influenzano l’equilibrio psicologico e il comportamento psichico dei bambini, come il disagio dei genitori, il conflitto familiare, la disciplina, la supervisione dei genitori e l’avere pari devianti.

La dottoressa Riley osserva che la connessione tra gli effetti della qualità del quartiere sulla personalità e l'età del bambino potrebbero essere semplicemente una “funzione” del tempo di “eposizione”: più a lungo un bambino è esposto all’ambiente, più forte sarà l'influenza dell'ambiente. Inoltre, avere condizioni familiari migliori potrebbe smorzare gli effetti di un quartiere di scarsa qualità o rafforzare gli effetti di un buon quartiere.

Un risultato sorprendente per lo studio, aggiunge, è che la maggior parte dei caregivers erano ben consapevoli di vivere in un quartiere che non era il miglior ambiente per far crescere i bambini.

Altre ricerche hanno dimostrato che molti non sono in grado di andarsene a causa di circostanze come il costo di una casa di qualità, la vicinanza ai posti di lavoro o, per le famiglie di nuclei etnici minoritari, la difficoltà di vivere in comunità etniche sconosciute. Dal momento che la disuguaglianza dei redditi è cresciuta nel corso degli ultimi decenni, spiega Riley, molti genitori sono costretti a far crescere i loro figli in luoghi che vengono percepiti come caotici o pericolosi, circostanze lontane da quelle ideali per la crescita.

"Penso che sia un campanello d’allarme per la comprensione di quanto possa un quartiere contribuire ai problemi di criminalità e devianza che osserviamo nella nostra società" afferma la responsabile dello studo.

"I nostri risultati suggeriscono che gli effetti e le conseguenze sul comportamento del quartiere in cui si vive sono qualcosa che dobbiamo conoscere e modificare in modo molto più esplicito e concreto".


Riferimenti bibliografici:
Mengying Li, Sara B. Johnson, Rashelle J. Musci, Anne W. Riley.
“Perceived neighborhood quality, family processes, 
and trajectories of child and adolescent
externalizing behaviors in the United States”. Social Science & Medicine, 2017.

Logo arimo 1

Ubiminor è una pubblicazione online ad aggiornamento continuo, indicizzata nell'International Standard Serial Number Register ISSN 2283-348X

Iscriviti alla newsletter

logo SPIAZZA ok  Servizio  Arimo news

Libellula 20160208 Casa del riuso logo orizzontale2

Servizio Volpi

immagine-cenni
  header-sportello-neo-maggiorenne-bo-ra
Centro Nisida 
 Riconoscere la violenza o negarla - copertina
 

annunci

Siti amici

nuovo fattore-famiglia Fratelli Colla ok

logosikeMillepiani logo AIA Metodo Terzi

20130919-geco

 

   

 

Seguici anche su Facebook