Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

I cambiamenti fisici e le tempeste ormonali che caratterizzano gli anni di sviluppo dell’adolescenza, non sono responsabili dei cambiamenti nel comportamento degli adolescenti e di quelle manifestazioni di esuberanza, propensione al rischio, ribellione alle regole che li caratterizzano.

20180418 ormoni 5

Lo affermano i risultati di uno studio recentemente condotto da ricercatori dell'Università di Buffalo.

"I cambiamenti nel comportamento sociale durante l'adolescenza sembrano essere indipendenti dagli ormoni puberali, non sono innescati dalla pubertà, quindi non possiamo incolpare gli ormoni di quanto accade con i ragazzi" dice Matthew Paul, un assistente professore nel Dipartimento di Psicologia e autore principale del rivoluzionario articolo pubblicato dalla rivista Current Biology .

Distinguere i cambiamenti dell'adolescenza che vengono innescati dalla pubertà da quelli estranei alla pubertà è difficile, perché pubertà e adolescenza si verificano simultaneamente, ma il professore e i suoi collaboratori hanno trovato un modo per differenziarle ricorrendo ai criceti siberiani.

"Pubertà e adolescenza accadono allo stesso tempo, quindi se si vuol sapere se uno causa l'altro, uno dei due elementi deve essere 'spostato'. Non abbiamo modo di farlo in un essere umano, ma abbiamo trovato un modo per farlo ricorrendo ai criceti" spiega il professor Paul.

Questo nuovo modello, spiegato nello studio, fornisce una comprensione di base che prima non esisteva in riferimento a ciò che guida lo sviluppo sociale degli adolescenti.

L'adolescenza è un periodo critico di crescita per gli individui, osserva lo studioso, durante il quale si sviluppa un pensiero complesso. Sorgono molti disturbi mentali ed è associato alla manifestazione di comportamenti ad alto rischio, come ad esempio l'uso di droghe.

20180418 ormoni 3

Per quanto riguarda il comportamento sociale, è il periodo in cui l'attenzione per le relazioni sociali dei ragazzi passa dalla famiglia ai pari. In altre parole, smettono di voler uscire con mamma e papà.

È stato ampiamente ipotizzato che questi cambiamenti possano essere attribuiti agli aumenti degli ormoni gonadici alla pubertà.

"Quello che abbiamo fatto qui è stato di trovare un nuovo modo per porre la domanda su come la pubertà gioca un ruolo nello sviluppo dell'adolescente - un nuovo modo per determinare quali cambiamenti evolutivi innescano gli ormoni puberali e quali cambiamenti non dipendono da loro".

In genere, parlando comunemente, potremmo sentire pubertà e adolescenza come intercambiabili, eppure biologicamente sono due processi distinti.

La pubertà è il processo attraverso il quale gli individui sviluppano la capacità di riprodursi. È innescata dall'attivazione dell'asse riproduttivo, che è responsabile dello sviluppo della capacità riproduttiva, della comparsa di caratteristiche sessuali secondarie e dell'aumento degli ormoni gonadici.

L'adolescenza è un processo più ampio e complesso. Comprende la pubertà, ma include anche i cambiamenti cognitivi, sociali ed emotivi che si verificano in questo periodo della vita.

Poiché pubertà e adolescenza si verificano contemporaneamente, rispondere alla domanda fondamentale se la pubertà provoca i cambiamenti comportamentali adolescenziali non riproduttivi o semplicemente coincide con loro, è stato difficile e ha confuso i ricercatori - fino ad ora.

Utilizzando una specie di “riproduttori stagionali”, come i criceti siberiani, il professor Paul è stato in grado di controllare i tempi della pubertà.

I criceti siberiani nati all'inizio della stagione riproduttiva (quando i giorni sono lunghi), ad esempio in primavera, attraversano rapidamente la pubertà per riprodursi quello stesso anno. Quelli nati più tardi nella stagione riproduttiva (quando i giorni sono più brevi), in autunno, ritardano la pubertà per non partorire in pieno inverno.

Controllando la quantità di luce che un criceto riceve in laboratorio si può ritardare l'arrivo della pubertà, che arriva intorno ai 30 giorni di vita per i criceti nati durante le giornate lunghe, e intorno ai 100 giorni di vita o più tardi per i criceti nati durante giornate brevi.

Con due gruppi che attraversano la pubertà in momenti diversi, il professor Paul ha potuto osservare i cambiamenti comportamentali in ciascun gruppo per determinare se questi cambiamenti siano sempre vincolati alla pubertà.

Nello studio è stato esaminato il passaggio dal gioco a comportamenti finalizzati al predominio sociale, un passaggio importante per questi giovani animali per poter lasciare il nucleo familiare e trovare il proprio territorio.

20180418 ormoni 4

"Il gioco è un comportamento importante in molte specie, in particolare i mammiferi" spiega il professor Paul.

"È stato preservato dall’evoluzione, nel senso che non è andato perduto quando le specie si sono differenziate l'una dall'altra nell'albero evolutivo. Poiché il gioco viene espresso in così tante specie, è probabile che stia svolgendo una funzione importante anche negli esseri umani. Suggerisce inoltre che ciò che impariamo dai nostri criceti sarà probabilmente vero anche per molte altre specie ".

Se gli ormoni puberali fossero responsabili del passaggio dal gioco all’atteggiamento di dominanza, questa transizione si sarebbe verificata presto per i criceti di lunga giornata e in ritardo per i criceti di breve durata; sempre in co-occorrenza con la pubertà.

Ma il professor Paul ha scoperto che la transizione si è verificata nello stesso momento per entrambi i gruppi, indipendentemente da quando avevano attraversato la pubertà. Per i criceti di pochi giorni, la transizione è stata completata prima ancora della pubertà.

"Questo è un risultato sorprendente, perché tendiamo a pensare che gli ormoni puberali siano responsabili dei cambiamenti che vediamo durante l'adolescenza, ma la nostra ricerca suggerisce il contrario" conclude Paul.

"Questi risultati sono importanti anche per la salute mentale degli adolescenti - comprendere i meccanismi alla base dello sviluppo adolescenziale fornirà informazioni sul perché così tanti disturbi mentali si presentano durante questo periodo della vita".


I materiali della ricerca sono disponibili sul sito dell’Università di Buffalo.

Riferimenti bibliografici
Matthew J. Paul, Clemens K. Probst, Lauren M. Brown, Geert J. de Vries.
Dissociation of Puberty and Adolescent Social Development
in a Seasonally Breeding Species. Current Biology, 2018