Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Sono bastate quattro sedute di psicoterapia equina assistita, per migliorare il livello di resilienza di un gruppo di studenti adolescenti in condizioni di marginalità, che frequentano una scuola superiore specializzata nel lavoro formativo ed educativo con ragazzi disagiati.

20160713 ippoterapia 1

Gli effetti dell'ippoterapia sono stati descritti da un gruppo di ricercatori in un recente studio pubblicato dalla rivista Pediatrics & Therapeutics.

La resilienza degli studenti che hanno intrapreso l’ippoterapia, che è stata sviluppata attraverso attività di base che non comportavano, ad esempio, l’andare a cavallo, è stata confrontata con quella espressa da loro coetanei che avevano invece partecipato a sessioni di psico-educazione di gruppo.

I ricercatori, del Dipartimento di Lavoro Sociale presso la New Mexico State University, hanno spiegato che molti degli adolescenti emarginati di oggi vivono all’interno di famiglie svantaggiate socio-economicamente. Al 15% di loro, secondo i rilievi statistici, verranno diagnosticati disturbi di salute mentale in età adulta.

L'insorgenza di problemi comportamentali prima dell'età di 15 anni è stato infatti da tempo associato al rischio di disordini e disturbi da adulti. Per cercare di far fronte a questo rischio, un numero crescente di terapeuti stanno tentando di creare esperienze ed attività guidate degli adolescenti con i cavalli, all'interno di setting terapeutici naturali, lontano dagli uffici e dal setting della tradizionale terapia dialogica.

Wanda Kay Whittlesey-Jerome e i suoi colleghi hanno usato un modello conosciuto di psicoterapia equina assistita di base (la Equine Assisted Growth and Learning Association’s) per il loro studio. Il programma si concentra sullo sviluppo e sull’interpretazione da parte dell’utente di simboli e metafore, in presenza di cavalli senza l'influenza trattamentale del terapeuta.

Dodici studenti adolescenti che frequentano una scuola superiore privata per adolescenti emarginati sono stati inseriti nelle attività per la ricerca. Frequentavano dall’ultima classe delle scuole medie alle prime delle superiori.

"I ragazzi del nostro campione vivevano in un contesto familiare caratterizzato dal disordine e dalla povertà ed erano a rischio di abbandono scolastico a causa di problemi comportamentali". 

Sette di loro, di età compresa tra i 15 e i 19 anni, sono stati collocati nel gruppo di psico-educazione. I cinque del gruppo di ippoterapia assistita erano di età compresa tra i 15 e i 18.

20160713 ippoterapia 1a

Tutti gli studenti sono stati valutati in anticipo sulla Scala di resilienza per bambini e adolescenti (RSCA). Esistono tre “sottoscale” al suo interno, così definite:

  • Padronanza - che è stata pensata per valutare l'ottimismo, l’auto-efficacia e l’adattabilità;
  • Relazione - che è stata pensata per misurare la fiducia, il sostegno, il grado di agio o disagio nello stare con gli altri e la tolleranza delle differenze;
  • Reattività emozionale - che è stata pensata per misurare la sensibilità a un'intensa stimolazione, il recupero di un normale funzionamento in seguito ad una forte reazione emotiva e la compromissione del funzionamento comportamentale a causa di forti reazioni emotive.

La valutazione RSCA di ogni studente è stata ripetuta dopo aver completato le quattro sedute settimanali di due ore nei loro rispettivi programmi.

Gli studenti sono stati valutati in modo simile nel test preventivo, anche se c'erano alcune differenze statisticamente rilevanti. Gli adolescenti di sesso femminile hanno infatti mostrato punteggi significativamente più alti rispetto ai maschi in Padronanza e Relazione prima di essere coinvolte in entrambi i programmi.

"Dopo l'intervento, vi erano differenze significative nei punteggi su varie sottoscale in base al sesso dei ragazzi" hanno sottolineato i ricercatori.

L'intervento basato sull’ippoterapia sembra essere più efficace nelle aree di Padronanza e Relazione, mentre l'intervento di psico-educazione sembra essere più efficace nell’area della Reattività emozionale.

"È importante sottolineare che il genere è risultato essere un fattore decisivo nei risultati" hanno osservato i ricercatori.

Sebbene il gruppo indirizzato alla psico-educazione avesse mostrato nel test preventivo buoni risultati in riferimento agli aspetti positivi della resilienza e risultati più bassi sugli aspetti negativi, nella verifica effettuata dopo le quattro sessioni sono stati rilevati risultati opposti.

Tuttavia, il gruppo che ha fatto ippoterapia è risultato più debole sulla Reattività emozionale nel test finale, rispetto al gruppo di psico-educazione.

"Abbiamo considerato che, data anche la pregressa esperienza familiare, gli adolescenti che hanno partecipato al gruppo di psico-educazione possano essersi sentiti più a loro agio e meno ansiosi rispetto al gruppo che si è avventurato "all'esterno" ogni settimana, recandosi al maneggio – un luogo nuovo e forse inquietante.

"Ci siamo nondimento domandati perché, con l'eccezione della Reattività emozionale, i punteggi del gruppo di psico-educazione siano peggiorati nel corso delle attività. Abbiamo considerato che alcuni dei ragazzi nel gruppo di psico-educazione non sono stati autorizzati a lasciare il campus durante l'orario scolastico e, per qualsiasi motivo possa essere avvenuto, fattori per noi imperscrutabili possono aver influenzato i risultati".

20160713 ippoterapia 3

Discutendo i loro risultati, i ricercatori hanno detto: "Per un adolescente che soffre di una mancanza di resilienza, il rafforzamento della resilienza è una via preferenziale per l’intervento di contrasto della condizione di marginalità".

"Una delle caratteristiche importanti della psicoterapia equina assistita, che la rende attraente per il lavoro con gli adolescenti, è il fatto che sia in grado di creare un ambiente di costruzione della fiducia in tempi relativamente brevi. In un ambiente naturale, in presenza di cavalli e senza l’indebita influenza del terapeuta, un adolescente può trovare pensieri e sentimenti derivanti da simboli e metafore che sono personali e profonde".

"E il tutto, occorre ribadirlo, in un periodo relativamente breve di tempo "

I ricercatori hanno rilevato che già dalla fine degli anni ‘90 gli scienziati sociali e comportamentali hanno studiato l'uso di cavalli per una varietà di condizioni riferite alla salute umana e alle tendenze comportamentali. Eppure, la questione centrale rimane questa: cos’è che accade, cosa aiuta gli esseri umani quando entrano in contatto con i cavalli?

Il team di studio ha affermato che la psicoterapia equina assistita ha continuato a guadagnare slancio in quanto consapevole, efficace terapia esperienziale con i cavalli, che punta a risultati tangibili e ravvicinati nel tempo.

"Anche se sappiamo che l'ambiente in cui vivono oggi può variare notevolmente per gli adolescenti delle scuole superiori, ci chiediamo se la psicoterapia equina assistita possa fornire loro la possibilità di un ritorno alla natura, al loro sé fisico, mentale ed emozionale e ai quei punti di forza che hanno perso o che ancora non hanno scoperto".

"Le evidenze basate sui racconti hanno dimostrato che la maggior parte degli adolescenti maschi risponde favorevolmente all’interazione con i cavalli. Tuttavia, alcuni di loro hanno manifestato anche aggressività e atteggiamenti intimidatori al maneggio".

"In alcuni casi, i maschi hanno tentato di risolvere problemi cercando di prevaricare i cavalli che avevano intorno. Questo di solito non funziona e può portare, in ultima analisi, ad una potente esperienza di apprendimento".

"In generale, sembra che le adolescenti femmine tendano a rispondere ai cavalli in modo positivo.

"Ipotizziamo che le ragazze si 'identifichino' più naturalmente con i cavalli, anche se le ragazze spesso dicono di essere attratte dai cavalli solo per la loro forza e per la loro bellezza.

"È facile per gli esseri umani dimenticare che i cavalli sono in realtà 'animali da preda' perché i cavalli sono in genere molto più grandi di noi e sapere quanto potenti possano essere, senza dubbio influenza il nostro punto di vista, quando siamo a contatto con loro senza filtri, da pari all’interno della relazione terapeutica".

I ricercatori hanno detto che il loro obiettivo era quello di esplorare la psicoterapia equina assistita in aggiunta ai trattamenti convenzionali per puntare al cambiamento comportamentale degli adolescenti in condizione di marginalità.

"La nostra speranza è quella di spingere la comunità scientifica a diventare ancora più curioso circa l'uso terapeutico dei cavalli e dei modi in cui possano impattare e aver influenza sul comportamento umano, soprattutto con questa fragile popolazione giovaline emarginata".

estate 2

Le pubblicazioni su Ubiminor riprenderanno il 3 settembre.
A tutti i lettori, auguriamo buone vacanze!

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Seguici anche su Facebook

Link amici

Area riservata